Gli USA: Maduro è un narcotrafficante

| Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo

+ Miei preferiti
Sono tanti, i 15 milioni di dollari di taglia che il governo degli Stati Uniti hanno promesso a chiunque fornirà informazioni utili alla cattura di Nicolas Maduro, presidente del Venezuela accusato di narcotraffico e terrorismo. Altri 10 milioni è la cifra stanziata per alti funzionari venezuelani accusati di complicità con il discusso presidente: tra loro il presidente dell’assemblea costituente Diosdado Cabello Rondón, l’ex capo dell'intelligence militare Hugo Carvajal Barrios, l’ex generale Clíver Alcalá Cordones, l’ez capo della corte suprema Maikel Moreno, il ministro della difesa Vladimir Padrino e quello dell’industria Tareck Zaidan El Aissami Maddah.

A dare notizia dell’improvviso inasprimento delle posizioni americane contro Maduro è stato il procuratore generale William Barr, in collegamento video fra il Dipartimento della Giustizia e le procure di Miami e New York. Nel provvedimento si legge: “Il presidente Nicola Maduro ha utilizzato il suo potere per sostenere il terrorismo internazionale e per svolgere un ruolo di guida nel traffico illegale di droga all’interno del suo Paese”. A rincarare la dose anche le parole del segretario di Stato Mike Pompeo: “Il popolo venezuelano merita un governo trasparente e responsabile che risponda alle esigenze del popolo. Gli Stati Uniti sono impegnati ad aiutare i venezuelani a riportare la democrazia attraverso libere e regolari elezioni presidenziali”.

Maduro è formalmente accusato di aver cospirato con gli Hezbollah e di aver stretto contatti con le Farc colombiane, oltre di un numero imprecisato di violazioni dei diritti umani attraverso omicidi, torture e detenzioni arbitrarie di oppositori al suo regime.

Il leader chavista ha replicato attraverso i social: “Gli Stati Uniti e la Colombia stanno cospirando e hanno dato l’ordine di riempire il Venezuela di violenza. Come capo dello Stato sono obbligato a difendere la pace e la stabilità di tutto il Paese, in qualunque circostanza: non riusciranno nel loro intento”.



Nicolas Maduro, in carica dall’aprile del 2013, è da tempo sotto accusa per corruzione e per l’aver notevolmente abbassato lo status economico del Venezuela favorendo l’aumento del crimine, dell’inflazione, della povertà e della penuria di generi alimentari, oltre alla violenta repressione dell’opposizione.

Galleria fotografica
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante - immagine 1
Sudamerica
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni