Il preoccupante Brasile che vuole Bolsonaro

| Il neo presidente, esponente dell'ultra-destra e fervido ammiratore di Trump, ha in mente misure drastiche e controcorrente. I più in ansia sono artisti, intellettuali e minoranze

+ Miei preferiti
Qualcuno la chiama la nuova “saudade”, quel misto di nostalgia e malinconia tipico della cultura carioca, che l’avvento di Jair Bolsonaro alla presidenza rischia di assumere di ben altro significato. Il pugno duro di Bolsonaro è noto: è arrivato al potere spinto dal 56% dei voti conquistati il 28 ottobre, superando di 11 milioni di preferenze il rivale Fernando Haddad, malgrado perle di saggezza ormai scolpite nel suo curriculum politico: “Un poliziotto che non uccide non è un poliziotto”, o ancora “Sono favorevole alla tortura, anche il popolo lo è”.

Appena insediato, Bolsonaro il duro ha mantenendo la promessa di togliere l’immunità a Cesare Battisti (peccato che l’annuncio si arrivato prima dell’arresto e non viceversa), ma l’aria che si respira in Brasile inizia ad essere pesante per artisti, intellettuali, gay e minoranze come i “quilombo”, i discendenti degli schiavi, una minoranza che da tempo chiede il riconoscimento dei propri diritti.

La comunità culturale brasiliana si aspetta la vendetta, dopo l’appello contro il candidato Bolsonaro lanciato lo scorso settembre, prima delle elezioni, e firmato da oltre 300 fra intellettuali, artisti, scienziati e imprenditori brasiliani come Chico Barque, Gilberto Gil, Cateano Veloso e Maria Lice Setubel, proprietaria delle più grande banca privata del Brasile. Bolsonaro in fondo non ha mai fatto mistero delle sue intenzioni, tuonando verso gli avversari, definiti “gentaglia” poco prima di invitarli a lasciare il paese, o saranno dolori.

In tanti, sono convinti che uno dei primi obiettivi del neo presidente sarà il tentativo di soffocare la cultura bloccando gli investimenti. Lo scrittore Julian Fuks, fra i più preoccupati per quello che definisce un governo dai tratti fascisti che incita all’odio, ha appena scritto un “manifesto per la letteratura, la democrazia, la libertà e l’empatia”, firmato da centinaia di intellettuali come Ligiana Costa, cantante e attivista del movimento LGBT, e Francesca Cricelli, poetessa, che ha annunciato di avere le valigie pronte. Qualche giorno fa, 38 coppie gay si sono unite in matrimonio a San Paolo del Brasile, temendo che per loro siano in arrivo pesanti conseguenze.

Noto come il “Trump dei tropici”, Jair Bolsonaro, 63 anni, esponente dell’ultra-destra, ha impostato la sua campagna elettorale su temi come l’aborto, l’immigrazione, la corruzione, l’omosessualità e il porto d’armi. E per combattere la piaga delle violenza sulle strade (lo scorso anno si è chiuso con 63mila morti), ha promesso la reintroduzione delle leggi sull’ordine pubblico degli anni bui della dittatura militare. Nelle sue idee anche il consenso all’apertura di nuove miniere e attività commerciali nelle zone degli indigeni, oltre a voler bandire le fastidiose Ong ambientaliste per potere varare in santa pace un pacchetto di facilitazioni per realizzare un’autostrada che tagli in due la foresta amazzonica, uno degli ultimi polmoni verdi del pianeta.

Sudamerica
Nazionale colombiano giustiziato dai narcos: 'colpevole' di autogol
Nazionale colombiano giustiziato dai narcos:
Sono passati 25 anni dall'omicidio di Andrès Escobar, 18enne difensore della Nazionale Colombiana. Ai mondiali del '94 fece un autogol durante la partita con gli USA. Fu ucciso da un narcos. Il 2 luglio il giorno della memoria
Caraibi, ancora un turista USA morto
Caraibi, ancora un turista USA morto
E' la nona vittima di strane malattie o malori improvvisi in 13 mesi. I familiari di Joseph Allen, 55 anni, uno sportivo in buona salute, vogliono sapere di cosa è morto. Trovato senza vita in un resort
Blackout in Sudamerica: 50 milioni di persone al buio
Blackout in Sudamerica: 50 milioni di persone al buio
Fra i paesi più colpiti l’Argentina e l’Uruguay, oltre ad alcune zone di altri paesi vicini. Il guasto, ancora da chiarire, è al sistema di interconnessione. La società fornitrice assicura: nel giro di poche ore torneremo alla normalità
Profughi venezuelani più numerosi dei siriani
Profughi venezuelani più numerosi dei siriani
Drammatica denuncia OAS, appello ad affrontare la crisi umanitaria nel Paese distrutto dal regime di Maduro e dai suoi alleati
Venezuela: inflazione al 37700x100. E Maduro stampa banconote da 50000 bolivar: carta straccia
Venezuela: inflazione al 37700x100. E Maduro stampa banconote da 50000 bolivar: carta straccia
Inflazione spaventosa, il regime stampa fogli di carta senza valore mentre i consumi di carne e latte scendono ai minimi storici. L'unica attività in progresso è la repressione: arrestato generale ed ex ministro
Il cimitero dell''aero-terrorismo'
Il cimitero dell
Chavez aveva finanziato una linea aerea tra Venezuela. Ira e Siria. Ora gli aerei della flotta giacciono in un cimitero nello stato brasiliano di Vargas
4 milioni di venezuelani in fuga
4 milioni di venezuelani in fuga
È stata definita una delle crisi umanitarie più grandi nella storia del Sudamerica. La maggior parte si dirige verso Colombia e Perù, ma diversi paesi iniziano a rendere più difficile l’ingresso
Il Brasile di Bolsonaro, tra pesticidi e omofobia
Il Brasile di Bolsonaro, tra pesticidi e omofobia
Dall'esagerata deforestazione dell’Amazzonia all’abuso dei pesticidi, dai soprusi verso le minoranze alla sottomissione nei confronti delle lobby internazionali: la popolarità del presidente in carica da gennaio sta rapidamente calando
Parlamentari in carcere, vivi o morti?
Parlamentari in carcere, vivi o morti?
Appello al regime di Maduro della famiglia del vice di Guaidò, Edgar Zambrano, in carcere dall'8 maggio. "Violati i diritti costituzionali, non sappiamo più nulla di lui". Ma i grillini italiani restano "neutrali". In cella 17 parlamentari
così muoiono i bimbi di Caracas'>Debito con l'Italia
così muoiono i bimbi di Caracas
Debito con lcosì muoiono i bimbi di Caracas' class='article_img2'>
La storia di Erick malato di cancro, morto nell'attesa di un trapianto negli ospedali italiani in base a un accordo del 2010. C'è un debito di 10,7 milioni di euro e i piccoli malati, privi di farmaci e cure, si spengono uno dopo l'altro