Italiano ucciso in Brasile

| Carmelo Mario Calabrese, 69 anni, è stato ucciso a colpi di machete in una località nel nord del paese. La polizia segue la pista della rapina finita in tragedia

+ Miei preferiti
È stata un’amica ad avvisare attraverso Facebook della scomparsa improvvisa di Carmelo Mario Calabrese, 69 anni, residente in Brasile. Era un amante dei viaggi e delle escursioni, ma quando stava per partire era sua abitudine avvisare tutti, ma da giorni era scomparso, senza più dare notizie.

A scoprire la fine dell’italiano è stato un pescatore, che ha scorto il corpo di un uomo affiorare dalle acque del rio Tibiri. Secondo quanto trapelato dai rilievi dell’Instituto Médico Legal, Calabrese sarebbe morto in modo orribile, massacrato con almeno 15 colpi di machete e quasi decapitato dalla violenza dei fendenti. La polizia, al momento, propende per un tentativo di rapina finito male: la casa in cui viveva l’italiano, ex sottufficiale dell’Aeronautica in pensione, da 25 anni in Brasile, era totalmente a soqquadro, con abiti e oggetti sparsi. La scientifica ha anche individuato tracce di sangue che portavano dal bagno al garage, da dove è scomparsa l’auto di Calabrese, probabilmente utilizzata dai killer per trasportare il corpo dello sventurato pensionato italiano e gettarlo nel fiume. Sulla porta non ci sarebbero segni di scasso, che potrebbe far pensare a qualcuno conosciuto dalla vittima. “L’abitazione del signor Calabrese era in disordine, come se qualcuno stesse cercando qualcosa. È sempre più probabile la pista della rapina, tuttavia al momento non ci sentiamo di escludere altre ipotesi che saranno attentamente vagliate dalla squadra omicidi”, ha commentato il portavoce della polizia Jeffrey Furtado.

Originario di Artena, in provincia di Roma, dove vivono i suoi due figli, che hanno appreso la notizia dall’ambasciatore, Carmelo Mario Calabrese viveva da lungo tempo a São Luís de Maranhao, città nel nord del paese, ma aveva da poco confidato ad alcuni vicini di voler vendere casa e trasferirsi da altre parti perché considerava la zona troppo violenta: era già stato rapinato tre volte.

Sudamerica
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare