I bambini dimenticati del Venezuela

| Muoiono di fame, sono stati venduti a pedofili o semplicemente abbandonati: i figli del Venezuela stanno pagando un prezzo più alto della crisi del loro Paese

+ Miei preferiti
La Fondazione “La Casa de Ana” accoglie bambini abbandonati, malati e affamati. Spesso venduti a pedofili, sacrificati dalle loro famiglie perché i loro fratelli più piccoli potessero mangiare. Sono i risultati dell’esperimento socialista venezuelano, costato la vita a migliaia di bambini venduti o semplicemente abbandonati, morti di fame e di malattie che sarebbero state facilmente curabili.

Attualmente, in Venezuela più di un bambino su sette soffre di malnutrizione, perché gli stipendi dei loro genitori non riescono a coprire l’impennata dei costi della vita quotidiana. Le comuni malattie curabili - morbillo, difterite e diarrea - che erano state quasi sradicate da quello che un tempo era uno dei più ricchi Paesi sudamericani, stanno uccidendo centinaia di piccoli. Ci sono mamme disposte a vendere i corpi delle loro figlie a chi è in cerca di sesso, altri che hanno scelto di abbandonarli al loro destino: meglio non sapere dove sono e fingere di immaginarli salvi, che vederli morire.

Orrori raccontati al “Mail Online” dal dottor Huniades Urbina, direttore del principale ospedale pediatrico di Caracas: “In tanti partivano da ogni parte del Venezuela perché questa struttura era in grado di fornire le migliori cure del Paese. Ora non riusciamo nemmeno a dare da mangiare a chi è ricoverato”.

Privo di risorse e bersagliato dalle interferenze del regime socialista del presidente Maduro, l’Hospital de Niños “José Manuel de los Ríos” è stato derubato di gran parte delle attrezzature: non esiste una macchina a raggi X o una TAC. Nove delle dodici sale operatorie sono state chiuse e 310 dei 400 posti letto non sono più in uso: l’ospedale non può più permettersi i farmaci necessari per curare i piccoli pazienti. Se i genitori non li comprano, il piccolo muore.

“E pensare che il Venezuela aveva un programma nazionale completo di vaccinazione contro le più comuni malattie infantili, ma il governo ha dichiarato che il paese non può più permettersi di acquistare le vaccinazioni e ora abbiamo focolai di epidemie di difterite e morbillo. Centinaia di bambini stanno morendo di diarrea causata dal rotavirus, che potrebbe essere facilmente prevenuta, altri sono così deboli che stanno morendo di polmonite”.

Ma è la malnutrizione, il più grande killer in circolazione. Ne soffre circa il 15% dei bambini venezuelani: “è la principale causa di mortalità infantile”. Non esistono statistiche sul numero di bambini morti lo scorso anno, il regime si è rifiutato di pubblicarle, ma le cifre del 2017 mostrano che il tasso di mortalità è quasi raddoppiato in meno di dieci anni, passando dal 16,6 per mille al 30,9 per mille.

In cima alle colline che sovrastano la tentacolare Caracas, una piccola casa di campagna nasconde un’altra tragedia: è la sede dell’orfanotrofio della Fondazione “La Casa de Ana”, dove vivono 27 bambini strappati alle strade. Hanno un’età compresa tra i 3 e i 17 anni e ognuno una storia amara che li ha portati fino a lì. Molte delle ragazze sono state vittime di violenza sessuale, alcune sono state vendute dai genitori. “La povertà estrema è la ragione principale per cui i bambini sono qui”, racconta Carolina Santander, una volontaria. “Alcuni sono stati abusati sessualmente, altri sono stati venduti, ma tutti hanno subito lo steso destino: abbandonati perché i loro genitori non potevano permettersi di tenerli con loro”.

Tra il gruppo di giovani c’è Angelica, una ragazzina di 11 anni con la faccia luminosa e le fossette. “Mi piace stare qui, ho qualcosa da mangiare ogni giorno: quando sono arrivata non ricordavo neanche l’ultima volta in cui avevo mangiato carne o uova”. Angelica e i suoi cinque fratelli sono stati salvati poco più di un anno fa da una baraccopoli alla periferia di Caracas: li anno trovati affamati, sporchi e in preda alle malattie, erano stati abbandonati dalla madre e dal patrigno. Lo stomaco di Angelica era gonfio di parassiti, le sue dita coperte di verruche, il corpo ricoperto di pidocchi. “Il mio patrigno mi ha violentata, ma ora voglio diventare medico, per aiutare il prossimo”:

Abbandonata dallo Stato, per andare avanti la Fondazione “La Casa de Ana” si affida alla carità di volontari e alle donazioni: ma l’ultimo sacco di riso è quasi finito.

Galleria fotografica
I bambini dimenticati del Venezuela - immagine 1
I bambini dimenticati del Venezuela - immagine 2
I bambini dimenticati del Venezuela - immagine 3
I bambini dimenticati del Venezuela - immagine 4
I bambini dimenticati del Venezuela - immagine 5
I bambini dimenticati del Venezuela - immagine 6
Sudamerica
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto