Guaidò libera l'ex 007 dai domiciliari

| L'ex dirigente dell'Intelligence Ivan Simonovis è stato liberato dai domiciliari su ordine di Guaidò poco prima di essere arrestato, ma ora gli sgherri di Maduro hanno occupato la sua casa. E' in un rifugio sicuro

+ Miei preferiti

Il presidente ad interim Juan Guaidò ha firmato un decreto con cui libera dagli arresti domiciliai l’ex capo del Servizi Segreti Ivan Simonovis diventato poi oppositore prima di Chavez e poi di Maduro. Sarebbe stato liberato da agenti e militari fedeli al presidente ad interim, ora sarebbe al sicuro in un rifugio segreto, dopo avere evitato un nuovo arresto per un soffio. Gli sgherri della polizia politica di Maduro, la Sebin, hanno occupato la sua casa, dove ci sono ancora la moglie e la figlia del patriota venezuelano, tenuto in un carcere duro per anni, tanto ammalarsi in modo grave.

Bony Pertiñez, avvocato e moglie di Ivan Simonovis, ha confermato venerdì che suo marito è stato rilasciato dagli arresti domiciliari. Ha denunciato che i funzionari dei servizi segreti bolivariani rimangono a casa sua.  "Chiarisco che Simonovis è molto lontano da casa nostra. Presumo che il governo debba distruggerla, come fanno in ogni raid. Sarete responsabili dei danni", ha scritto sul suo account Twitter.

Simonovis è fuggito dagli arresti domiciliari questo giovedì. Successivamente, Juan Guaidó, presidente ad interim della Repubblica, ha confermato la situazione e ha riferito che ha dato la grazia all'ex commissario dell'ex polizia metropolitana, e che la misura fa parte dell'operazione Liberty.  "Abbiamo firmato la grazia al commissario Ivan Simonovis. La misura è stata eseguita oggi da forze democratiche fedeli alla nostra Costituzione, sia Sebin che le nostre forze armate", ha detto Guaidó. 



@bonypertinezh

 Il Sebin è ancora in casa nostra, impedendo l'accesso al nostro avvocato @joelgarcia69  aChiarisco che @simonovis è ben lontano da casa nostra. Presumo che il governo debba saccheggiarlo, come fanno in ogni irruzione. L'utente sarà responsabile dei danni.

 

Sudamerica
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga
Il lato debole di Hulk
Il lato debole di Hulk
Le vicende amorose del campione brasiliano tengono banco nei gossip di tutto il mondo: ha mollato la compagna per fidanzarsi con la nipote di lei, molto più giovane
Argentina, suicida un prete pedofilo
Argentina, suicida un prete pedofilo
Per padre Eduardo Lorenzo stavano per aprirsi le porte della galera, e lui ha scelto di farla finita. Diversi suoi ex allievi lo accusavano di violenza carnale
Argentina, condannati due preti pedofili
Argentina, condannati due preti pedofili
Il sacerdote italiano Nicola Corradi e l’argentino Horacio Corbacho condannati a oltre 40 di galera per aver abusato di bambini audiolesi all’interno di un istituto con sede a Verona. Condannato anche il giardiniere dell’istituto
Il mistero della morte de “La Mimo”
Il mistero della morte de “La Mimo”
Secondo l’autopsia, Daniela Carrasco, 36 anni, artista di strada simbolo delle proteste cilene, sarebbe morta suicida. Ma il paese è convinto sia stato un omicidio di stato