Guaidó: io non ho paura

| Mentre Maduro tenta di raccogliere volontari che combattano gli usurpatori, il giovane presidente del Parlamento auspica un cambio di rotta dell’Europa: “Non temo per me, ma che la dittatura sopravviva”

+ Miei preferiti
L’appello di Maduro è arrivato durante una manifestazione di piazza a Caracas: “Unitevi alle mie milizie per scacciare l’usurpatore” Juan Guaidó, il presidente del parlamento venezuelano riconosciuto da oltre 50 paesi come nuovo presidente della Repubblica, ma non dall’Italia per il costante rifiuto del M5S. Nicolas Maduro, spiegano gli analisti, teme sempre di più di perdere il sostegno dei militari, e si dice convinto di poter arrivare ad un milione di volontari entro la fine dell’anno per “difendere armi in pugno la pace, la sovranità, l’integrità territoriale, l’indipendenza e la vita del Venezuela”.

Ma Guaidó, in un’intervista concessa al quotidiano “il Messaggero”, racconta un’altra verità, quella di un paese ormai al collasso: “Ogni giorno migliaia di bambini e anziani muoiono negli ospedali pubblici per malattie prevenibili o malnutrizione: la povertà è aumentata del 90% e il 65% dei venezuelani soffre la fame. Ogni giorno per le strade si registrano 70 omicidi: tutto questo perché lo Stato non è più in grado di garantire la sicurezza e neanche di fornire beni essenziali come acqua ed elettricità”.

Guaidó, che parla di una lotta con risorse limitate, senza accessi alla televisione nazionale e un’organizzazione affidata ai social network, ai media internazionali e al coraggio de giornalisti locali, si dice pronto a invocare l’articolo 187 della Costituzione, che consente al Parlamento di “autorizzare missioni militari straniere nel paese”, così come commenta la revoca dell’immunità nei suoi confronti perché è uscito dal paese malgrado il divieto: “Fin dal primo giorno ho corso dei rischi per l’integrità e la libertà mia, della mia famiglia e dei miei collaboratori. Ma la più grande paura che ho è che la dittatura continui. Non escludo di la possibilità di andare in Europa, abbiamo forti legami storici con l’Italia, la Spagna e il Portogallo: il sostegno delle democrazie europee per noi è molto importante, e mi auguro che dopo le elezioni ci sia un cambio di rotta in blocco, perché Maduro avverta il peso politico, diplomatico ed economico dell’Europa”.

Sudamerica
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo