Debito con l'Italia
così muoiono i bimbi di Caracas

| La storia di Erick malato di cancro, morto nell'attesa di un trapianto negli ospedali italiani in base a un accordo del 2010. C'è un debito di 10,7 milioni di euro e i piccoli malati, privi di farmaci e cure, si spengono uno dopo l'altro

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Avviso a quanti nel governo - soprattutto la componente grillina, neutrale se non favorevole a Maduro e contraria al presidente ad interim Juan Guadò, appoggiato dalla Lega di Salvini - non conoscono ancora l’entità della crisi in corso nel Venezuela. Dove la gente, i bambini, muoiono anche per la terribile situazione della sanità pubblica, dove mancano i farmaci, tra black out energetici e stipendi da fame. Maduro, i soldi per armi e per comprarsi la fedeltà degli alti ufficiali dell’Esercito, dove il numero di generali è il più alto al mondo, li trova sempre ma non per aiutare il suo popolo alle prese con epidemie e morti causati dall’indifferenza. Ma l’ultimo tragico caso riguarda anche l’Italia. Erick, 11 anni, sofferente di un linfoma non-Hodgkin, è morto nella vana attesa di un trapianto di midollo che non è mai arrivato. E con lui, per gli stessi motivi, sono morti Giovanny Figuera, Robert Redondo e Yeiderberth Requena, tra gli 8 e gli 11 anni.  "Aveva bisogno di un trapianto di midollo osseo, la malattia progrediva ogni giorno", spiega affranto a El Universal,  Gilberto Altuve, 38 anni, padre di Erick.  Una ricaduta della malattia lo ha portato a gennaio al JM de los Ríos Children's Hospital  di Caracas, dove il cancro fu rilevato ed era stato ricoverato in attesa, con fiducia e speranza, di essere trasferito in Italia, nell'ambito di un accordo tra quel paese e la compagnia petrolifera statale Pdvsa firmato nel 2010. 

"Abbiamo un governo che aiuta tutti, ma i bambini?" lamenta Gilberto, con le lacrime agli occhi, alla veglia funebre nel popoloso quartiere di Petare.  Pare che un un debito verso il governo italiano di 10,7 milioni di euro abbia paralizzato il programma salva-vita dal 2018. Maduro, messo sotto accusa per gli ennesimi casi di “morti bianche”, si difende e accusa le sanzioni USA e UE: sebbene siano stati effettuati trasferimenti di denaro per dare continuità all’accordo le risorse sarebbero state bloccate da una banca portoghese a seguito delle sanzioni finanziarie degli Stati Uniti. Ma l'opposizione guidata da Juan Guaidó, riconosciuto come presidente ad interim da cinquanta paesi, sostiene che l'iniziativa era già fallita dal 2016 per "mancanza di input e ostacoli burocratici". 

Al padre di Erick, ora, la caccia ai responsabili non gli interessa molto. Erick non c’è più. Sulla bara, una foto scattata in ospedale mentre sorrideva con la speranza di una possibile salvezza in Italia. "Ma non c'è neanche bisogno di essere ignoranti, certo che avrebbe potuto avere la possibilità di ricevere aiuto", dice. La tragedia della famiglia di Erick si misura con una difficile,  poco dignitosa sopravvivenza, per chi come Gilberto fa il muratore. La famiglia dipende da una scatola di cibo consegnato dal governo ogni mese e da altri sussidi, ma non c'è denaro da raggiungere con un'inflazione del 130,060% nel 2018, secondo i dati ufficiali, e che il FMI prevede di raggiungere al 10.000.000% entro il 2019. 

Altri 26 bambini hanno bisogno di trapianti, così ogni morte si aggiunge al timore delle loro famiglie di fare la stessa fine. “Siolis Álvarez non può fare a meno di pensare che la prossima vittima sarà Alejandro, suo figlio di nove anni, malato di leucemia linfocitaria acuta, La stessa cosa può succedere a tutti noi. Si vive con la paura", ha detto alla AFP la 39enne. Siolis riceve la chemioterapia di suo figlio attraverso le ONG perché non può permettersi gli 800 dollari che costa portarla dalla vicina Colombia. Secondo le Nazioni Unite, circa un quarto della popolazione venezuelana ha bisogno di aiuti umanitari urgenti. Manca l’85 per cento dei farmaci, secondo le autorità sanitarie. 

La morte di bambini non devasta solo le famiglie dei piccoli. Adriana Ladera non vorrebbe tornare all'ospedale dove lavora come infermiera da cinque anni. “Vivere questa situazione, ti segna", confessa la trentenne, a volte non c'è nemmeno il sapone per le mani nel centro medico. "Ci sono giorni in cui vuoi correre e non tornare mai più", dice in lacrime. Ma lei ritorna nonostante la perenne mancanza di rifornimenti e la scarsità di cibo che il personale può offrire ai pazienti. Gilberto ha dovuto farsi prestare dei soldi per dare una degna sepoltura ad Erick. Funerali e tombe hanno un costo altissimo. Ci si affida alla carità, sennò le salme restano per mesi negli obitori degli ospedali.

Sudamerica
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga
Il lato debole di Hulk
Il lato debole di Hulk
Le vicende amorose del campione brasiliano tengono banco nei gossip di tutto il mondo: ha mollato la compagna per fidanzarsi con la nipote di lei, molto più giovane
Argentina, suicida un prete pedofilo
Argentina, suicida un prete pedofilo
Per padre Eduardo Lorenzo stavano per aprirsi le porte della galera, e lui ha scelto di farla finita. Diversi suoi ex allievi lo accusavano di violenza carnale
Argentina, condannati due preti pedofili
Argentina, condannati due preti pedofili
Il sacerdote italiano Nicola Corradi e l’argentino Horacio Corbacho condannati a oltre 40 di galera per aver abusato di bambini audiolesi all’interno di un istituto con sede a Verona. Condannato anche il giardiniere dell’istituto
Il mistero della morte de “La Mimo”
Il mistero della morte de “La Mimo”
Secondo l’autopsia, Daniela Carrasco, 36 anni, artista di strada simbolo delle proteste cilene, sarebbe morta suicida. Ma il paese è convinto sia stato un omicidio di stato
Ordine di cattura per Evo Morales
Ordine di cattura per Evo Morales
Il presidente boliviano, in carica da 13 anni, costretto alle dimissioni da pressioni interne e internazionali. L’annuncio che la polizia lo cerca per arrestarlo