DESAPARECIDO
Gli sgherri di Maduro avrebbero fermato ex dirigente dei Servizi Segreti

| La moglie di Ivan Simonovis, storico oppositore del regime, denuncia con un tweet la sua scomparsa. Arrestato nel 2009, detenuto 5 anni in carcere, era stato rilasciato per le sue condizioni di salute. Sebin invade la casa

+ Miei preferiti

Ivan Simonovis, il noto ex detective venezuelano e alto dirigente dei Servizi Segreti, storico oppositore del regime chavista e ora di Maduro, gravemente malato dopo un lungo periodo di detenzione, è sparito nel nulla. Forse rapito dagli sgherri della Sebin, la polizia segreta di Maduro che in questi giorni sta seminando terrore nel Paese arrestato importanti figure dell’opposizione vicine al presidente ad interim Juan Guaidò. L’investigatore, assai popolare in Venezuela, ha iniziato la sua carriera di detective nel 1981. Fu lui a creare la prima squadra venezuelana SWAT Team (BAE) in collaborazione con altre forze dell'ordine internazionali come il GSG9 tedesco e varie forze di polizia americane. Simonovis aveva tra l’altro guidato con successo l'operazione di salvataggio durante la crisi di Cúa del 1998 per salvare una donna tenuta in ostaggio da un rapinatore armato. Arrestato nel novembre 2004, accusato dal governo di Hugo Chávez per le violenze avvenute a Caracas nell'aprile 2002 nei primi moti di rivolta contro la dittatura socialista che ha portato il popolo alla rovina, nel 2009 è stato giudicato colpevole e condannato a 30 anni di carcere nella famigerata prigione di Ramo Verde, alla periferia di Caracas, ammalandosi in modo grave a causa delle pessime condizioni in cui era detenuto. Soffre di una letale forma di osteoporosi avanzata a causa della deprivazione solare per molti anni. Con il peggioramento delle sue condizioni di salute, ha chiesto a più riprese la grazia umanitaria[1], negata dal governo venezuelano. Simonovis è considerato un prigioniero politico da molti sostenitori dei diritti umani. Nel settembre 2014, gli erano stati concessi gli arresti domiciliari per poter continuare le sue cure mediche.

La moglie dell’ex 007, Bony Pertiñez, ha rivelato giovedì che non sa dove si trova suo marito mentre che la strada di accesso alla sua casa rimane chiusa dalla polizia di Maduro. Ha detto che per diversi giorni i funzionari della Sebin, una specie di Gestapo per la libertà di arrestare o minacciare chiunque, hanno minacciato di riportare il marito in prigione. Pertiñez ha detto di aver nominato Joel García come avvocato difensore di Simonovis. Con due tweet le sue ultime comunicazioni.

 

Bony Pertiñez de Simonovis



@bonypertinezh

 Non sono a casa, i vicini mi informano che la strada di accesso è chiusa. In questo momento non ho informazioni su dove si trova mio marito @simonovis Per giorni Sebin ha minacciato di rimetterlo in carcere.



@bonypertinezh

 Per tutti gli scopi legali e durante la mia assenza, designiamo il Dr. @joelgarcia69 come consigliere del Commissario @Simonovis.

@TVNews

 ORA #Sebin funzionari ordine di spegnere @vivoplaynet e @TVVnoticias stampa team telecamere mentre erano in prossimità della residenza del prigioniero politico Ivan @Simonovis. #TVVNews #TVVenezuela

 

Sudamerica
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo