Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico

| Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti

+ Miei preferiti
Ognuno ha il presidente che si merita, verrebbe da dire scoprendo che secondo i procuratori federali statunitensi, il presidente dell’Honduras Juan Orlando Hernández avrebbe fornito il proprio aiuto ad un presunto trafficante di droga per portare migliaia di chili di cocaina negli Stati Uniti in cambio di ingenti tangenti. Immediata la replica della presidenza honduregna, che ha bollato la notizia come “falsa al 100%”.

Una mozione presentata dai procuratori del Distretto Sud di New York descrive in dettaglio le nuove prove in un caso contro il narcotrafficante Geovanny Fuentes Ramírez, compresa una testimonianza scottante che parla di promesse e transazioni tra Fuentes ed Hernández nel biennio fra il 2013 e l’anno successivo.

Il presidente dell’Honduras non è identificato per nome nelle mozioni, viene indicato come “CC-4” ma è riconoscibile dalle descrizioni della sua presidenza e dal nome di suo fratello. E se ancora non bastasse, nel documento sono riportate frasi di intercettazioni telefoniche assai chiare, come il giuramento di “voler ficcare la droga su per il naso ai gringos”, riferendosi agli americani.

Hernández non è ancora sotto accusa. Nel 2019 ha confermato di essere stato indagato dalla “Drug Enforcement Administration” statunitense e ha ripetutamente negato tutte le accuse. E come lui, anche Fuentes si è dichiarato non colpevole nel giugno 2020.

L’atto giudiziario depositato venerdì descrive uno stretto rapporto tra i due: si afferma che Hernández – insieme ad alti funzionari honduregni - abbia accettato tangenti durante le presidenziali del 2013, offrendo in cambio supporto militare e l’uso delle forze armate del Paese “come sicurezza” per le operazioni di narcotraffico.

"Fra il 2013 e 2014, il soggetto identificato come CC-4 ha promesso di proteggere Fuentes dall’arresto e dall’estradizione, aiutando l’imputato a trasportare cocaina con l’assistenza delle forze armate dell’Honduras. I due hanno utilizzato come base di partenza il laboratorio di Fuentes per la vicinanza ad un porto, e CC-4 avrebbe ordinato all’imputato di collaborare con Tony Hernández – suo fratello - per organizzare il traffico di droga”.

Secondo i procuratori le accuse mostrano un “piano criminale ampio con lo scopo di utilizzare il traffico di droga per affermare il potere e il controllo in Honduras”.

Un testimone avrebbe anche sentito Hernández ammettere di “appropriarsi degli aiuti delle organizzazioni non governative americane e di rubare dal fondo di previdenza sociale dell'Honduras”.

“L’affermazione secondo cui il Presidente Hernández avrebbe accettato denaro dal narcotraffico da un certo Geovanny Daniel Fuentes Ramirez, offrendo in cambio protezione e coordinamento è falsa e sembra basarsi su menzogne di criminali confessi in cerca di vendetta e di mitigare le loro possibili condanne. Questa e altre accuse sono contestate dai fatti: durante l’amministrazione Hernández il traffico di cocaina attraverso l’Honduras è sceso dall’87% al 4%, come riconosciuto Dipartimento di Stato americano”.

Il fratello del presidente, Juan Antonio Hernández Alvarado, è stato condannato a New York nel 2019 con l’accusa di traffico internazionale di sostanze stupefacenti: si era dichiarato non colpevole di tutte le accuse e aveva scelto di non testimoniare durante il processo.

Nel corso del dibattimento, una delle accuse più esplosive era stata quella di aver incanalato i proventi del narcotraffico nelle campagne del National Party “per influenzare le elezioni presidenziali honduregne del 2009, 2013 e 2017”. Hernández ha vinto le presidenziali nel 2013 e rieletto nel 2017, dopo un voto contestato che aveva scatenato giorni di proteste. Le accuse emerse nell’indagine stanno facendo crescere nel Paese sudamericano le richieste di dimissioni di Hernández.

Sudamerica
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi