Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa

| Sono stati sequestrati cinque anni fa dalla polizia che voleva fermare tre autobus diretti a Città del Messico. Di loro non si sa più nulla, e le commissioni governative sono accusate di indagini lente e malfatte

+ Miei preferiti
Cinque anni fa, la notte del 26 settembre 2014, un centinaio di studenti della “Escuela Normal Rural Raul Isidro Burgos” di Ayotzinapa sequestrano tre autobus con l’idea di raggiungere Città del Messico e unirsi ad una manifestazione di protesta. La polizia li intercetta e apre il fuoco: ne uccide 6, altri 25 sono feriti e di 43 non si saprà mai più nulla.

Secondo alcune inchieste, il gruppo sarebbe stato consegnato nelle mani dei “Guerreros Unidos” e giustiziati poco dopo: in manette, qualche mese dopo finiscono il sindaco di Iguala Jose Louis Abarca e sua moglie. Una versione che un team incaricato dalla Commissione Interdisciplinare per i diritti umani ha sempre respinto, insieme ai familiari e ai gruppi attivisti. Una tesi sposata anche dal presidente Manuel Lopez Obradordi, che appena insediato nomina una commissione per fare piena luce sul caso.

Malgrado questo, nei giorni scorsi altre 24 ex agenti di polizia accusati di aver preso parte al massacro e al rapimento sono stati rilasciati dalle autorità. In tutto, le scarcerazioni salgono così a 77, con grave disappunto e critiche aspre in tutto il paese. Fra i primi a protestare Alejandro Encinas, sottosegretario del Governo e a capo della commissione designata alle indagini su Ayotzinapa, secondo cui si tratta di “un affronto e un precedente gravissimo perché rappresenta la corruzione, l’incapacità e la parzialità del regime precedente”. Alle proteste si sono unite anche le famiglie degli studenti, che da sempre lamentano una sconcertante lentezza nelle indagini che impedisce loro di conoscere la verità: “Vogliamo sapere cosa è realmente successo quel giorno: a cinque anni dalla scomparsa dei nostri figli la ferita è ancora aperta e per noi non c’è pace”.

“Cinque anni dopo la sparizione forzata dei 43 studenti di Ayotzinapa, le autorità messicane sono ancora in enorme debito con le vittime, le loro famiglie e la società per quanto riguarda il rispetto dei diritti alla verità, alla giustizia e alla riparazione del danno”, ha dichiarato Tania Reneaum Panszi, direttrice generale di Amnesty International Messico.

In Messico, non si sa più nulla di altre 40mila persone svanite nel nulla.

Galleria fotografica
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa - immagine 1
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa - immagine 2
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa - immagine 3
Sudamerica
Ordine di cattura per Evo Morales
Ordine di cattura per Evo Morales
Il presidente boliviano, in carica da 13 anni, costretto alle dimissioni da pressioni interne e internazionali. L’annuncio che la polizia lo cerca per arrestarlo
Messico: strage di Mormoni
Messico: strage di Mormoni
Tre donne e sei bambini crivellati di colpi e bruciati all’interno delle auto su cui viaggiavano al confine con gli Stati Uniti: erano diretti ad un matrimonio
Messico: punito il sindaco dalle promesse facili
Messico: punito il sindaco dalle promesse facili
Durante la campagna elettorale, Jorge Luis Escandón Hernández aveva promesso nuove strade e investimenti, ma una volta eletto non ha fatto nulla. La folla lo ha prelevato dal suo ufficio, legato ad un pick up e trascinato per le strade
El Mencho, il nuovo signore della droga messicana
El Mencho, il nuovo signore della droga messicana
Dieci milioni di dollari di taglia a chi permetterà di catturare l’erede naturale di El Chapo. Un ex poliziotto che ha creato un impero con diramazioni in tutto il mondo
Messico, 2 morti sulle montagne russe
Messico, 2 morti sulle montagne russe
Un vagone della popolare Quimera è deragliato: l’attrazione del più noto parco di divertimenti di Città del Messico è stata messa sotto sequestro in attesa dei rilievi tecnici
Bimba uccisa dalla polizia, esplode la protesta a Rio
Bimba uccisa dalla polizia, esplode la protesta a Rio
La piccola, 8 anni, è stata colpita da un proiettile esploso dalla polizia: centinaia di persone in piazza per protestare contro i provvedimenti sulla sicurezza voluti da governatore
Le vedove nere dei cartelli messicani
Le vedove nere dei cartelli messicani
Come il celebre ragno predatore sono belle, spietate, crudeli e assetate di sangue. C’è una nuova generazione di donne giovani che spinte dalla povertà, guidano organizzazioni criminali con polso fermo, in un mix di sesso, sangue e violenza
Muore la Kardashian di Sinaloa
Muore la Kardashian di Sinaloa
Claudia Ochoa Felix, 34enne messicana, era considerata una delle più spietate e potenti boss del narcotraffico messicano. È stata tradita da un’overdose fatale
Brasile, 4 stupri ogni ora
Brasile, 4 stupri ogni ora
Sono i drammatici risultati di un rapporto pubblicato da un’organizzazione non governativa. Preoccupa la posizione di Bolsonaro, presidente dalle posizioni misogine
Brasile: trovato morto l’italiano scomparso
Brasile: trovato morto l’italiano scomparso
Il corpo carbonizzato di Luca Romania è stato ritrovato il giorno successivo alla scomparsa, il 24 agosto. Viveva da quasi vent’anni in Brasile