«Il ciccione sta morendo»

| L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino

+ Miei preferiti
La già complicata posizione di Leopoldo Luque, il neurochirurgo di Diego Maradona finito al centro di pesanti accuse, vacilla in modo pericoloso dopo la rivelazione di uno dei documenti audio finiti agli atti della procura. In un file audio, un messaggio inviato via Whatsapp da Luque ad un amico, si sente il medico pronunciare una frase shock: “Il ciccione sta per morire”.

La rivelazione, in Argentina ha riacceso le feroci polemiche sugli ultimi giorni del “Pibe de Oro”, abbandonato a se stesso, senza adeguato supporto medico e imbottito di psicofarmaci per evitare i suoi celebri scatti d’ira. È stata l’autopsia a rivelare che la salute del campione argentino fosse ormai compromessa da tempo, come conseguenza degli abusi di ogni tipo che per lunghi anni Diego si era concesso. Maradona era ormai il fantasma del campione che sapeva infiammare il mondo intero: ingrassato, affetto da cirrosi epatica, il suo cuore funzionava a mala pena a causa di numerosi micro infarti che non l’avevano ucciso subito, ma piuttosto costretto ad una lunga e penosa agonia. Nella stanza dell’appartamento dove è morto, adibita alla meno peggio a presidio medico, non c’era traccia di bombole di ossigeno, che nelle sue condizioni sarebbero state necessarie, e soprattutto Maradona non aveva a disposizione un medico di base che gli avesse prescritto gli esami più comuni.

Una lunga serie di mancanze che ha spinto i magistrati della procura di San Isidro ad aprire un fascicolo d’inchiesta in cui il principale sospettato è Leopoldo Luque, il neurochirurgo che solo un mese prima della morte l’aveva operato, accusato di negligenza, abbandono di persona e perfino di omicidio colposo. Accanto a lui anche Agustina Cosachov, psichiatra che prescriveva a Maradona dosi massicce di potenti farmaci antidepressivi del tutto inadatti ad un paziente come Maradona, in condizioni di salute assai precarie. Un castello di accuse pesanti a cui darà risposta una commissione medica incaricata di valutare se Diego poteva essere salvato.

Sudamerica
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni