Gli USA: Maduro è un narcotrafficante

| Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo

+ Miei preferiti
Sono tanti, i 15 milioni di dollari di taglia che il governo degli Stati Uniti hanno promesso a chiunque fornirà informazioni utili alla cattura di Nicolas Maduro, presidente del Venezuela accusato di narcotraffico e terrorismo. Altri 10 milioni è la cifra stanziata per alti funzionari venezuelani accusati di complicità con il discusso presidente: tra loro il presidente dell’assemblea costituente Diosdado Cabello Rondón, l’ex capo dell'intelligence militare Hugo Carvajal Barrios, l’ex generale Clíver Alcalá Cordones, l’ez capo della corte suprema Maikel Moreno, il ministro della difesa Vladimir Padrino e quello dell’industria Tareck Zaidan El Aissami Maddah.

A dare notizia dell’improvviso inasprimento delle posizioni americane contro Maduro è stato il procuratore generale William Barr, in collegamento video fra il Dipartimento della Giustizia e le procure di Miami e New York. Nel provvedimento si legge: “Il presidente Nicola Maduro ha utilizzato il suo potere per sostenere il terrorismo internazionale e per svolgere un ruolo di guida nel traffico illegale di droga all’interno del suo Paese”. A rincarare la dose anche le parole del segretario di Stato Mike Pompeo: “Il popolo venezuelano merita un governo trasparente e responsabile che risponda alle esigenze del popolo. Gli Stati Uniti sono impegnati ad aiutare i venezuelani a riportare la democrazia attraverso libere e regolari elezioni presidenziali”.

Maduro è formalmente accusato di aver cospirato con gli Hezbollah e di aver stretto contatti con le Farc colombiane, oltre di un numero imprecisato di violazioni dei diritti umani attraverso omicidi, torture e detenzioni arbitrarie di oppositori al suo regime.

Il leader chavista ha replicato attraverso i social: “Gli Stati Uniti e la Colombia stanno cospirando e hanno dato l’ordine di riempire il Venezuela di violenza. Come capo dello Stato sono obbligato a difendere la pace e la stabilità di tutto il Paese, in qualunque circostanza: non riusciranno nel loro intento”.



Nicolas Maduro, in carica dall’aprile del 2013, è da tempo sotto accusa per corruzione e per l’aver notevolmente abbassato lo status economico del Venezuela favorendo l’aumento del crimine, dell’inflazione, della povertà e della penuria di generi alimentari, oltre alla violenta repressione dell’opposizione.

Galleria fotografica
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante - immagine 1
Sudamerica
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”
Cile, rapina in aeroporto da 15 milioni di dollari
Cile, rapina in aeroporto da 15 milioni di dollari
Un commando di 10 persone ha rubato milioni di dollari e di euro in contanti dopo aver fatto irruzione con un furgone blindato nell’aeroporto di Santiago del Cile