El Mencho, il nuovo signore della droga messicana

| Dieci milioni di dollari di taglia a chi permetterà di catturare l’erede naturale di El Chapo. Un ex poliziotto che ha creato un impero con diramazioni in tutto il mondo

+ Miei preferiti
El Chapo Guzmán è ormai un ricordo: dalla galera americana dove l’hanno rinchiuso uscirà solo in un sacco nero per cadaveri. Ma per gli Stati Uniti i problemi non sono finiti con quella condanna, hanno soltanto cambiato il nome al nuovo obiettivo. Il ricercato numero uno della DEA si chiama Nemesio Oseguera Cervantes, per tutti “El Mencho”, un feroce e imprendibile nuovo signore dei cartelli messicani della droga che si è imposto all’attenzione del mondo per un paio di colpi eclatanti. Il primo nel 2016, quando Ivan e Jesus Alfredo Guzmán, due dei figli di El Chapo, sono pestati e sequestrati in un ristorante di Puerto Vallarta dove festeggiano un compleanno: hanno scelto la zona controllata da El Mencho, il rivale del padre, che per spiegarsi meglio ha mandato una squadra punitiva che in due minuti esatti, in un’operazione chirurgica, fa quello che deve fare e sparisce nella notte messicana.

El Mencho, per di più, è un ex agente di polizia di Jalisco che dopo essersi beccato tre anni di galera per spaccio, ha deciso di saltare la barricata creando il “CJNG”, acronimo di “Cartel Jalisco Nueva Generación”. Prima dell’arresto di El Chapo, El Mencho era riuscito a vivere sotto traccia sfruttando la popolarità negativa del rivale. Ma un’esistenza fatta di lussi e business, come una catena di oltre 100 ristoranti, imprese di costruzioni, giornali, grandi magazzini e perfino un marchio di tequila che veniva esportato in Europa. Uno stile di vita che, insieme ad una serie di uccisioni di massa, con 35 cadaveri legati, torturati e abbandonati per strada, avevano attirato le attenzioni della polizia. Risultato, la sua sontuosa residenza in stile hollywoodiano, con decine di animali esotici, è finita sotto sequestro, costringendo El Mencho a vivere in fuga: secondo la DEA cambia rifugio di continuo sulle montagne messicane, fra Michoacan, Jalisco e Colima, da dove dirige un’organizzazione che attualmente riversa negli Stati Uniti tonnellate di droga di ogni tipo, per un giro d’affari valutato in un miliardo di dollari.

Oggi, El Mencho è il ricercato numero uno: sul suo capo pende una taglia di 10 milioni di dollari, e secondo gli agenti della DEA sulle sue tracce, l’impero è cresciuto rapidamente, e al momento opera in 22 stati del Messico, con basi in molte città degli Stati Uniti tra cui Los Angeles, San Diego, Dallas, Miami, New York e Chicago. “La portata globale della CJNG è decisamente più grande del cartello di Sinaloa: a parte l’Antartide, è presente in tutti i continenti - assicura uno dei portavoce della DEA – perfino la Yakuza, la mafia giapponese e le FARC lavorano con El Mencho, perché lui offre quello che loro cercano: metanfetamina a buon mercato”.

Di El Mencho esistono poche immagini, e perfino l’identikit nelle mani degli investigatori è approssimativo: alto un metro e 65, 75 kg, occhi e capelli marroni. Un tempo aveva i baffi, oggi chissà.

Articoli correlati
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino