Ex Miss Uruguay trovata morta

| Fatimih Dávila Sosa, 31 anni, è stata trovata impiccata nella doccia del bagno di un hotel: sul caso la polizia segue tre piste diverse che vanno dal suicidio all’omicidio commissionato da un giro di escort di lusso

+ Miei preferiti
Giovedì scorso, un’addetta alle pulizie dell’hotel della Calle Altadena di Città del Messico entra in una stanza convinta che sia vuota: in bagno trova il corpo senza vita di Fatimih Dávila Sosa, 31 anni, ex Miss Uruguay. È stata la polizia a dare la notizia solo in queste ore, aggiungendo che Fatimih è stata ritrovata impiccata alla doccia e che sul caso si stanno seguendo almeno tre piste diverse: la prima per suicidio, la seconda per femminicidio e la terza per un omicidio nell’ambito di un giro di prostituzione Vip.

A gettare un’ombra di mistero sulla morte della modella sarebbero “le condizioni in cui stato trovato il corpo, che suggeriscono una fine violenta”, ha aggiunto un portavoce della polizia. Sarà l’autopsia, il cui esito è atteso nelle prossime ore, a dare le prime risposte: la famiglia attende la restituzione del corpo per poter fissare i funerali.

Fatimih Dávila Sosa era nata a Punta del Este il 1° febbraio del 1988. La sua biografia racconta che aveva iniziato a calcare le passerelle da adolescente, partecipando a diversi concorsi di bellezza che le hanno permesso di concorrere per il titolo di “Miss Universo Uruguay”, vinto nel 2006, appena maggiorenne. Da quel momento, dopo aver partecipato a “Miss Continente Americano”, “Miss Model of the World” e “Reina Sudamericana”, senza però riuscire a superare le fasi preliminari, Fatimih alternava la carriera di modella con quella di attrice, partecipando in ruoli secondari ad alcune serie tv di successo. Un’esperienza che le accende il desiderio di studiare recitazione e la porta a trasferirsi in Cile. 

Qualche tempo dopo il suo nome era finito in un caso di escort di lusso gestito dall’uomo d’affari argentino Leandro Santos: una vicenda nel 2012 raccontata nel libro “Broken dreams: the hidden pilot plot of modelling, football and television”, in cui si racconta nei dettagli la losca figura di uno degli uomini chiave su cui ruotava la vicenda, José Miguel Acosta, meglio conosciuto come “il negro”, una sorta di reclutatore che convinceva giovani ragazze a dedicare un periodo della loro vita alla prostituzione per lanciare le carriere nel mondo dello spettacolo. In un’intercettazione telefonica, Fatimih chiedeva l’opportunità di “entrare in un giro che conta per lanciare la propria carriera”. Una richiesta che ha acceso la fantasia di Leandro Santos e Pablo Betancur, un procuratore calcistico, sicuri di aver messo le mani su una donna che in certi giri può valere oro. Il processo che ha sgominato il racket di escort di lusso si è concluso nel 2012 con la condanna di Santos e Betancur, considerati i responsabili dell’organizzazione.

Fatimih Dávila Sosa era arrivata in città il 23 aprile scorso e su consiglio di un’amica si era sistemata nell’hotel in cui è stata ritrovata morta la mattina del 2 maggio. In uno dei suoi ultimi post, raccontava di aver firmato un contratto di lavoro come modella in Messico.

Galleria fotografica
Ex Miss Uruguay trovata morta - immagine 1
Ex Miss Uruguay trovata morta - immagine 2
Ex Miss Uruguay trovata morta - immagine 3
Ex Miss Uruguay trovata morta - immagine 4
Ex Miss Uruguay trovata morta - immagine 5
Sudamerica
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”