La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro

| Il governatore Witzel, su preciso mandato del presidente Bolsonaro, ha dichiarato guerra alle favelas: 1.810 persone uccise lo scorso anno

+ Miei preferiti
Jair Bolsonaro l’aveva promesso ancora prima di diventare presidente: “Schiacceremo i criminali per strada come scarafaggi”. Ma secondo alcuni dati sconcertanti appena diffusi, nel 2019 la situazione sembra essere sfuggita di mano: lo scorso anno si è chiuso con la poco invidiabile morte di 1.810 persone nella sola Rio de Janerio, con una media di 5 persone uccise ogni giorno dalla polizia. Il 18% in più del 2018, e con un picco mai registrato dal 1988, primo anno delle statistiche ufficiali. 

Bolsonaro è accusato di aver dato carta bianca all’ambizioso governatore Wilson Witzel, che a sua volta ha scatenato le forze di polizia e l’esercito in una lotta senza quartiere alle favelas più violente con spiegamenti di forze impressionanti: uomini con armi pesanti a terra ed elicotteri dall’alto. Ex militare, uomo di punta dello stesso partito di estrema destra di Bolsonaro, Witzel non ha esitato a raccontare più volte davanti ai microfoni di aver spiegato alle forze di polizia come agire: “Davanti ad un bandito armato c’è solo una cosa da fare: mirare alla testa”. Aggiungendo poi un rammarico: “Peccato non poter lanciare missili sulle favelas”.

I numeri, orgogliosamente diffusi dal governo dello Stato di Rio, sottolineano che la città ha raggiunto il numero più basso di omicidi dal 1991, con “soli” 3.995 morti. Dati che si riflettono anche sul resto del Paese sudamericano, dove il numero di omicidi è sceso del 20%. Molto, si legge sui media locali, è dovuto ad una particolare congiunzione:  un periodo di tregua fra le gang che si spartiscono le favelas e una relativa ripresa economica del Paese che ha tolto dalla povertà diverse migliaia di disperati.

Per le autorità, le 1.810 vittime dei raid delle forze dell’ordine erano tutti uomini armati e pericolosi, ma non sono dello stesso avviso le associazioni in difesa dei diritti umani, che oltre a ricordare che “casualmente” si trattava quasi sempre di uomini poverissimi per lo più di colore tra i 14 ed i 29 anni, nel numero assicurano ci siano da aggiungere decine di innocenti spesso colpiti per errore. Ma per queste morti nessuno paga: quasi mai gli agenti sono identificati e rispondono davanti alla legge della facilità con cui sono stati autorizzati ad aprire il fuoco.

Non tutti sono d’accordo sulla “mattanza” voluta da Bolsonaro: Renata Souza, capo della commissione per i diritti umani, ha chiesto ufficialmente alle Nazioni Unite l’apertura di un’inchiesta, ricevendo l’appoggio immediato di Michelle Bachelet, l’alto commissario Onu per i diritti umani che si è detta molto preoccupata per l’eccessivo numero di uccisioni. E c’è chi teme che la situazione possa addirittura peggiorare, se Bolsonaro riuscisse a far passare una riforma della giustizia che salverebbe gli agenti da qualsiasi guaio con la giustizia.

Galleria fotografica
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro - immagine 1
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino