La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro

| Il governatore Witzel, su preciso mandato del presidente Bolsonaro, ha dichiarato guerra alle favelas: 1.810 persone uccise lo scorso anno

+ Miei preferiti
Jair Bolsonaro l’aveva promesso ancora prima di diventare presidente: “Schiacceremo i criminali per strada come scarafaggi”. Ma secondo alcuni dati sconcertanti appena diffusi, nel 2019 la situazione sembra essere sfuggita di mano: lo scorso anno si è chiuso con la poco invidiabile morte di 1.810 persone nella sola Rio de Janerio, con una media di 5 persone uccise ogni giorno dalla polizia. Il 18% in più del 2018, e con un picco mai registrato dal 1988, primo anno delle statistiche ufficiali. 

Bolsonaro è accusato di aver dato carta bianca all’ambizioso governatore Wilson Witzel, che a sua volta ha scatenato le forze di polizia e l’esercito in una lotta senza quartiere alle favelas più violente con spiegamenti di forze impressionanti: uomini con armi pesanti a terra ed elicotteri dall’alto. Ex militare, uomo di punta dello stesso partito di estrema destra di Bolsonaro, Witzel non ha esitato a raccontare più volte davanti ai microfoni di aver spiegato alle forze di polizia come agire: “Davanti ad un bandito armato c’è solo una cosa da fare: mirare alla testa”. Aggiungendo poi un rammarico: “Peccato non poter lanciare missili sulle favelas”.

I numeri, orgogliosamente diffusi dal governo dello Stato di Rio, sottolineano che la città ha raggiunto il numero più basso di omicidi dal 1991, con “soli” 3.995 morti. Dati che si riflettono anche sul resto del Paese sudamericano, dove il numero di omicidi è sceso del 20%. Molto, si legge sui media locali, è dovuto ad una particolare congiunzione:  un periodo di tregua fra le gang che si spartiscono le favelas e una relativa ripresa economica del Paese che ha tolto dalla povertà diverse migliaia di disperati.

Per le autorità, le 1.810 vittime dei raid delle forze dell’ordine erano tutti uomini armati e pericolosi, ma non sono dello stesso avviso le associazioni in difesa dei diritti umani, che oltre a ricordare che “casualmente” si trattava quasi sempre di uomini poverissimi per lo più di colore tra i 14 ed i 29 anni, nel numero assicurano ci siano da aggiungere decine di innocenti spesso colpiti per errore. Ma per queste morti nessuno paga: quasi mai gli agenti sono identificati e rispondono davanti alla legge della facilità con cui sono stati autorizzati ad aprire il fuoco.

Non tutti sono d’accordo sulla “mattanza” voluta da Bolsonaro: Renata Souza, capo della commissione per i diritti umani, ha chiesto ufficialmente alle Nazioni Unite l’apertura di un’inchiesta, ricevendo l’appoggio immediato di Michelle Bachelet, l’alto commissario Onu per i diritti umani che si è detta molto preoccupata per l’eccessivo numero di uccisioni. E c’è chi teme che la situazione possa addirittura peggiorare, se Bolsonaro riuscisse a far passare una riforma della giustizia che salverebbe gli agenti da qualsiasi guaio con la giustizia.

Galleria fotografica
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro - immagine 1
Sudamerica
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”