Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico

| Il caso di una bambina di 7 anni rapita, violentata e uccisa riaccende le proteste per quella che il presidente Obrador definisce una vera piaga sociale: 1.006 casi di femminicidio nel solo 2019

+ Miei preferiti
Le ultime immagini di Fátima, una bambina di 7 anni di Città del Messico, le ha riprese una telecamera di sorveglianza: una donna, la cui identità è ancora sconosciuta, l’ha prelevata all’uscita da scuola. Più tardi, quel giorno, la madre è andata a prendere la figlia, scoprendo che era scomparsa: dopo averla cercata freneticamente fra amici e parenti, il giorno dopo ha denunciato la sua scomparsa.

La polizia ha attivato le ricerche, ma era troppo tardi: il corpo senza vita di Fátima è stato trovato in un sacco di plastica.

Un caso che ha scioccato il Messico, scatenando una nuova di proteste e accuse politiche per omicidi sempre più efferati che non risparmiano nessuno. Migliaia di persone si sono riversate in strada per chiedere maggiori controlli, presenza delle forze dell’ordine sulle strade e pene più aspre per chi si macchia di delitti.

Secondo Ulises Lara López, portavoce dell’ufficio del procuratore generale, il corpo di Fátima è stato scoperto a Tláhuac, un comune nel sud di Città del Messico, lo scorso fine settimana: prima di essere uccisa è stata violentata e picchiata brutalmente. Il caso domina da giorni i titoli dei media locali, anche perché arriva a pochi giorni di distanza da un altro brutale omicidio, quello della venticinquenne Ingrid Escamilla, scuoiata e mutilata dal suo partner al culmine di un litigio.

Secondo il procuratore generale del Messico Alejandro Gertz, negli ultimi cinque anni i femminicidi sono aumentati del 137%: nel 2019 ne sono stati denunciati 1.006, rispetto ai 912 dell’anno precedente. Ma sono cifre che illustrano solo una parte del problema: secondo le autorità e gli attivisti, ogni giorno in Messico vengono uccise 10 donne, e non tutti i casi sono classificati come femminicidio. Una recrudescenza che il presidente Andrés Manuel López Obrador ha descritto come una “piaga sociale”. In una conferenza stampa, ha attribuito l’aumento dei femminicidi in parte ad una società in “caduta libera, in un progressivo degrado che ha a che fare con il modello neoliberale”, affermando che si tratta di crimini sono stati causati dall’odio, da “problemi sociali e familiari”.

A fomentare la rabbia della piazza i familiari di Fátima, che accusano le forze dell’ordine di aver sprecato le prime preziose ore dopo la scomparsa della figlia. Sonia López, la zia della bambina, ha tuonato: “Non è possibile che abbiano perso ore fondamentali prima di iniziare le ricerche. Avrebbero potuto trovarla viva ma nessuno ci ha prestato attenzione”.

Un veicolo bianco avvistato nella zona ha attirato l’attenzione degli investigatori, che avrebbero interrogato almeno cinque testimoni perquisendo a fondo anche un appartamento nel quartiere di Xochimilco.

L’ufficio del Procuratore generale di Città del Messico ha offerto una ricompensa di 2 milioni di pesos (107mila dollari) in cambio di qualsiasi informazione: la speranza è di individuare la donna che compare nelle immagini della videosorveglianza: è lei la chiave dell’indagine.

“Chiediamo a tutti di aiutarci nella diffusione dell’immagine della donna: è un passaggio fondamentale per arrivare alla verità sulla morte di Fátima. Voglio esprimere alla madre e al padre di Fátima, ai suoi fratelli e a ciascuno dei suoi parenti le mie più sentite condoglianze, e assicurare che non ci fermeremo finché non troveremo tutti i colpevoli”.

Galleria fotografica
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico - immagine 1
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico - immagine 2
Sudamerica
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”