Ex Miss Uruguay trovata morta

| Fatimih Dávila Sosa, 31 anni, è stata trovata impiccata nella doccia del bagno di un hotel: sul caso la polizia segue tre piste diverse che vanno dal suicidio all’omicidio commissionato da un giro di escort di lusso

+ Miei preferiti
Giovedì scorso, un’addetta alle pulizie dell’hotel della Calle Altadena di Città del Messico entra in una stanza convinta che sia vuota: in bagno trova il corpo senza vita di Fatimih Dávila Sosa, 31 anni, ex Miss Uruguay. È stata la polizia a dare la notizia solo in queste ore, aggiungendo che Fatimih è stata ritrovata impiccata alla doccia e che sul caso si stanno seguendo almeno tre piste diverse: la prima per suicidio, la seconda per femminicidio e la terza per un omicidio nell’ambito di un giro di prostituzione Vip.

A gettare un’ombra di mistero sulla morte della modella sarebbero “le condizioni in cui stato trovato il corpo, che suggeriscono una fine violenta”, ha aggiunto un portavoce della polizia. Sarà l’autopsia, il cui esito è atteso nelle prossime ore, a dare le prime risposte: la famiglia attende la restituzione del corpo per poter fissare i funerali.

Fatimih Dávila Sosa era nata a Punta del Este il 1° febbraio del 1988. La sua biografia racconta che aveva iniziato a calcare le passerelle da adolescente, partecipando a diversi concorsi di bellezza che le hanno permesso di concorrere per il titolo di “Miss Universo Uruguay”, vinto nel 2006, appena maggiorenne. Da quel momento, dopo aver partecipato a “Miss Continente Americano”, “Miss Model of the World” e “Reina Sudamericana”, senza però riuscire a superare le fasi preliminari, Fatimih alternava la carriera di modella con quella di attrice, partecipando in ruoli secondari ad alcune serie tv di successo. Un’esperienza che le accende il desiderio di studiare recitazione e la porta a trasferirsi in Cile. 

Qualche tempo dopo il suo nome era finito in un caso di escort di lusso gestito dall’uomo d’affari argentino Leandro Santos: una vicenda nel 2012 raccontata nel libro “Broken dreams: the hidden pilot plot of modelling, football and television”, in cui si racconta nei dettagli la losca figura di uno degli uomini chiave su cui ruotava la vicenda, José Miguel Acosta, meglio conosciuto come “il negro”, una sorta di reclutatore che convinceva giovani ragazze a dedicare un periodo della loro vita alla prostituzione per lanciare le carriere nel mondo dello spettacolo. In un’intercettazione telefonica, Fatimih chiedeva l’opportunità di “entrare in un giro che conta per lanciare la propria carriera”. Una richiesta che ha acceso la fantasia di Leandro Santos e Pablo Betancur, un procuratore calcistico, sicuri di aver messo le mani su una donna che in certi giri può valere oro. Il processo che ha sgominato il racket di escort di lusso si è concluso nel 2012 con la condanna di Santos e Betancur, considerati i responsabili dell’organizzazione.

Fatimih Dávila Sosa era arrivata in città il 23 aprile scorso e su consiglio di un’amica si era sistemata nell’hotel in cui è stata ritrovata morta la mattina del 2 maggio. In uno dei suoi ultimi post, raccontava di aver firmato un contratto di lavoro come modella in Messico.

Galleria fotografica
Ex Miss Uruguay trovata morta - immagine 1
Ex Miss Uruguay trovata morta - immagine 2
Ex Miss Uruguay trovata morta - immagine 3
Ex Miss Uruguay trovata morta - immagine 4
Ex Miss Uruguay trovata morta - immagine 5
Sudamerica
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus