Guaidó: io non ho paura

| Mentre Maduro tenta di raccogliere volontari che combattano gli usurpatori, il giovane presidente del Parlamento auspica un cambio di rotta dell’Europa: “Non temo per me, ma che la dittatura sopravviva”

+ Miei preferiti
L’appello di Maduro è arrivato durante una manifestazione di piazza a Caracas: “Unitevi alle mie milizie per scacciare l’usurpatore” Juan Guaidó, il presidente del parlamento venezuelano riconosciuto da oltre 50 paesi come nuovo presidente della Repubblica, ma non dall’Italia per il costante rifiuto del M5S. Nicolas Maduro, spiegano gli analisti, teme sempre di più di perdere il sostegno dei militari, e si dice convinto di poter arrivare ad un milione di volontari entro la fine dell’anno per “difendere armi in pugno la pace, la sovranità, l’integrità territoriale, l’indipendenza e la vita del Venezuela”.

Ma Guaidó, in un’intervista concessa al quotidiano “il Messaggero”, racconta un’altra verità, quella di un paese ormai al collasso: “Ogni giorno migliaia di bambini e anziani muoiono negli ospedali pubblici per malattie prevenibili o malnutrizione: la povertà è aumentata del 90% e il 65% dei venezuelani soffre la fame. Ogni giorno per le strade si registrano 70 omicidi: tutto questo perché lo Stato non è più in grado di garantire la sicurezza e neanche di fornire beni essenziali come acqua ed elettricità”.

Guaidó, che parla di una lotta con risorse limitate, senza accessi alla televisione nazionale e un’organizzazione affidata ai social network, ai media internazionali e al coraggio de giornalisti locali, si dice pronto a invocare l’articolo 187 della Costituzione, che consente al Parlamento di “autorizzare missioni militari straniere nel paese”, così come commenta la revoca dell’immunità nei suoi confronti perché è uscito dal paese malgrado il divieto: “Fin dal primo giorno ho corso dei rischi per l’integrità e la libertà mia, della mia famiglia e dei miei collaboratori. Ma la più grande paura che ho è che la dittatura continui. Non escludo di la possibilità di andare in Europa, abbiamo forti legami storici con l’Italia, la Spagna e il Portogallo: il sostegno delle democrazie europee per noi è molto importante, e mi auguro che dopo le elezioni ci sia un cambio di rotta in blocco, perché Maduro avverta il peso politico, diplomatico ed economico dell’Europa”.

Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino