Ergastoli in arrivo per El Chapo

| Ultime battute nel processo a New York contro il capo del cartello di Sinaloa. Venerdì la sentenza. E' accusato di una serie di omicidi, traffico internazionale di droga, corruzione. Rischia secoli di carcere

+ Miei preferiti

Ultima udienza, al centro ora c'è la difesa del signore assoluto della droga messicano Joaquín "El Chapo" Guzmán e sul banco degli imputati sfila solo un agente dell’FBI. In quelle precedenti s’è assistito allo show dei testi dell’accusa che hanno descritto il boss mentre uccideva personalmente i suoi nemici dei cartelli avversari. In un caso bruciò viva una “spia”, contemplandone soddisfatto l’agonia. Poi torture inenarrabili, uccisioni. Insomma, tutto il repertorio dei Narcos di ogni latitudine. Durante i suoi 15 minuti di testimonianza, l'agente dell'FBI Paul Roberts ha discusso gli appunti che ha preso durante l'interrogatorio di un informatore nel caso contro Guzmán, mentre la clausola prevedeva la testimonianza di un altro informatore; ha detto agli investigatori che Guzmán era in debito di 20 milioni di dollari con i suoi soci ed era abbastanza preoccupato. Oggi si chiude. Il giudice distrettuale statunitense Brian Cogan ha inviato i giurati a casa dopo la testimonianza di martedì e ha chiesto loro di determinare se possono organizzare i loro programmi per iniziare a discutere quale sarà il verdetto. La difesa dovrebbe completare le arringhe giovedì mattina, e la giuria dovrebbe ricevere le sue istruzioni di deliberazione più tardi quel giorno. Guzmán deve affrontare una serie di accuse, tra cui il traffico internazionale di droga, la cospirazione di rivali assassini, l'accusa di armi e il riciclaggio di denaro sporco. E una serie di delitti. Rischia più ergastoli e secoli di carcere.

I suoi avvocati hanno chiesto alla corte lunedì di includere nelle istruzioni della giuria che la "prova del governo al massimo stabilisce l'esistenza di diverse cospirazioni separate e indipendenti" piuttosto che di una sola. I pubblici ministeri hanno risposto che non vi è alcuna base per accuse multiple di cospirazione. "L'imputato ha avuto numerosi complici, che sono cambiati nel tempo, ma l'imputato è rimasto sempre al centro del mentre è salito alla ribalta nel cartello di Sinaloa nel corso della cospirazione".

L'accusa ha anche presentato una lista di 27 obiettivi della presunta accusa per omicidio.Tra le vittime informatori e membri di cartelli della droga rivali.

Il giudice ha concesso un'altra mozione d'accusa per impedire alla difesa di sostenere che Ismael "El Mayo" Zambada - anche lui ritenuto uno dei capi del Cartello di Sinaloa - ha corrotto il governo messicano per concentrarsi su Guzmán. 

La testimonianza di testimoni-collaboratori, forze dell'ordine e altri ancora hanno rivelato dettagli della vita di Guzmán, come il suo nascondersi dalle autorità, la sua paranoia e l'ossessione di monitorare elettronicamente la moglie, le amanti e i soci, e le accuse mosse a sua moglie e ai figli, insieme ad un ex associato del cartello, che hanno coordinato la sua vita da latitante. I giurati hanno ascoltato decine di messaggi e ascoltato telefonate tra Guzmán e i suoi collaboratori in cui lui personalmente discuteva di traffico di droga e persino ordinato esecuzioni.

 
Articoli correlati
Sudamerica
Blackout in Sudamerica: 50 milioni di persone al buio
Blackout in Sudamerica: 50 milioni di persone al buio
Fra i paesi più colpiti l’Argentina e l’Uruguay, oltre ad alcune zone di altri paesi vicini. Il guasto, ancora da chiarire, è al sistema di interconnessione. La società fornitrice assicura: nel giro di poche ore torneremo alla normalità
Profughi venezuelani più numerosi dei siriani
Profughi venezuelani più numerosi dei siriani
Drammatica denuncia OAS, appello ad affrontare la crisi umanitaria nel Paese distrutto dal regime di Maduro e dai suoi alleati
Venezuela: inflazione al 37700x100. E Maduro stampa banconote da 50000 bolivar: carta straccia
Venezuela: inflazione al 37700x100. E Maduro stampa banconote da 50000 bolivar: carta straccia
Inflazione spaventosa, il regime stampa fogli di carta senza valore mentre i consumi di carne e latte scendono ai minimi storici. L'unica attività in progresso è la repressione: arrestato generale ed ex ministro
Il cimitero dell''aero-terrorismo'
Il cimitero dell
Chavez aveva finanziato una linea aerea tra Venezuela. Ira e Siria. Ora gli aerei della flotta giacciono in un cimitero nello stato brasiliano di Vargas
4 milioni di venezuelani in fuga
4 milioni di venezuelani in fuga
È stata definita una delle crisi umanitarie più grandi nella storia del Sudamerica. La maggior parte si dirige verso Colombia e Perù, ma diversi paesi iniziano a rendere più difficile l’ingresso
Il Brasile di Bolsonaro, tra pesticidi e omofobia
Il Brasile di Bolsonaro, tra pesticidi e omofobia
Dall'esagerata deforestazione dell’Amazzonia all’abuso dei pesticidi, dai soprusi verso le minoranze alla sottomissione nei confronti delle lobby internazionali: la popolarità del presidente in carica da gennaio sta rapidamente calando
Parlamentari in carcere, vivi o morti?
Parlamentari in carcere, vivi o morti?
Appello al regime di Maduro della famiglia del vice di Guaidò, Edgar Zambrano, in carcere dall'8 maggio. "Violati i diritti costituzionali, non sappiamo più nulla di lui". Ma i grillini italiani restano "neutrali". In cella 17 parlamentari
così muoiono i bimbi di Caracas'>Debito con l'Italia
così muoiono i bimbi di Caracas
Debito con lcosì muoiono i bimbi di Caracas' class='article_img2'>
La storia di Erick malato di cancro, morto nell'attesa di un trapianto negli ospedali italiani in base a un accordo del 2010. C'è un debito di 10,7 milioni di euro e i piccoli malati, privi di farmaci e cure, si spengono uno dopo l'altro
New York, caccia al tesoro di Maduro
New York, caccia al tesoro di Maduro
Le agenzie Usa hanno individuato un finanziere argentino che avrebbe un ruolo nella gestione di un miliardo e 200 milioni sottratto al popolo venezuelano dal regime chavista. Inchiesta de El Tiempo ed El Universal
Venezuela, strage di bimbi leucemici
Venezuela, strage di bimbi leucemici
Muore Erick, 11 anni, in quarto in un mese per un'infezione ospedaliera nell'interminabile attesa del trapianto di midollo. Il regime ha distrutto anche la Sanità ma per i grillini chi lo combatte è un "golpista"