I MILITARI ABBANDONANO MADURO, SVOLTA IN VENEZUELA. Guaidò: 'Abbattere il regime adesso'

| Il clan del dittatore invita il popolo a difendere palazzo Miraflores dove Maduro s'è trincerato con le truppe fedeli: "E' un golpe". Il vice di Guaidò, Lopez, liberato dai soldati dai domiciliari. Gli Usa: "Cedete le armi al popolo"

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

MICHAEL O'BRIEN

"Le forze armate non sostengono più Maduro”, annuncia il presidente ad interim Juan Guaido in una giornata drammatica mentre il presidente e il suo clan gridano al golpe.  Il leader dell'opposizione venezuelana ha poi ribadito in questi minuti alla CNN Español che Maduro ha perso l'appoggio dei militari del paese. "Evidentemente, non c'è più un evidente sostegno delle forze armate al regime di Maduro, la comunicazione è stata bloccata tra i leader civili e le forze armate democratiche del Venezuela .... ma siamo stati in grado di penetrare attraverso questo. E’ una grande notizia per l'intero paese che i militari delle forze armate venezuelane hanno fatto questo passo. Erano una parte importante di questo. Questo è stato fondamentale non solo per una transizione, ma per recuperare la sovranità del Venezuela. Qui siamo accanto ai nostri legislatori, ai militari e presto anche al popolo venezuelano. Siamo determinati a conquistare la libertà per il nostro Paese", ha detto. 

Per quanto riguarda la figura dell'opposizione venezuelana Leopoldo Lopez, ha detto Guaido: "Abbiamo decretato l'amnistia e il rilascio per i politici incarcerati. Questo è l'inizio della liberazione dei leader politici e del personale militare".

Da Cuba arriva uno stop, il presidente cubano respinge il "movimento di colpo di stato" in Venezuela. Miguel Diaz-Canel, presidente di Cuba e alleato chiave del governo di Maduro, ha dichiarato di rifiutare il "colpo di stato" in atto inVenezuela. I suoi commenti riecheggiano il linguaggio usato dai rappresentanti del governo venezuelano, che hanno anche definito gli sforzi di martedì come un tentativo di colpo di Stato. "I traditori che si sono posti a capo di questo movimento sovversivo hanno impiegato truppe e polizia con armi da guerra in una strada pubblica della città per creare angoscia e terrore", ha scritto Diaz-Canel su Twitter.

Maduro richiama i suoi sostenitori a palazzo Miraflores, ja CNN spiega però che "la situazione per ora è sotto controllo".

Da Nick Paton Walsh della CNN. Il vicepresidente venezuelano Delcy Rodriguez ha chiesto che la gente si rechi al Palazzo Miraflores, luogo di lavoro ufficiale del Presidente, per "difendere la pace”. "La democrazia bolivariana si fonda sul protagonismo del popolo! Riposa nella gloria dei nostri Libertadores, di Chavez! Traditori e fascisti non torceranno mai il destino di libertà che il Venezuela ha segnato! Lasciate che la gente coraggiosa a Miraflores per difendere la pace", ha detto Rodriguez. 

Un'altra figura di governo, il vice ministro delle comunicazioni di Maduro, Isbemar Jimenez, ha anche detto alla CNN che "la situazione è sotto controllo". Jimenez ha aggiunto: "Tutte le guarnigioni militari sostengono il presidente venezuelano Nicolas Maduro. Il senatore statunitense Marco Rubio ha esortato i militari venezuelani a "prestare il loro giuramento costituzionale" e a sostenere Guaidó, che a gennaio si è dichiarato presidente ad interim del paese. "Dopo anni di sofferenze, la libertà aspetta la gente di Venezuela. Non lasciare che loro di cogliere questa opportunità da voi," Rubio twittato Martedì presto. "Ora è il momento di scendere in piazza a sostegno del vostro legittimo governo costituzionale. Non lasciate che questo momento scivoli via. Non può venire di nuovo”. Ha anche esortato la polizia, i leader giudiziari e politici a sostenere gli sforzi. "Oggi  non possono essere spettatori", ha scritto. Più tardi ha aggiunto che gli appelli del governo per le persone a dirigersi alla base militare "è un chiaro segno che hanno perso la fiducia nel loro controllo dell'esercito".

Gli Stati Uniti sono uno dei 157 Paesi, compresi i big della Ue, con l'eccezione dell'Italia costretta dai grillini a un'umiliante neutralità (Salvini e la Lega sono di parere opposto) che hanno dato il loro sostegno dietro il leader dell'opposizione.

Intanto la polizia ha sparato gas lacrimogeni all'esterno della base dell'aeronautica di Caracas, assediata dagli oppositori del regime. Guaidó e i suoi sostenitori hanno chiesto ai venezuelani di scendere in piazza per protestare, dato che i loro sforzi per cacciare il presidente Nicolás Maduro sembrano entrare in una nuova fase. Era presente un'altra figura chiave dell'opposizione, Leopoldo Lopez che era stato agli arresti domiciliari, ma ha detto su Twitter che è stato liberato dal personale militare. Questo potrebbe suggerire un crescente sostegno da parte del personale militare per i tentativi di estromettere Maduro, anche se non è chiaro quanto sia diffuso tale sostegno.

 
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino