Honduras: ucciso un noto ambientalista

| Insieme alle popolazioni che vivono intorno al fiume Guapinol, Roberto Antonio Argueta si era opposto allo strapotere di un’azienda che può contare sul pieno appoggio dei politici e dei giudici

+ Miei preferiti
Roberto Antonio Argueta era uno degli ambientalisti più conosciuti dell’Honduras: da anni, si opponeva alla costruzione di una diga sul fiume Guapinol che minacciava la sopravvivenza della comunità del dipartimento di Colón. Una presenza scomoda e una spina nel fianco che qualcuno ha deciso di eliminare: l’uomo, 45 anni, è stato trovato senza vita, ucciso a colpi d’arma da fuoco a poca distanza dall’ospedale San Isidro di Tocoa.

Le proteste erano iniziate nell’agosto dello scorso anno, quando i residenti delle comunità hanno allestito un campo per protestare contro le attività della società “Inversiones Los Pinares” che stava lavorando all’apertura di una strada all’interno del Parco Nazionale della Montaña de Botaderos, dove sono attive due società minerarie, i cui lavori di scavo passano a circa 20 metri dal fiume Guapinol. Secondo gli abitanti del villaggio, il trascinamento dei sedimenti dall’apertura della strada ha fatto sì che gli impianti di acqua potabile si riempissero di fango. I residenti di 13 comunità si erano uniti alla protesta perché la miniera si trova nella zona dove nasce il fiume San Pedro, che fornisce loro l’acqua. Secondo i cittadini, si tratta di un’autorizzazione illegale presa in un’area protetta, dove intere popolazioni trovano l’acqua necessaria alla sopravvivenza.

Qualche giorno dopo l’inizio delle proteste, il 7 settembre 2018, una persona era stata ferita da un gruppo di guardie al soldo dalla compagnia “Inversiones Los Pinares”, mentre il 27 ottobre, 1.500 fra militari e poliziotti hanno fatto una violenta irruzione nel campo epicentro della protesta.

Il 21 febbraio scorso, una ventina di abitanti della zona sono comparsi volontariamente davanti al tribunale di La Ceiba per rispondere di un mandato di arresto per presunti crimini e danni causati alla società “Inversiones Los Pinares”. Ma davanti alla corte, hanno scoperto l’esistenza di una seconda richiesta di arresto, questa volta con l’accusa di incendio doloso, rapina e associazione a delinquere. Di fronte a questa situazione, gli avvocati della difesa hanno presentato ricorso contro il giudice di La Ceiba e la causa è stata trasferita a Tegucigalpa. Ma la situazione non è cambiata: anche il giudice di Tegucigalpa ne ha ordinato l’arresto immediato, presentando anche un provvedimento di archiviazione definitiva per i reati di usurpazione e risarcimento danni contro la società “Inversiones los Pinares”.

Galleria fotografica
Honduras: ucciso un noto ambientalista - immagine 1
Honduras: ucciso un noto ambientalista - immagine 2
Honduras: ucciso un noto ambientalista - immagine 3
Sudamerica
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo