Il mariachi rifiuta il trapianto

| Temendo che il fegato potesse essere di un drogato o un gay, “Chente” Gómez ha rifiutato il trapianto negli Stati Uniti. Polemiche e accuse di omofobia

+ Miei preferiti
Vincente Fernández Gómez è uno dei più celebri artisti messicani. La gente lo chiama “Chente”, e ancora più spesso “El Rey de la Cancion Ranchera”, il re della musica ranchera. Al suo attivo ha oltre 50 album e una trentina di film, sette “Latin Grammy”, un “Grammy Award” e una stella sulla “Hollywood Walk of Fame”. Insomma, una celebrità di prima grandezza, dettaglio che fa ancora più rumore per un’intervista che ha rilasciato al programma “De Primera Mano”, scatenando il putiferio. Chente ha dichiarato di lottare da tempo contro un tumore, diagnosticatogli in Texas dopo un malore che l’ha colpito durante un concerto. Ma quando i medici gli hanno comunicato di aver trovato un fegato per il trapianto, lui l’ha rifiutato sdegnato, temendo che il donatore potesse essere un gay o un drogato. La reazione è stata immediata, con valanghe di critiche che hanno sommerso i siti e i profili social dell’artista messicano, promettendo di boicottare i suoi concerti e i suoi dischi. Per dargli manforte è dovuto scendere in campo il figlio, che ha tentato di allontanare dal celebre padre le accuse di omofobia.

Vincente Fernández Gómez, ha comunicato la casa discografica, è stato sottoposto a un trapianto di fegato in Cile, dove secondo lui probabilmente i fegati sono migliori.

Galleria fotografica
Il mariachi rifiuta il trapianto - immagine 1
Il mariachi rifiuta il trapianto - immagine 2
Sudamerica
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”