La spia che ha tradito El Chapo

| In Tribunale a Brooklyn il tecnico colombiano che creò un'imponente rete di protezione e intercettazione per conto dei Narcos. Ma alla fine consegnò password e chiavi all'Fbi per violare telefoni e pc del cartello di Sinaloa

+ Miei preferiti
Joaquin "El Chapo" Guzman, sorride a sua moglie, la regina di bellezza, verso la fine di una settimana devastante, nell'aula del Tribunale di Borroklyn dove è in corso un processo che vale almeno una decina di ergastoli. Una settimana devastante per il più potente boss mondale del narcotraffico. Sfinao uno dopo l'altro i testimoni che lo inchiodano a un elenco sterminato di reati, omicidi compresi. Un tecnico colombiano di compute spiega le ossessioni del narcos, che racconta come riuscirono a intercettare le linee di ogni internet caffè della capitale del Sinaloa. Un piano che neamche la Stasi avrebbe mai solo concepito. Ma non solo business: l'ossessione per il monitoraggio elettronico era concentrato anche sulla  moglie,le amanti e tutti i suoi collaboratori. In aula c'è qualche narcos-turista, attratto dall'atmosfera da soap opera sudamericana.
Emma Coronel, moglie di Guzman, era seduta in seconda fila sul lato riservato alla difesa nella vasta aula di tribunale. Ha controllato i suoi capelli neri e lucidi per le doppie punte e di tanto in tanto sorrise al marito mentre il testimone raccontava alcune delle efferatezze commesse dal marito che alla fine lo hanno blindato dietro la sbarre di una cella in Usa. 
la moglie de El Chapo, Emma Coronel Aispuro
Lo specialista di tecnologia dell'informazione, Christian Rodriguez, testimone cooperante, abito grigio metallizzato e cravatta scura è monotono e preciso nel ricstruire la rete informatica del boss. Il 32enne studente colombiano che ha lasciato l'università ha gestito una startup di sicurezza informatica per i cartelli della droga in cerca di comunicazioni più sicure.
Per due giorni, Rodriguez ha evitato il contatto visivo con Guzman, che indossava un abito blu giovedì e si è seduto alla fine del tavolo della difesa. Rodriguez ha testimoniato che aveva appena 21 anni quando quando fu assunto dai narcos gli gli provocarono però "una serie di crisi nervose".
Dall'altro lato dell'affollata aula di tribunale sedevano due coppie che erano arrivate nelle prime ore dell'alba per assistere al processo a lungo atteso dell'uomo accusato di essere il più grande trafficante di droga del mondo. Sono stati sottoposti a molteplici controlli di sicurezza. Prima delle 7 del mattino, si trovavano in una lunga coda fuori dall'aula del tribunale, pesantemente sorvegliata, per avere la possibilità di avere posti a sedere limitati. "Abbiamo ottenuto gli ultimi due posti a sedere", ha detto una sorridente Rosa Alvarez, 50 anni, che ha trascinato suo marito in tribunale dal New Jersey nel suo giorno libero da uno stabilimento chimico.
"El Chapo è affascinante. Questa è una telenovela", ha detto, come nelle soap in TV in prima serata in lingua spagnola. Racconteremo questo ai nostri nipoti". Per quasi due mesi, l'ascesa e la caduta del mitico signore della droga messicano, che è salito da umili origini a quasi 14 miliardi di dollari come capo del mortale cartello di Sinaloa, è stato esposto, dal lunedì al giovedì, nell'aula di tribunale dell'ottavo piano del giudice distrettuale Brian Cogan.
Rodriguez ha raccontato come gli agenti dell'FBI che lo hanno contattato nel 2011 lo abbiano convinto a tradire il suo più grande cliente. Ha consegnato chiavi elettroniche e altri dati che hanno rivelato i segreti più intimi del re dei Narcos. E 'stato un tradimento quasi biblico.
"Mi hanno detto che sapevano che lavoravo per El Chapo e che mi trovavo in seri problemi", ha detto Rodriguez degli agenti.
Rodriguez ha descritto Guzman come un uomo con un insaziabile appetito per lo spionaggio elettronico.
Un guasto nel sistema di hackerare gli internet cafè della città messicana nordoccidentale di Culiacan ha portato nel 2009 ad un incontro tra Rodriguez e i membri del cartello in uno dei rifugi di montagna di Guzman nello stato di Sinaloa, secondo la testimonianza del tecnico. Protetto da più di una dozzina di guardie pesantemente armate, tra cui una con "un'arma molto grande" in grado di abbattere un elicottero, l'incontro clandestino fu però intrrotto da una colonna di truppe messicane in avanzata.
Rodriguez ha raccontato i tre giorni successivi a piedi attraverso le montagne con Guzman e il suo entourage. Si erano rintanati in piccoli villaggi  prima di tornare a Culiacan. "Come ti sentivi?" ha chiesto il procuratore federale Andrea Goldbarg a Rodriguez.
"Ero molto spaventato", disse. E Guzman? "Era sempre molto calmo, molto sicuro, molto tranquillo", rispose Rodriguez a Goldbarg.
Rodriguez disse che tornò rapidamente in Colombia e non incontrò mai più Guzman. Ha cercato di "mettere distanza" tra se stesso e Guzman prima di consegnare il capo del cartello all'Fbi, ha detto. Dopo aver consentito agli agenti di accedere ai dati dei telefoni criptati di Guzman e inettare nella rete gli spyware, Rodriguez è fuggito in un luogo sicuro, sotto protezione. Per la prima volta, in Tribunale, El Chapo s'è trovato di fronte chi lo ha perduto per sempre.
Galleria fotografica
La spia che ha tradito El Chapo - immagine 1
Sudamerica
Maduro delira: Trump come Hitler
Maduro delira: Trump come Hitler
Il dittatore di Caracas, autore di una repressione senza precedenti contro l'opposizione, attacca gli Usa e parla di "popolo perseguitato". Ma le carceri sono piene di detenuti politici
Cartelli in guerra, cadaveri mutilati penzolano dal ponte
Cartelli in guerra, cadaveri mutilati penzolano dal ponte
In Messico oltre 34 mila omicidi all'anno, nei primi sei mesi già 17 mila. Il cartello di Jalisco fa impallidire le gesta del Chapo e di Escobar. Non solo droga, il business oggi è il mercato dell'avocado
Suicida il boss che aveva tentato l’evasione vestendosi da teenager
Suicida il boss che aveva tentato l’evasione vestendosi da teenager
Clauvino da Silva, diventato celebre in modo involontario per aver tentato di evadere vestito da adolescente, è stato ritrovato senza vita nella sua cella
Maduro nella morsa di Trump: embargo totale
Maduro nella morsa di Trump: embargo totale
Da lunedì il regime di Caracas non può più effettuare operazioni commerciali e vendere petrolio, esentati solo gli aiuti umanitari. Colpo finale alla disastrata economia
Dilapida i soldi delle donazioni per le cure del figlio
Dilapida i soldi delle donazioni per le cure del figlio
Il Brasile sconvolto dal gesto di un padre che ha svuotato i conti correnti su cui confluiva il denaro necessario a pagare le costosissime cure del figlio di 19 mesi, affetto da una malattia rara
Brasile: la corsa all’oro minaccia le tribù amazzoniche
Brasile: la corsa all’oro minaccia le tribù amazzoniche
Autorizzati dal presidente Bolsonaro, circa 10mila cercatori d’oro si sono riversati nelle terre degli Yanomami, una pacifica tribù che vive isolata nella foresta
Sommossa in un carcere brasiliano: 52 morti
Sommossa in un carcere brasiliano: 52 morti
Sedici detenuti sarebbero stati decapitati nel corso di una sommossa nel carcere di Altamira. Le associazioni umanitarie accusano di menefreghismo il governo di Bolsonaro
Messico: la schiuma che uccide
Messico: la schiuma che uccide
Una montagna di schiuma bianca, dovuta agli scarichi di detersivi, ha letteralmente ingoiato un uomo di 30 anni. Settimane prima era scomparso nello stesso modo il cane di un residente
Rapina da film in Brasile
Rapina da film in Brasile
In meno di tre minuti e senza sparare un colpo, un commando formato da 8 uomini travestiti da poliziotti ha portato via 750 kg di oro da un hangar dell'aeroporto di San Paolo
Sanità al collasso, così muoiono i bambini del Venezuela
Sanità al collasso, così muoiono i bambini del Venezuela
Mancano farmaci, trapianti di midollo impossibili, black out energetici continui. Muoiono uno dopo l'altro i bambini malati per gravi patologie. Ma in Italia il viceministro grillino De Stefano continua a sostenere il regime di Maduro