Il camion della morte, orrore in Messico

| Camion frigo con 273 cadaveri si blocca a Guadalajara e i miasmi invadono un quartiere. Le autorità sanitarie: "Obitori esauriti, altri centinaia di corpi". Effetto guerra tra narcos

+ Miei preferiti

Periferia di Guadalajara, nel quartiere Paseos del Valle. Un motrice bianca agganciata a un rimorchio con il logo di un orso polare. Una cella frigorifera. All’interno ci sono 273 cadaveri. Uomini e donne, adolescenti. Poco più in là le auto di scorta della polizia. Accade però che in questi giorni ci sono state forti piogge e la motrice resta bloccata nel fango. In pochi minuti i vapori della decomposizione avvolgono il quartiere, la gente esce in strada, cerca di capire cosa sta succedendo.

Le autorità sanitarie intervengono subito ma non possono fare niente. Qualcuno spalanca i portelloni posteriori e lo spettacolo è orrendo: cadaveri sul pavimento di acciaio, body-bag da cui spuntano arti umani, scheletri e corpi in stato di avanzata decomposizione avvolti sacchi neri della spazzatura. E così inizia una protesta dei residenti, costretti a respirare l’odore della morte. Molti si mettono un fazzoletto davanti alla bocca, ma non basta: “I miasmi passano attraverso le finestre chiuse, è un incubo da film dell’orrore, non possiamo uscire di casa”.

I continui recuperi dei corpi di persone uccise dai cartelli dei narcos ha messo in crisi polizia e responsabili degli ospedali. Gli obitori sono al completo e così le autorità di Jalisco hanno pensato bene di noleggiare dei camion-frigo, che ora vagano senza una meta precisa da una città all’altra. Il Tir di Gadalalajara era in viaggio da due settimane, come una nave alla deriva.

Le cifre delle vittime dei narcos sono quelle di una guerra: in 12 più di 200.000 persone sono morte e altre 35.000 sono scomparse.“Ci sono altri 20 stati con lo stesso problema”, ha detto Octavio Cotero, direttore del Jalisco Forensic Science Institute (IJCF) e subito licenziato dopo la scoperta del camion della morte.

“In altre parti del mondo sarebbe uno scandalo più grande. In Messico è solo un’altra storia di crimine - questa volta su ruote”, ha scritto l’editorialista Eduardo Caccia sul giornale “Reforma”.

Guadalajara e lo stato di Jalisco sono al centro di una spaventosa ondata di violenza in seguito allo scontro tra il cartello Jalisco New Generation (CJNG) e quello di Sinaloa, antico regno del Chapo Guzman, in carcere negli Usa.

I funzionari locali hanno ammesso di non essere in grado di tenere il passo con il massacro; dalla scorsa settimana, 444 corpi erano in attesa di essere identificati. “L’ho detto al pubblico ministero: non ho un posto dove tenere i corpi. Sono già accatastati”, ha spiegato un desolato Cotero. Già dal 2016, il governo statale ha iniziato a conservare i corpi in rimorchi refrigerati. Doveva essere una misura temporanea, fino al completamento di un nuovo cimitero. La costruzione del nuovo impianto è iniziata diversi mesi fa, ma è stata interrotta in seguito a denunce da parte dei residenti locali. Ma un rimorchio da 18 ruote non era sufficiente e ne hanno dovuto noleggiare un secondo. Lo avevano, come dire, nascosto in un magazzino nella vicina città di Tlaquepaque, ma l'edificio era stato costruito senza permessi e l'autocarro era stato scoperto da ispettori comunali. Il veicolo si è poi spostato a Paseos del Valle vicino all'aeroporto di Guadalajara, dove è rimasto incastrato nel fango. il motore s’è fermato e non ha potuto più alimentare i frigoriferi. Da qui le orribili conseguenze. Il rimorchio della morte, unico caso al mondo, rivela una tragica realtà. C’è un solo poliziotto ogni 400 fascicoli di persone scomparse. Leggi contorte e volutamente inadeguate impediscono alla polizia la ricerca degli assassini, protetti da norme ultra-garantiste. Ma qualche reparto speciale riesce ad aggirarle e allora usa la tortura, il sequestro e altre uccisioni per individuare i responsabile. Un quadro terrificante. E senza via d’uscita.

Sudamerica
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il caso di una bambina di 7 anni rapita, violentata e uccisa riaccende le proteste per quella che il presidente Obrador definisce una vera piaga sociale: 1.006 casi di femminicidio nel solo 2019
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Un caso di cronaca particolarmente brutale ha scatenato le proteste in tutto il Paese, anche per la pubblicazione del corpo smembrato della vittima su un magazine locale
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Scoperto dalla polizia messicana e analizzato a fondo dalle forze dell’ordine statunitensi, è lungo più di 1.300 metri e dotato di tutto ciò che serve
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
Il governatore Witzel, su preciso mandato del presidente Bolsonaro, ha dichiarato guerra alle favelas: 1.810 persone uccise lo scorso anno
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga