Guaidò libera l'ex 007 dai domiciliari

| L'ex dirigente dell'Intelligence Ivan Simonovis è stato liberato dai domiciliari su ordine di Guaidò poco prima di essere arrestato, ma ora gli sgherri di Maduro hanno occupato la sua casa. E' in un rifugio sicuro

+ Miei preferiti

Il presidente ad interim Juan Guaidò ha firmato un decreto con cui libera dagli arresti domiciliai l’ex capo del Servizi Segreti Ivan Simonovis diventato poi oppositore prima di Chavez e poi di Maduro. Sarebbe stato liberato da agenti e militari fedeli al presidente ad interim, ora sarebbe al sicuro in un rifugio segreto, dopo avere evitato un nuovo arresto per un soffio. Gli sgherri della polizia politica di Maduro, la Sebin, hanno occupato la sua casa, dove ci sono ancora la moglie e la figlia del patriota venezuelano, tenuto in un carcere duro per anni, tanto ammalarsi in modo grave.

Bony Pertiñez, avvocato e moglie di Ivan Simonovis, ha confermato venerdì che suo marito è stato rilasciato dagli arresti domiciliari. Ha denunciato che i funzionari dei servizi segreti bolivariani rimangono a casa sua.  "Chiarisco che Simonovis è molto lontano da casa nostra. Presumo che il governo debba distruggerla, come fanno in ogni raid. Sarete responsabili dei danni", ha scritto sul suo account Twitter.

Simonovis è fuggito dagli arresti domiciliari questo giovedì. Successivamente, Juan Guaidó, presidente ad interim della Repubblica, ha confermato la situazione e ha riferito che ha dato la grazia all'ex commissario dell'ex polizia metropolitana, e che la misura fa parte dell'operazione Liberty.  "Abbiamo firmato la grazia al commissario Ivan Simonovis. La misura è stata eseguita oggi da forze democratiche fedeli alla nostra Costituzione, sia Sebin che le nostre forze armate", ha detto Guaidó. 



@bonypertinezh

 Il Sebin è ancora in casa nostra, impedendo l'accesso al nostro avvocato @joelgarcia69  aChiarisco che @simonovis è ben lontano da casa nostra. Presumo che il governo debba saccheggiarlo, come fanno in ogni irruzione. L'utente sarà responsabile dei danni.

 

Sudamerica
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso