Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa

| Sono stati sequestrati cinque anni fa dalla polizia che voleva fermare tre autobus diretti a Città del Messico. Di loro non si sa più nulla, e le commissioni governative sono accusate di indagini lente e malfatte

+ Miei preferiti
Cinque anni fa, la notte del 26 settembre 2014, un centinaio di studenti della “Escuela Normal Rural Raul Isidro Burgos” di Ayotzinapa sequestrano tre autobus con l’idea di raggiungere Città del Messico e unirsi ad una manifestazione di protesta. La polizia li intercetta e apre il fuoco: ne uccide 6, altri 25 sono feriti e di 43 non si saprà mai più nulla.

Secondo alcune inchieste, il gruppo sarebbe stato consegnato nelle mani dei “Guerreros Unidos” e giustiziati poco dopo: in manette, qualche mese dopo finiscono il sindaco di Iguala Jose Louis Abarca e sua moglie. Una versione che un team incaricato dalla Commissione Interdisciplinare per i diritti umani ha sempre respinto, insieme ai familiari e ai gruppi attivisti. Una tesi sposata anche dal presidente Manuel Lopez Obradordi, che appena insediato nomina una commissione per fare piena luce sul caso.

Malgrado questo, nei giorni scorsi altre 24 ex agenti di polizia accusati di aver preso parte al massacro e al rapimento sono stati rilasciati dalle autorità. In tutto, le scarcerazioni salgono così a 77, con grave disappunto e critiche aspre in tutto il paese. Fra i primi a protestare Alejandro Encinas, sottosegretario del Governo e a capo della commissione designata alle indagini su Ayotzinapa, secondo cui si tratta di “un affronto e un precedente gravissimo perché rappresenta la corruzione, l’incapacità e la parzialità del regime precedente”. Alle proteste si sono unite anche le famiglie degli studenti, che da sempre lamentano una sconcertante lentezza nelle indagini che impedisce loro di conoscere la verità: “Vogliamo sapere cosa è realmente successo quel giorno: a cinque anni dalla scomparsa dei nostri figli la ferita è ancora aperta e per noi non c’è pace”.

“Cinque anni dopo la sparizione forzata dei 43 studenti di Ayotzinapa, le autorità messicane sono ancora in enorme debito con le vittime, le loro famiglie e la società per quanto riguarda il rispetto dei diritti alla verità, alla giustizia e alla riparazione del danno”, ha dichiarato Tania Reneaum Panszi, direttrice generale di Amnesty International Messico.

In Messico, non si sa più nulla di altre 40mila persone svanite nel nulla.

Galleria fotografica
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa - immagine 1
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa - immagine 2
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa - immagine 3
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino