Haiti, l’anticamera dell’inferno

| Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente

+ Miei preferiti
Era uno dei paradisi terrestri, meta da sogno per viaggiatori da tutto il mondo: immersa nel mar dei Caraibi, Haiti ha subito colpi devastanti, che hanno messo in ginocchia la fragile economia tagliandola fuori anche dal turismo, una delle poche fonti di reddito degli isolani. La prima nel 2004, quando l’isola è attraversata dall’uragano “Jeanne”, nient’altro che un piccolo anticipo del destino rappresentato dal terremoto del 12 gennaio 2010, dieci anni fa esatti. Un sisma catastrofico di magnitudo 7.0, il secondo più distruttivo della storia, capace di mietere 222.517 vittime secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari Umanitari, che conteggia in 3 milioni le persone coinvolte nel terremoto, con 300mila feriti e 1,5 milioni di sfollati. Sei anni dopo, nel 2016, Haiti finisce nella traiettoria dell’uragano “Matthew”, il più mortale di sempre.

Il mondo intero si mobilita, e da ogni parte del pianeta arrivano aiuti e offerte, anche per debellare l’epidemia di peste scoppiata sull’isola che miete 8.183 vittime su 665mila persone contagiate. Dei soldi promessi, 6,4 miliardi di dollari, solo una piccola parte è arrivata ad Haiti, e a svanire è soprattutto l’attenzione del mondo intero: piano piano tutti si ritirano lasciandosi alle spalle la miseria di un Paese ridotto in macerie, il più povero dell’emisfero occidentale e una scia di polemiche, per le centinaia di bambini nati dagli abusi dei Caschi Blu dell’Onu su giovani haitiane.

Oggi, a dieci anni di distanza da quella scossa terribile, 6 milioni di persone vivono sotto la soglia della povertà, con meno di 2,41 dollari al giorno, mentre altri 2,5 devono cavarsela con meno di un dollaro.

Una timida ripresa l’ha fatta registrare la capitale, Port-au-Prince, malgrado il terremoto del 2010 fosse localizzato da appena 25 km di distanza. Le strade e buona parte degli edifici sono stati ricostruiti, ma non basta a risollevare le sorti di un Paese sull’orlo del collasso. Una crisi politica, economica e sociale di proporzioni devastanti che si traduce in carenza di beni di prima necessità, un’inflazione da record, corruzione dilagante e mancanza di lavoro e prospettive che hanno aperto le porte alla violenza e alla malavita. Dallo scorso anno, gli haitiani sono scesi in piazza per protestare, a volte anche in modo violento: il governo di Jovenel Moïse aveva promesso un Paese migliore, ma le pezze non fanno ricchezza da nessuna parte del mondo, neanche lì.

Galleria fotografica
Haiti, l’anticamera dell’inferno - immagine 1
Haiti, l’anticamera dell’inferno - immagine 2
Haiti, l’anticamera dell’inferno - immagine 3
Haiti, l’anticamera dell’inferno - immagine 4
Sudamerica
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”