Il mistero della morte de “La Mimo”

| Secondo l’autopsia, Daniela Carrasco, 36 anni, artista di strada simbolo delle proteste cilene, sarebbe morta suicida. Ma il paese è convinto sia stato un omicidio di stato

+ Miei preferiti
Si tinge di giallo la morte di Daniela Carrasco, un’artista di strada nota come “La Mimo” diventata una dei simboli della protesta, trovata impiccata in un parco alla periferia di Santiago del Cile il 20 ottobre scorso, ma i cui i risultati dell’autopsia sono stati consegnati alla famiglia soltanto il 20 novembre, un mese dopo, accompagnati da una dichiarazione della polizia che a chiusura della indagini si dice indirizzata ad archiviare il caso come suicidio.

Una tesi che non convince nessuno, a cominciare dagli attivisti di “Ni Una Menos”, convinti che La Mimo sia stata violentata, torturata e uccisa mentre era stata arrestata dai Carabineros, come monito alle donne che come lei sono scese in piazza nelle proteste contro il governo che infiammano il Cile da settimane. Un’ipotesi che il referto dell’autopsia esclude, parlando di una mote “per soffocamento da impiccagione”, e sul suo corpo “sarebbero state lesioni fisiche attribuibili a violenze sessuali o fisiche”. 

Ma che il clima sulle strade cilene sia ormai infuocato lo confermano le parole del presidente Sebastian Piñera che è stato costretto ad ammettere di “Uso eccessivo della forza da parte della polizia, con abusi e diritti non sempre rispettati”. Finora, i tentativi di reprimere le proteste hanno portato a 23 morti, 2.390 feriti e 6.300 arresti, di cui 760 ai danni di minori.

Galleria fotografica
Il mistero della morte de “La Mimo” - immagine 1
Il mistero della morte de “La Mimo” - immagine 2
Sudamerica
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga
Il lato debole di Hulk
Il lato debole di Hulk
Le vicende amorose del campione brasiliano tengono banco nei gossip di tutto il mondo: ha mollato la compagna per fidanzarsi con la nipote di lei, molto più giovane
Argentina, suicida un prete pedofilo
Argentina, suicida un prete pedofilo
Per padre Eduardo Lorenzo stavano per aprirsi le porte della galera, e lui ha scelto di farla finita. Diversi suoi ex allievi lo accusavano di violenza carnale
Argentina, condannati due preti pedofili
Argentina, condannati due preti pedofili
Il sacerdote italiano Nicola Corradi e l’argentino Horacio Corbacho condannati a oltre 40 di galera per aver abusato di bambini audiolesi all’interno di un istituto con sede a Verona. Condannato anche il giardiniere dell’istituto
Ordine di cattura per Evo Morales
Ordine di cattura per Evo Morales
Il presidente boliviano, in carica da 13 anni, costretto alle dimissioni da pressioni interne e internazionali. L’annuncio che la polizia lo cerca per arrestarlo