Guaidò: 'Soldati, abbandonate il regime'

| L'opposizione, dopo la rivolta fallita, non ferma le mobilitazioni contro Maduro. La vergogna della Farnesina "grillizzata" dal sottosegretario M5s Di Stefano che grida al "golpe". Il Paese prossimo al collasso energetico

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Mentre il popolo venezuelano cerca di liberarsi, a costo di morti e decine di feriti, del regime corrotto di Maduro, il “bullo” della Farnesina, il grillino Manlio Di Stefano, che incredibilmente fa il sottosegrwtario, apertamente schierato con i chavisti che hanno ridotto la fame di un Paese una volta prospero accusa il presidente ad interim Juan Guaidò di avere inscenato “un golpe” con l’Operazione Libertad. La Lega sta con Guaidò ma l’immagine che passa in Sudamerica del governo italiano, retto da un premier, Conte, in ostaggio di chi lo ha messo a palazzo Chigi, cioè il Movimento 5Stelle, è quella di un paese ambiguo, cinico e traditore.

A Juan Guaidó, presidente ad interim del Venezuela riconosciuto da più di cinquantasette paesi, del vergognoso neutralismo grillino e dell’insignificante Di Stefano suo mentore, non glie ne importa (sa che l’Italia, quella vera, è dalla sua parte) e oggi ha manifestato davanti alla caserma principale del Venezuela per chiedere che le Forze Armate cessino di sostenere il presidente Nicolás Maduro, dopo la fallita rivolta di martedì. 

I manifestanti cercheranno di consegnare un proclama per chiedere ai militari di sostenere un governo di transizione guidato da Guaidó, che ha guidato la rivolta insieme al suo omologo Leopoldo López, liberato dagli insorti dagli arresti domiciliari, ha sottolineato la natura pacifica delle mobilitazioni. I disordini registrati martedì durante la ribellione e mercoledì nelle proteste contro Maduro hanno lasciato quattro civili morti, 200 feriti e 205 detenuti, secondo Amnesty International. 

"Se troviamo un blocco non proveremo a passarlo, ma parlare con i soldati e gli agenti, di incorporarli nella lotta. Essi (il governo) stanno andando a cercare di generare violenza per cercare di mostrare il controllo e generare paura", ha detto Guaidó ha detto venerdì, ha riferito AFP. 

Il messaggio ai militari, ha aggiunto, ratifica l'"impegno" del legislatore della maggioranza dell'opposizione con una legge di amnistia per coloro che voltano le spalle al sovrano socialista, di fronte alla peggiore crisi socioeconomica del Venezuela moderno.  Guaidó aveva già organizzato a gennaio delle mobilitazioni verso i distaccamenti militari per consegnare il testo di quella legge. Alcuni militari l'hanno ricevuta, altre l'hanno bruciata. La mobilitazione convocata da Juan Guaidó prevede di visitare i vari comandi delle forze armate. 

Magari i fas italiani di Maduro, alla ricerca disperata di coperture all’estrema sinistra dopo i sondaggi negativi, non sanno che il sistema economico del regime sta crollando. Maduro non può più vendere sul mercato statunitense 435.000 barili di petrolio al giorno come sino a poco tempo fa, 300.000 dei quali erano destinati alla raffineria statunitense Citgo, una proprietà venezuelana ma che ora ha un consiglio di amministrazione nominato dal presidente ad interim Juan Guaidó. 

La situazione è dovuta alla scadenza del periodo di 90 giorni concesso dal governo Trump. Ora Maduro deve cercare di trovare acquirenti alternativi, ma la gestione è stata complicata da sanzioni e veti contro di lui. 

"Poche compagnie vogliono negoziare con Maduro in queste circostanze. La società indiana Reliance aveva accettato l'offerta di petrolio greggio, ma ha dovuto declinare i nuovi impegni a causa delle pressioni degli Stati Uniti, che sta anche manovrando per porre il veto all'uso del dollaro nelle transazioni finanziarie dopo l'annuncio delle sanzioni contro la Banca Centrale del Venezuela", ha riferito El País di Spagna.  Questo potrebbe influire sulla distribuzione di benzina e diesel e aggravare la crisi elettrica che il paese deve affrontare. "Le attuali scorte di benzina e diesel, secondo i documenti aziendali interni, offrono livelli di autonomia futura di 10 giorni, e 20 giorni per il jet fuel", ha concluso il quotidiano spagnolo.

Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino