Il Sudamerica per i “desaparecidos”

| Si celebra il “Dia de la memoria por la verdad y la justicia”, a ricordo delle 30mila vittime accertate delle repressioni messe in atto dai governi militari

+ Miei preferiti
È il giorno della memoria, quello che il Sudamerica dedica alle vittime della “Guerra sucia”, la guerra sporca, un programma di violenta repressione che mise a ferro e fuoco l’Argentina per distruggere la “sovversione” dei gruppi di guerriglieri marxisti o peronisti. La Guerra sucia raggiunse il culmine fra il 1976 ed il 1979, con l’intenso lavoro dei corpi speciali che riuscirono a inghiottire 80mila oppositori, di cui 30mila “desaparecidos” fatti sparire per sempre dopo torture, sevizie, processi sommari, stupri, violenze e omicidi. Un fenomeno che si attenuerà soltanto con la fine del regime di Augusto Pinochet in Cile.

Un giorno in memoria della “verità e della giustizia” che è anche l’anniversario del colpo di stato del 1976, quando il governo di Isabel Peron fu rovesciato e al suo posto instaurata la dittatura militare che avrebbe resistito fino al 1983.

All’Argentina il triste primato del maggior numero di morti, seguita da Ecuador, Messico e Uruguay: i centri di reclusione, nascosti in luoghi dall’aria insospettabile (Club Atletico, Garage Olimpo), sono venuti alla luce grazie al lavoro e alle testimonianze di migliaia di donne, mogli, sorelle, nonne e fidanzate di uomini svaniti nel nulla.

Arresti e sequestri che avvenivano più che altro di notte, con meno testimoni possibili in giro, seguendo un copione preciso: le squadre di militari “non ufficiali” facevano irruzione nelle case e sequestravano intere famiglie. Solo dopo la caduta del regime militare, con la pubblicazione del rapporto “Nunca más”, fu possibile scoprire la sorte e il destino di diversi “desaparecidos”.

Sudamerica
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare