"I cartelli dei narcos con Maduro"

| Duro attacco del senatore rep USA Rubio contro Cabello, braccio destro di Maduro, accusato dalla Dea di narcotraffico: "Riforniscono Caracas di benzina, il resto del Paese condannato alla paralisi"

+ Miei preferiti
Marco Rubio, senatore degli Stati Uniti per lo stato della Florida, ha detto di essere in possesso di informazioni "molto utili" su una recente attività di Diosdado Cabello (nella foto), il numero 2 del regime, mentre era a El Furrial, nello stato di Monagas. "Ci sono molte informazioni utili su Diosdado Cabello che esce dal Furrial a Monagas. Un promemoria al regime di Maduro che non è un governo ma un anello di criminalità organizzata".
Il senatore ha raccontato che il partito al potere sta concentrando le strategie sul controllo di Caracas, mantenendo il resto del paese nel più totale oblio, il motivo principale per cui la capitale riceve una fornitura di benzina. Ha aggiunto che l'altra metà è distribuita su tutto il territorio nazionale, provocando le lunghe code che si registrano quotidianamente per il rifornimento. "Il regime di Maduro ha lasciato alla deriva quasi tutto il paese e si concentra sul mantenimento del controllo di Caracas. Metà della benzina in fase di raffinazione viene spedita nella capitale, mentre ci sono lunghe code alle stazioni di servizio in tutto il paese e otto città sonoa secco di benzina", denuncia Rubio. ll 18 maggio 2015, Diosdado Cabello, secondo uomo del partito al governo, è stato indagato per narcotraffico dalla Dea, secondo cui sarebbe alla guida del "Cartel de los Soles",  al quale sarebbero legati anche alti ufficiali delle Forze armate. Questo spiegherebbe la fedeltà a Maduro.
 
Sudamerica
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
Il governatore Witzel, su preciso mandato del presidente Bolsonaro, ha dichiarato guerra alle favelas: 1.810 persone uccise lo scorso anno
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga
Il lato debole di Hulk
Il lato debole di Hulk
Le vicende amorose del campione brasiliano tengono banco nei gossip di tutto il mondo: ha mollato la compagna per fidanzarsi con la nipote di lei, molto più giovane
Argentina, suicida un prete pedofilo
Argentina, suicida un prete pedofilo
Per padre Eduardo Lorenzo stavano per aprirsi le porte della galera, e lui ha scelto di farla finita. Diversi suoi ex allievi lo accusavano di violenza carnale
Argentina, condannati due preti pedofili
Argentina, condannati due preti pedofili
Il sacerdote italiano Nicola Corradi e l’argentino Horacio Corbacho condannati a oltre 40 di galera per aver abusato di bambini audiolesi all’interno di un istituto con sede a Verona. Condannato anche il giardiniere dell’istituto