Italiano ucciso in Messico

| Salvatore Stefano, 35 anni, è stato ucciso a Città del Messico: anche lui vendeva macchinari, come gli altri tre italiani di cui non si sa più nulla da un anno

+ Miei preferiti
Salvatore Stefano, 35 anni, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco a Città del Messico, mentre cenava in compagnia di due amici in un ristorante della capitale, il “Bella Donna”, in Rio Panuco 116. Secondo quanto si apprende, l’uomo avrebbe tentato di opporsi agli assalitori, che prima di darsi alla fuga su una moto di grossa cilindrata l’avrebbe colpito più volte. All’arrivo dei soccorsi l’italiano era ancora in vita, ma è morto poco dopo, durante il trasferimento in ospedale.

Un testimone oculare ha raccontato ai media locali che poco prima della sparatoria avrebbe sentito imprecazioni in lingua italiana, un’affermazione se confermata lascerebbe intendere che il gruppo di fuoco e Salvatore Stefano si conoscessero, aprendo alle ipotesi investigative anche un omicidio su commissione partito dall’Italia. La polizia ha dichiarato comunque di non voler tralasciare nessuna pista, compresa quella della vendetta per una truffa: pare che Stefano vendesse in Messico macchinari di fabbricazione cinese spacciandoli per prodotti tedeschi.

Una vicenda che ricorda da vicino quella di Vincenzo Cimmino, Raffaele e Antonio Russo, scomparsi nel nulla oltre un anno fa pare per via del loro lavoro di import-export di macchinari.

Sudamerica
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”