LA LENTA MORTE DEI DIALIZZATI Mancano farmaci e strutture, il regime di Maduro condanna i malati

| I trapianti renali sono bloccati da anni, uomini, donne e bambini condannati alla dialisi e privi di farmaci integratori. Muoiono così decine di pazienti, stremati da terapie inadeguate, con il pericolo del blocco dei reni artificiali

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Per i teorici della neutralità, “nè con Maduro, né con Guaidò” che hanno trasformato la politica estera dell’Italia in ua vergogna senza fine (vedi la posizione del Movimento5Stelle), la crisi del Venezuela è un fenomeno astratto, di natura politica. Invece chi paga un prezzo spaventoso è la popolazione, mentre gli oligarchi, l’Esercito e e il circolo magico di Maduro vivono negli agi e nel lusso. L’ultimo flash di un Paese, una volta considerato la “Svizzera del Sudamerica”, è la sanità pubblica, ridotta alla disperazione. Lo raccontano con un servizio EFE e El Nacional. Questa volta, dopo i morti per mancanza di farmaci, per i black out elettrici e per la cronica mancanza di risorse, tocca ai dializzati morire "goccia dopo goccia”, come in un’antica tortura medievale.

Frank Meléndez aspetta con altre 50 persone il suo turno per connettersi a una macchina che purificherà il suo sangue, un processo che si ripete 3 volte a settimana da 18 anni ed è diventato sempre più complicato nel bel mezzo della crisi sanitaria venezuelana. Vive a Barquisimeto e ha solo 45 anni, ma sembra molto più grande e non può camminare senza aiuto: è sulla sedia a rotelle da quasi cinque anni, quando la grave carenza di farmaci ha interrotto la terapia renale e indebolito il suo sistema scheletrico.

Dipende dall'aiuto esterno anche per le attività quotidiane come pulire o mangiare, ha smesso di lavorare, andare al cinema, ai giardini o far visita ai suoi amici. Le macchine per emodialisi fanno il lavoro dei reni e purificano il sangue dei pazienti, ma li privano degli elementi necessari per una vita piena, come il calcio o il ferro. "Non siamo un ostacolo a Maduro o qualcosa del genere, siamo utili al paese, possiamo ancora produrre qualcosa", ha detto Meléndez a Efe da una clinica di Barquisimeto, simbolo di una categoria di malati abbandonati al loro destino.

Negli ultimi tre anni, la sua vita si è trasformata in agonia a causa della crescente debolezza del corpo in mezzo a città venezuelane ostili, senza rampe o ascensori per chi è in sedia a rotelle.

A causa dell'aggravarsi della crisi, ha visto come 24 dei pazienti trattati con lui hanno perso la vita da novembre, quando i farmaci sino finiti. "Su 129 pazienti, 24 sono morti in meno di 6 mesi. Qualcuno deve pagare per queste morti", aggiunge con forza. Juana Jiménez, una delle infermiere della clinica, spiega che i pazienti hanno smesso di assumere integratori di acido folico, ferro e calcio. "Ecco perché, con il passare del tempo, si sono deteriorati a livello osseo: tre pazienti sono morti una settimana fa", dice.

Jiménez dice che nei suoi cinque anni di esperienza, la cosa più difficile che ha affrontato è stato vedere i pazienti attendere angosciati giorni per continuare il loro trattamento durante i blackout che hanno paralizzato il Venezuela lo scorso marzo. Il centro, uno dei principali per pazienti renali nello stato di Lara, non dispone ancora di una centrale elettrica autonoma.

Alfredo Cáceres, coordinatore dell'ONG Amigos Transplantados de Venezuela, racconta che i pazienti con più di due anni di terapie sostitutive si aggravano irrimediabilmente. E muoiono uno dopo l’altro, nell’indifferenza generale.

Ha assicurato che nel paese ci sono almeno 11.000 pazienti renali in attesa di trapianti, e che il programma di approvvigionamento di organi del governo ha esaurito i fondi cinque anni fa. Inoltre, avverte che a causa della grave carenza di farmaci contro l'ipertensione o il diabete, il numero di pazienti con problemi renali in Venezuela potrebbe aumentare a breve termine. "Il processo di degrado di un paziente renale in Venezuela in questo momento è molto breve e, se non ha la possibilità di essere trapiantato, morirà. Abbiamo casi di pazienti che stanno dializzando da 20 anni e non sono stati in grado di avere un trapianto, che, a mio parere, non è vita: è solo una morte lenta".

La stessa lotta per riattivare il programma di trapianto viene condotta da alcuni genitori nello stato di Carabobo, dove almeno 11 bambini malati di rene di età compresa tra i 6 e i 14 anni subiscono un processo di purificazione del sangue conosciuto come dialisi peritoneale. "È un trattamento piuttosto rigido ed è difficile ottenere alcuni farmaci", dice María Campero, madre di una tredicenne di 13 anni che è in cura da quasi un decennio. "Ho urgente bisogno di un trapianto di un ene per mio figlio, sono passati 9 anni in questa terapia sostitutiva", aggiunge. Ma sa anche che nel bel mezzo della crisi politica ed economica del paese, i pazienti renali sono al fondo della lista delle priorità, e che deve fare più rumore per ottenere risultati. Che non arriveranno mai, con il regime corrotto di Maduro.

Galleria fotografica
LA LENTA MORTE DEI DIALIZZATI Mancano farmaci e strutture, il regime di Maduro condanna i malati - immagine 1
LA LENTA MORTE DEI DIALIZZATI Mancano farmaci e strutture, il regime di Maduro condanna i malati - immagine 2
LA LENTA MORTE DEI DIALIZZATI Mancano farmaci e strutture, il regime di Maduro condanna i malati - immagine 3
LA LENTA MORTE DEI DIALIZZATI Mancano farmaci e strutture, il regime di Maduro condanna i malati - immagine 4
LA LENTA MORTE DEI DIALIZZATI Mancano farmaci e strutture, il regime di Maduro condanna i malati - immagine 5
LA LENTA MORTE DEI DIALIZZATI Mancano farmaci e strutture, il regime di Maduro condanna i malati - immagine 6
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino