La campionessa e il rapinatore

| Un balordo di Rio de Janeiro ha scelto la vittima sbagliata: una campionessa di arti marziali miste che lo ha strapazzato per bene

+ Miei preferiti
Quando Max Badelha Barbosa ha adocchiato una ragazza minuta tutta sola nella zona di Pechincha, a Jacarepaguá, a ovest di Rio de Janeiro, ha pensato che quello per lui dovesse essere un giorno fortunato. Non era per niente così, e l’avrebbe scoperto qualche minuto dopo: la giornata storta ha fatto sì che il balordo, già segnalato in zona per diverse rapine e appena uscito di galera dopo aver scontato tre anni, abbia incrociato sulla sua strada Polyama Viana, campionessa di MMA (mixed martial arts), le arti marziali miste, e membro della UFC, (Ultimate Fighting Championship), la più importante organizzazione mondiale di arti marziali.

Polyama aveva prenotato un taxi dal suo appartamento e invece di attendere in casa la chiamata che avvisa l’arrivo dell’auto, era scesa in strada per risparmiare tempo. Max Badelha Barbosa la vede, si siede accanto a lei e chiede l’ora. Lei risponde gentilmente, poi mette il cellulare in tasca: l’uomo le intima di consegnarglielo, dicendo di essere armato. “Ho intravisto qualcosa nella sua tasca, non so se fosse un’arma, ma non potevo lasciargli il tempo di tirarla fuori, qualsiasi cosa fosse: mi sono girata e gli ho tirato due pugni sul volto e un calcio nelle parti basse, poi l’ho bloccato con una mossa da strangolamento. La gente passava senza intervenire, e qualcuno credo abbia sospettato che l’aggressore fossi io”. Quando l’uomo chiede pietà, Polyana lo fa rialzare e gli ordina di sedersi, tramortito dai colpi: “Si è spaventato a morte, mi ha visto arrabbiata e l’ho avvisato di non muoversi perché tanto non lo avrei lasciato andar via. Mi ha risposto che non aveva intenzione di fare nulla e di chiamare la polizia, purché non lo picchiassi più”.

Polyama Viana, classe 1991, nata a Sao Geraldo do Araguaia, 1,70 cm di altezza per 60 kg, è una campionessa di arti marziali miste professionista, conosciuta con il soprannome “Dama de Ferro”. E Max Badelha Barbosa non la dimenticherà facilmente.

Galleria fotografica
La campionessa e il rapinatore - immagine 1
La campionessa e il rapinatore - immagine 2
La campionessa e il rapinatore - immagine 3
La campionessa e il rapinatore - immagine 4
La campionessa e il rapinatore - immagine 5
La campionessa e il rapinatore - immagine 6
La campionessa e il rapinatore - immagine 7
La campionessa e il rapinatore - immagine 8
La campionessa e il rapinatore - immagine 9
La campionessa e il rapinatore - immagine 10
Sudamerica
Nazionale colombiano giustiziato dai narcos: 'colpevole' di autogol
Nazionale colombiano giustiziato dai narcos:
Sono passati 25 anni dall'omicidio di Andrès Escobar, 18enne difensore della Nazionale Colombiana. Ai mondiali del '94 fece un autogol durante la partita con gli USA. Fu ucciso da un narcos. Il 2 luglio il giorno della memoria
Caraibi, ancora un turista USA morto
Caraibi, ancora un turista USA morto
E' la nona vittima di strane malattie o malori improvvisi in 13 mesi. I familiari di Joseph Allen, 55 anni, uno sportivo in buona salute, vogliono sapere di cosa è morto. Trovato senza vita in un resort
Blackout in Sudamerica: 50 milioni di persone al buio
Blackout in Sudamerica: 50 milioni di persone al buio
Fra i paesi più colpiti l’Argentina e l’Uruguay, oltre ad alcune zone di altri paesi vicini. Il guasto, ancora da chiarire, è al sistema di interconnessione. La società fornitrice assicura: nel giro di poche ore torneremo alla normalità
Profughi venezuelani più numerosi dei siriani
Profughi venezuelani più numerosi dei siriani
Drammatica denuncia OAS, appello ad affrontare la crisi umanitaria nel Paese distrutto dal regime di Maduro e dai suoi alleati
Venezuela: inflazione al 37700x100. E Maduro stampa banconote da 50000 bolivar: carta straccia
Venezuela: inflazione al 37700x100. E Maduro stampa banconote da 50000 bolivar: carta straccia
Inflazione spaventosa, il regime stampa fogli di carta senza valore mentre i consumi di carne e latte scendono ai minimi storici. L'unica attività in progresso è la repressione: arrestato generale ed ex ministro
Il cimitero dell''aero-terrorismo'
Il cimitero dell
Chavez aveva finanziato una linea aerea tra Venezuela. Ira e Siria. Ora gli aerei della flotta giacciono in un cimitero nello stato brasiliano di Vargas
4 milioni di venezuelani in fuga
4 milioni di venezuelani in fuga
È stata definita una delle crisi umanitarie più grandi nella storia del Sudamerica. La maggior parte si dirige verso Colombia e Perù, ma diversi paesi iniziano a rendere più difficile l’ingresso
Il Brasile di Bolsonaro, tra pesticidi e omofobia
Il Brasile di Bolsonaro, tra pesticidi e omofobia
Dall'esagerata deforestazione dell’Amazzonia all’abuso dei pesticidi, dai soprusi verso le minoranze alla sottomissione nei confronti delle lobby internazionali: la popolarità del presidente in carica da gennaio sta rapidamente calando
Parlamentari in carcere, vivi o morti?
Parlamentari in carcere, vivi o morti?
Appello al regime di Maduro della famiglia del vice di Guaidò, Edgar Zambrano, in carcere dall'8 maggio. "Violati i diritti costituzionali, non sappiamo più nulla di lui". Ma i grillini italiani restano "neutrali". In cella 17 parlamentari
così muoiono i bimbi di Caracas'>Debito con l'Italia
così muoiono i bimbi di Caracas
Debito con lcosì muoiono i bimbi di Caracas' class='article_img2'>
La storia di Erick malato di cancro, morto nell'attesa di un trapianto negli ospedali italiani in base a un accordo del 2010. C'è un debito di 10,7 milioni di euro e i piccoli malati, privi di farmaci e cure, si spengono uno dopo l'altro