Haiti, l’anticamera dell’inferno

| Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente

+ Miei preferiti
Era uno dei paradisi terrestri, meta da sogno per viaggiatori da tutto il mondo: immersa nel mar dei Caraibi, Haiti ha subito colpi devastanti, che hanno messo in ginocchia la fragile economia tagliandola fuori anche dal turismo, una delle poche fonti di reddito degli isolani. La prima nel 2004, quando l’isola è attraversata dall’uragano “Jeanne”, nient’altro che un piccolo anticipo del destino rappresentato dal terremoto del 12 gennaio 2010, dieci anni fa esatti. Un sisma catastrofico di magnitudo 7.0, il secondo più distruttivo della storia, capace di mietere 222.517 vittime secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per gli Affari Umanitari, che conteggia in 3 milioni le persone coinvolte nel terremoto, con 300mila feriti e 1,5 milioni di sfollati. Sei anni dopo, nel 2016, Haiti finisce nella traiettoria dell’uragano “Matthew”, il più mortale di sempre.

Il mondo intero si mobilita, e da ogni parte del pianeta arrivano aiuti e offerte, anche per debellare l’epidemia di peste scoppiata sull’isola che miete 8.183 vittime su 665mila persone contagiate. Dei soldi promessi, 6,4 miliardi di dollari, solo una piccola parte è arrivata ad Haiti, e a svanire è soprattutto l’attenzione del mondo intero: piano piano tutti si ritirano lasciandosi alle spalle la miseria di un Paese ridotto in macerie, il più povero dell’emisfero occidentale e una scia di polemiche, per le centinaia di bambini nati dagli abusi dei Caschi Blu dell’Onu su giovani haitiane.

Oggi, a dieci anni di distanza da quella scossa terribile, 6 milioni di persone vivono sotto la soglia della povertà, con meno di 2,41 dollari al giorno, mentre altri 2,5 devono cavarsela con meno di un dollaro.

Una timida ripresa l’ha fatta registrare la capitale, Port-au-Prince, malgrado il terremoto del 2010 fosse localizzato da appena 25 km di distanza. Le strade e buona parte degli edifici sono stati ricostruiti, ma non basta a risollevare le sorti di un Paese sull’orlo del collasso. Una crisi politica, economica e sociale di proporzioni devastanti che si traduce in carenza di beni di prima necessità, un’inflazione da record, corruzione dilagante e mancanza di lavoro e prospettive che hanno aperto le porte alla violenza e alla malavita. Dallo scorso anno, gli haitiani sono scesi in piazza per protestare, a volte anche in modo violento: il governo di Jovenel Moïse aveva promesso un Paese migliore, ma le pezze non fanno ricchezza da nessuna parte del mondo, neanche lì.

Galleria fotografica
Haiti, l’anticamera dell’inferno - immagine 1
Haiti, l’anticamera dell’inferno - immagine 2
Haiti, l’anticamera dell’inferno - immagine 3
Haiti, l’anticamera dell’inferno - immagine 4
Sudamerica
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
Il governatore Witzel, su preciso mandato del presidente Bolsonaro, ha dichiarato guerra alle favelas: 1.810 persone uccise lo scorso anno
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga
Il lato debole di Hulk
Il lato debole di Hulk
Le vicende amorose del campione brasiliano tengono banco nei gossip di tutto il mondo: ha mollato la compagna per fidanzarsi con la nipote di lei, molto più giovane
Argentina, suicida un prete pedofilo
Argentina, suicida un prete pedofilo
Per padre Eduardo Lorenzo stavano per aprirsi le porte della galera, e lui ha scelto di farla finita. Diversi suoi ex allievi lo accusavano di violenza carnale
Argentina, condannati due preti pedofili
Argentina, condannati due preti pedofili
Il sacerdote italiano Nicola Corradi e l’argentino Horacio Corbacho condannati a oltre 40 di galera per aver abusato di bambini audiolesi all’interno di un istituto con sede a Verona. Condannato anche il giardiniere dell’istituto
Il mistero della morte de “La Mimo”
Il mistero della morte de “La Mimo”
Secondo l’autopsia, Daniela Carrasco, 36 anni, artista di strada simbolo delle proteste cilene, sarebbe morta suicida. Ma il paese è convinto sia stato un omicidio di stato