Dilapida i soldi delle donazioni per le cure del figlio

| Il Brasile sconvolto dal gesto di un padre che ha svuotato i conti correnti su cui confluiva il denaro necessario a pagare le costosissime cure del figlio di 19 mesi, affetto da una malattia rara

+ Miei preferiti
Joao Miguel Alves ha 19 mesi ed è costretto in un letto d’ospedale per una rara malattia neuromuscolare degenerativa che i medici stanno tentando di curare con una cura costosissima, non disponibile nel sistema sanitario nazionale del Brasile. Si tratta dello “Spinraza” – conosciuto anche come “Nusinersen” - l’unico farmaco che attualmente ha dimostrato di essere efficace contro il male del piccolo Joao. Perché il bimbo possa affrontare i sei cicli di cura, da somministrare vicino al midollo spinale, la famiglia è riuscita a fare leva su amici, conoscenti e appelli crowdfunding per raccogliere attraverso donazioni migliaia di Real, la moneta brasiliana.

Una cifra che ha fatto gola a Mateus Alves, 37 anni, disoccupato, il papà di Joao Miguel, che non ha esitato a svuotare il conto corrente per concedersi qualche settimana da nababbo. È stato arrestato dalla polizia sulla spiaggia di Salvador, dopo un mese di bagordi in cui ha dilapidato la somma – per sua stessa ammissione – in alcol, droga e prostitute. Secondo gli inquirenti, Mateus meditava di aprire un bordello con l’aiuto di una donna accusata di complicità: 50mila reais (circa 12mila euro) li ha immolati per diventare comproprietario di un locale, occupandosi di portare a Salvador delle donne reclutate a Belo Horizonte. Nella suite del lussuoso hotel in cui soggiornava, la polizia ha trovato abiti firmati, orologi preziosi, droga e denaro contante.

A sporgere denuncia è stata la moglie Karine, che ha trovato totalmente vuoti quattro conti di risparmio aperti per gestire i proventi delle donazioni.

Galleria fotografica
Dilapida i soldi delle donazioni per le cure del figlio - immagine 1
Sudamerica
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni