Honduras: ucciso un noto ambientalista

| Insieme alle popolazioni che vivono intorno al fiume Guapinol, Roberto Antonio Argueta si era opposto allo strapotere di un’azienda che può contare sul pieno appoggio dei politici e dei giudici

+ Miei preferiti
Roberto Antonio Argueta era uno degli ambientalisti più conosciuti dell’Honduras: da anni, si opponeva alla costruzione di una diga sul fiume Guapinol che minacciava la sopravvivenza della comunità del dipartimento di Colón. Una presenza scomoda e una spina nel fianco che qualcuno ha deciso di eliminare: l’uomo, 45 anni, è stato trovato senza vita, ucciso a colpi d’arma da fuoco a poca distanza dall’ospedale San Isidro di Tocoa.

Le proteste erano iniziate nell’agosto dello scorso anno, quando i residenti delle comunità hanno allestito un campo per protestare contro le attività della società “Inversiones Los Pinares” che stava lavorando all’apertura di una strada all’interno del Parco Nazionale della Montaña de Botaderos, dove sono attive due società minerarie, i cui lavori di scavo passano a circa 20 metri dal fiume Guapinol. Secondo gli abitanti del villaggio, il trascinamento dei sedimenti dall’apertura della strada ha fatto sì che gli impianti di acqua potabile si riempissero di fango. I residenti di 13 comunità si erano uniti alla protesta perché la miniera si trova nella zona dove nasce il fiume San Pedro, che fornisce loro l’acqua. Secondo i cittadini, si tratta di un’autorizzazione illegale presa in un’area protetta, dove intere popolazioni trovano l’acqua necessaria alla sopravvivenza.

Qualche giorno dopo l’inizio delle proteste, il 7 settembre 2018, una persona era stata ferita da un gruppo di guardie al soldo dalla compagnia “Inversiones Los Pinares”, mentre il 27 ottobre, 1.500 fra militari e poliziotti hanno fatto una violenta irruzione nel campo epicentro della protesta.

Il 21 febbraio scorso, una ventina di abitanti della zona sono comparsi volontariamente davanti al tribunale di La Ceiba per rispondere di un mandato di arresto per presunti crimini e danni causati alla società “Inversiones Los Pinares”. Ma davanti alla corte, hanno scoperto l’esistenza di una seconda richiesta di arresto, questa volta con l’accusa di incendio doloso, rapina e associazione a delinquere. Di fronte a questa situazione, gli avvocati della difesa hanno presentato ricorso contro il giudice di La Ceiba e la causa è stata trasferita a Tegucigalpa. Ma la situazione non è cambiata: anche il giudice di Tegucigalpa ne ha ordinato l’arresto immediato, presentando anche un provvedimento di archiviazione definitiva per i reati di usurpazione e risarcimento danni contro la società “Inversiones los Pinares”.

Galleria fotografica
Honduras: ucciso un noto ambientalista - immagine 1
Honduras: ucciso un noto ambientalista - immagine 2
Honduras: ucciso un noto ambientalista - immagine 3
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino