L'erede de El Chapo furbo emulo di Escobar

| Si stringe il cerchio attorno a Ismael "El Mayo" Zambada Garcia, il più potente boss del parco-traffico messicano e mondiale. Introvabile da 40 anni, presi figli e parenti. Per la gente di Durango è "un benefattore". E lo protegge

+ Miei preferiti

El Chapo Guzmán è in carcere e orail controllo dell'organizzazione è passato nelle mani sanguinose di Ismael "El Mayo" Zambada García e Rafael Caro Quintero, due dei più tradizionali boss della vecchia scuola, così come i figli di López e Guzmán, Iván Archivaldo Guzmán e Jesús Alfredo Guzmán Salazar. Ne è nata una specie di associazione, dagli equilibri assai precari, ma con “El Mayo” nel ruolo di numero 1. Ma chi è veramente Zambada Garcia? L’avvocato del Chapo, nelle fasi terminali del processo a NY, ha detto in modo esplicito che l’attenzione degli investigatori dovrebbe essere riservata a lui mentre El Chapo “ viene accusato di tutto”.

Guzmán è stato estradato negli Stati Uniti nel 2017 per affrontare il traffico di droga, il riciclaggio di denaro e altre accuse. Si è dichiarato non colpevole. Il boss messicano della droga Dámaso López - che ha scatenato una sanguinosa ondata di violenza quando ha cercato di impadronirsi del cartello di Sinaloa - è stato estradato dalla città di frontiera di Ciudad Juárez verso gli Stati Uniti.  Conosciuto con il suo alias "El Licenciado", che è un titolo per i laureati, Lopez era un ex luogo-tenente del re di Sinaloa Joaquín "El Chapo" Guzmán e lo ha aiutato a fuggire da una prigione messicana nel 2001. Ma dopo l'arresto di Guzmán nel 2016, ha iniziato una sanguinosa battaglia con i figli del capo per il controllo del cartello, stringendo un'alleanza con il cartello Jalisco New Generation e scatenando un'ondata di violenza negli stati costieri pacifici di Sinaloa e Baja California. López è accusato dagli Stati Uniti di aver cospirato per distribuire cocaina e riciclare denaro sporco e potrebbe essere condannato all'ergastolo se condannato. Era stato arrestato in un condominio a Città del Messico nel 2017. A quel punto, la sua ala del cartello della droga sembrava crollata e suo figlio, Dámaso López Serrano, si è consegnato al confine tra gli Stati Uniti e il Messico, diventando il membro più alto di un cartello messicano arresosi alle autorità statunitensi.

Il figlio si è dichiarato colpevole delle accuse di contrabbando di droga, dicendo di aver orchestrato le spedizioni di migliaia di sterline di metamfetamina, cocaina ed eroina verso gli Stati Uniti. Il cartello di Sinaloa è spesso descritto come una confederazione orizzontale di leader della criminalità in cui Guzmán è stato visto come l'autorità ultima per dirimere le controversie interne. Con Guzmán in carcere, il controllo dell'organizzazione è passato ad Ismael "El Mayo" Zambada García e Rafael Caro Quintero, due dei più tradizionali capos della vecchia scuola, così come i figli di López e Guzmán, Iván Archivaldo Guzmán e Jesús Alfredo Guzmán Salazar. Guzmán è stato estradato negli Stati Uniti nel 2017 per affrontare il traffico di droga, il riciclaggio di denaro e altre accuse. Si è dichiarato non colpevole.

Si sono conclusi oggi i primi tre mesi del processo al "El Chapo”. Nella sua arringa finale l'avvocato del Chapo, Jeffrey Lichtman, è tornato a ripetere la sua tesi che l'intero processo è stato "uno spettacolo" e "una farsa" teso a incastrare el Chapo accusandolo di tutte le colpe del mondo. Anche perché, ha ribadito, “il vero jefe, il boss dei boss del cartel di Sinaloa è in realtà il famigerato Ismael ‘El Mayo’ Zambada, co-fondatore del cartello di Sinaloa con El Chapo”. Non è mai stato arrestato e corrompe con centinaia di milioni di dollari per restare libero", ha aggiunto il legale. Da oltre 40 anni il suo mondo è il narcotraffico. Nessuno è mai riuscito ad arrestarlo. Originario di Sinaloa, conosciuto come "El del Sombrero", "El M Grade", "El Padrino", "El Quinto mes"."Nel mondo non c'è un cartello più solido di quello di Sinaloa, né capo più importante del Mayo", ha detto l’ex vice direttore dell'agenzia antidroga statunitense (Dea), Jack Riley.

Zambada, nato il primo gennaio del 1948, ha iniziato la sua scalata negli anni ‘70, con Miguel Angel Felix Gallardo, Ernesto Fonseca Carrillo e Rafael Caro Quintero e Amado Carrillo "Il signore dei cieli”. Ha fatto ricorso più volte alla chirurgia plastica per cambiare aspetto. I familiari di El Mayo sono stati arrestati, compresi i tre figli. Vicente Zambada Niebla, detto El Vicentillo, che coordinava l'invio di tonnellate di cocaina negli Stati uniti, è stato arrestato nel 2009 ed estradato negli Usa l'anno successivo; Serafin Zambada Ortiz, è finito in carcere nel 2013, Ismael Zambada Imperial "El Mayito Gordo", nel 2014. Al 2008 risale invece l'arresto del fratello del boss, Jesus Zambada Garcia "El Patron", e del nipote. Il cerchio si stringe ma lui è introvabile. Il suo rifugio è nel "Triangolo dorato", tra Durango, Sinaloa e Chihuahua. Conta sull’aiuto della popolazione locale dove organizza feste, offre lavoro, garantisce servizi sanitari. Un emulo di Pablo Escobar.

Sudamerica
Non solo Epstein: scoppia lo scandalo de “La Madame”
Non solo Epstein: scoppia lo scandalo de “La Madame”
Politici e pezzi grossi colombiani tremano: la più grande e potente organizzatrice di una rete di prostituzione minorile ha dichiarato di voler fare i nomi e raccontare tutto
Brucia l’Amazzonia, l’ultimo polmone del pianeta
Brucia l’Amazzonia, l’ultimo polmone del pianeta
Dall’inizio dell’anno quasi 75mila incendi, con un aumento dell’85% rispetto all’anno precedente, In tanti incolpano le politiche del presidente Bolsonaro, che nella foresta pluviale vede soltanto enormi risorse economiche
Rio: ucciso l’uomo
con 37 persone in ostaggio
Rio: ucciso l’uomo<br>con 37 persone in ostaggio
Per tre ore, un uomo ha minacciato di dare fuoco ad un autobus urbano: è stato freddato dai cecchini delle forze speciali brasiliane
Maduro delira: Trump come Hitler
Maduro delira: Trump come Hitler
Il dittatore di Caracas, autore di una repressione senza precedenti contro l'opposizione, attacca gli Usa e parla di "popolo perseguitato". Ma le carceri sono piene di detenuti politici
Cartelli in guerra, cadaveri mutilati penzolano dal ponte
Cartelli in guerra, cadaveri mutilati penzolano dal ponte
In Messico oltre 34 mila omicidi all'anno, nei primi sei mesi già 17 mila. Il cartello di Jalisco fa impallidire le gesta del Chapo e di Escobar. Non solo droga, il business oggi è il mercato dell'avocado
Suicida il boss che aveva tentato l’evasione vestendosi da teenager
Suicida il boss che aveva tentato l’evasione vestendosi da teenager
Clauvino da Silva, diventato celebre in modo involontario per aver tentato di evadere vestito da adolescente, è stato ritrovato senza vita nella sua cella
Maduro nella morsa di Trump: embargo totale
Maduro nella morsa di Trump: embargo totale
Da lunedì il regime di Caracas non può più effettuare operazioni commerciali e vendere petrolio, esentati solo gli aiuti umanitari. Colpo finale alla disastrata economia
Dilapida i soldi delle donazioni per le cure del figlio
Dilapida i soldi delle donazioni per le cure del figlio
Il Brasile sconvolto dal gesto di un padre che ha svuotato i conti correnti su cui confluiva il denaro necessario a pagare le costosissime cure del figlio di 19 mesi, affetto da una malattia rara
Brasile: la corsa all’oro minaccia le tribù amazzoniche
Brasile: la corsa all’oro minaccia le tribù amazzoniche
Autorizzati dal presidente Bolsonaro, circa 10mila cercatori d’oro si sono riversati nelle terre degli Yanomami, una pacifica tribù che vive isolata nella foresta
Sommossa in un carcere brasiliano: 52 morti
Sommossa in un carcere brasiliano: 52 morti
Sedici detenuti sarebbero stati decapitati nel corso di una sommossa nel carcere di Altamira. Le associazioni umanitarie accusano di menefreghismo il governo di Bolsonaro