Il Sudamerica per i “desaparecidos”

| Si celebra il “Dia de la memoria por la verdad y la justicia”, a ricordo delle 30mila vittime accertate delle repressioni messe in atto dai governi militari

+ Miei preferiti
È il giorno della memoria, quello che il Sudamerica dedica alle vittime della “Guerra sucia”, la guerra sporca, un programma di violenta repressione che mise a ferro e fuoco l’Argentina per distruggere la “sovversione” dei gruppi di guerriglieri marxisti o peronisti. La Guerra sucia raggiunse il culmine fra il 1976 ed il 1979, con l’intenso lavoro dei corpi speciali che riuscirono a inghiottire 80mila oppositori, di cui 30mila “desaparecidos” fatti sparire per sempre dopo torture, sevizie, processi sommari, stupri, violenze e omicidi. Un fenomeno che si attenuerà soltanto con la fine del regime di Augusto Pinochet in Cile.

Un giorno in memoria della “verità e della giustizia” che è anche l’anniversario del colpo di stato del 1976, quando il governo di Isabel Peron fu rovesciato e al suo posto instaurata la dittatura militare che avrebbe resistito fino al 1983.

All’Argentina il triste primato del maggior numero di morti, seguita da Ecuador, Messico e Uruguay: i centri di reclusione, nascosti in luoghi dall’aria insospettabile (Club Atletico, Garage Olimpo), sono venuti alla luce grazie al lavoro e alle testimonianze di migliaia di donne, mogli, sorelle, nonne e fidanzate di uomini svaniti nel nulla.

Arresti e sequestri che avvenivano più che altro di notte, con meno testimoni possibili in giro, seguendo un copione preciso: le squadre di militari “non ufficiali” facevano irruzione nelle case e sequestravano intere famiglie. Solo dopo la caduta del regime militare, con la pubblicazione del rapporto “Nunca más”, fu possibile scoprire la sorte e il destino di diversi “desaparecidos”.

Sudamerica
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso