Il mariachi rifiuta il trapianto

| Temendo che il fegato potesse essere di un drogato o un gay, “Chente” Gómez ha rifiutato il trapianto negli Stati Uniti. Polemiche e accuse di omofobia

+ Miei preferiti
Vincente Fernández Gómez è uno dei più celebri artisti messicani. La gente lo chiama “Chente”, e ancora più spesso “El Rey de la Cancion Ranchera”, il re della musica ranchera. Al suo attivo ha oltre 50 album e una trentina di film, sette “Latin Grammy”, un “Grammy Award” e una stella sulla “Hollywood Walk of Fame”. Insomma, una celebrità di prima grandezza, dettaglio che fa ancora più rumore per un’intervista che ha rilasciato al programma “De Primera Mano”, scatenando il putiferio. Chente ha dichiarato di lottare da tempo contro un tumore, diagnosticatogli in Texas dopo un malore che l’ha colpito durante un concerto. Ma quando i medici gli hanno comunicato di aver trovato un fegato per il trapianto, lui l’ha rifiutato sdegnato, temendo che il donatore potesse essere un gay o un drogato. La reazione è stata immediata, con valanghe di critiche che hanno sommerso i siti e i profili social dell’artista messicano, promettendo di boicottare i suoi concerti e i suoi dischi. Per dargli manforte è dovuto scendere in campo il figlio, che ha tentato di allontanare dal celebre padre le accuse di omofobia.

Vincente Fernández Gómez, ha comunicato la casa discografica, è stato sottoposto a un trapianto di fegato in Cile, dove secondo lui probabilmente i fegati sono migliori.

Galleria fotografica
Il mariachi rifiuta il trapianto - immagine 1
Il mariachi rifiuta il trapianto - immagine 2
Sudamerica
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole