Italiano ucciso in Messico

| Salvatore Stefano, 35 anni, è stato ucciso a Città del Messico: anche lui vendeva macchinari, come gli altri tre italiani di cui non si sa più nulla da un anno

+ Miei preferiti
Salvatore Stefano, 35 anni, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco a Città del Messico, mentre cenava in compagnia di due amici in un ristorante della capitale, il “Bella Donna”, in Rio Panuco 116. Secondo quanto si apprende, l’uomo avrebbe tentato di opporsi agli assalitori, che prima di darsi alla fuga su una moto di grossa cilindrata l’avrebbe colpito più volte. All’arrivo dei soccorsi l’italiano era ancora in vita, ma è morto poco dopo, durante il trasferimento in ospedale.

Un testimone oculare ha raccontato ai media locali che poco prima della sparatoria avrebbe sentito imprecazioni in lingua italiana, un’affermazione se confermata lascerebbe intendere che il gruppo di fuoco e Salvatore Stefano si conoscessero, aprendo alle ipotesi investigative anche un omicidio su commissione partito dall’Italia. La polizia ha dichiarato comunque di non voler tralasciare nessuna pista, compresa quella della vendetta per una truffa: pare che Stefano vendesse in Messico macchinari di fabbricazione cinese spacciandoli per prodotti tedeschi.

Una vicenda che ricorda da vicino quella di Vincenzo Cimmino, Raffaele e Antonio Russo, scomparsi nel nulla oltre un anno fa pare per via del loro lavoro di import-export di macchinari.

Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino