La spia che ha tradito El Chapo

| In Tribunale a Brooklyn il tecnico colombiano che creò un'imponente rete di protezione e intercettazione per conto dei Narcos. Ma alla fine consegnò password e chiavi all'Fbi per violare telefoni e pc del cartello di Sinaloa

+ Miei preferiti
Joaquin "El Chapo" Guzman, sorride a sua moglie, la regina di bellezza, verso la fine di una settimana devastante, nell'aula del Tribunale di Borroklyn dove è in corso un processo che vale almeno una decina di ergastoli. Una settimana devastante per il più potente boss mondale del narcotraffico. Sfinao uno dopo l'altro i testimoni che lo inchiodano a un elenco sterminato di reati, omicidi compresi. Un tecnico colombiano di compute spiega le ossessioni del narcos, che racconta come riuscirono a intercettare le linee di ogni internet caffè della capitale del Sinaloa. Un piano che neamche la Stasi avrebbe mai solo concepito. Ma non solo business: l'ossessione per il monitoraggio elettronico era concentrato anche sulla  moglie,le amanti e tutti i suoi collaboratori. In aula c'è qualche narcos-turista, attratto dall'atmosfera da soap opera sudamericana.
Emma Coronel, moglie di Guzman, era seduta in seconda fila sul lato riservato alla difesa nella vasta aula di tribunale. Ha controllato i suoi capelli neri e lucidi per le doppie punte e di tanto in tanto sorrise al marito mentre il testimone raccontava alcune delle efferatezze commesse dal marito che alla fine lo hanno blindato dietro la sbarre di una cella in Usa. 
la moglie de El Chapo, Emma Coronel Aispuro
Lo specialista di tecnologia dell'informazione, Christian Rodriguez, testimone cooperante, abito grigio metallizzato e cravatta scura è monotono e preciso nel ricstruire la rete informatica del boss. Il 32enne studente colombiano che ha lasciato l'università ha gestito una startup di sicurezza informatica per i cartelli della droga in cerca di comunicazioni più sicure.
Per due giorni, Rodriguez ha evitato il contatto visivo con Guzman, che indossava un abito blu giovedì e si è seduto alla fine del tavolo della difesa. Rodriguez ha testimoniato che aveva appena 21 anni quando quando fu assunto dai narcos gli gli provocarono però "una serie di crisi nervose".
Dall'altro lato dell'affollata aula di tribunale sedevano due coppie che erano arrivate nelle prime ore dell'alba per assistere al processo a lungo atteso dell'uomo accusato di essere il più grande trafficante di droga del mondo. Sono stati sottoposti a molteplici controlli di sicurezza. Prima delle 7 del mattino, si trovavano in una lunga coda fuori dall'aula del tribunale, pesantemente sorvegliata, per avere la possibilità di avere posti a sedere limitati. "Abbiamo ottenuto gli ultimi due posti a sedere", ha detto una sorridente Rosa Alvarez, 50 anni, che ha trascinato suo marito in tribunale dal New Jersey nel suo giorno libero da uno stabilimento chimico.
"El Chapo è affascinante. Questa è una telenovela", ha detto, come nelle soap in TV in prima serata in lingua spagnola. Racconteremo questo ai nostri nipoti". Per quasi due mesi, l'ascesa e la caduta del mitico signore della droga messicano, che è salito da umili origini a quasi 14 miliardi di dollari come capo del mortale cartello di Sinaloa, è stato esposto, dal lunedì al giovedì, nell'aula di tribunale dell'ottavo piano del giudice distrettuale Brian Cogan.
Rodriguez ha raccontato come gli agenti dell'FBI che lo hanno contattato nel 2011 lo abbiano convinto a tradire il suo più grande cliente. Ha consegnato chiavi elettroniche e altri dati che hanno rivelato i segreti più intimi del re dei Narcos. E 'stato un tradimento quasi biblico.
"Mi hanno detto che sapevano che lavoravo per El Chapo e che mi trovavo in seri problemi", ha detto Rodriguez degli agenti.
Rodriguez ha descritto Guzman come un uomo con un insaziabile appetito per lo spionaggio elettronico.
Un guasto nel sistema di hackerare gli internet cafè della città messicana nordoccidentale di Culiacan ha portato nel 2009 ad un incontro tra Rodriguez e i membri del cartello in uno dei rifugi di montagna di Guzman nello stato di Sinaloa, secondo la testimonianza del tecnico. Protetto da più di una dozzina di guardie pesantemente armate, tra cui una con "un'arma molto grande" in grado di abbattere un elicottero, l'incontro clandestino fu però intrrotto da una colonna di truppe messicane in avanzata.
Rodriguez ha raccontato i tre giorni successivi a piedi attraverso le montagne con Guzman e il suo entourage. Si erano rintanati in piccoli villaggi  prima di tornare a Culiacan. "Come ti sentivi?" ha chiesto il procuratore federale Andrea Goldbarg a Rodriguez.
"Ero molto spaventato", disse. E Guzman? "Era sempre molto calmo, molto sicuro, molto tranquillo", rispose Rodriguez a Goldbarg.
Rodriguez disse che tornò rapidamente in Colombia e non incontrò mai più Guzman. Ha cercato di "mettere distanza" tra se stesso e Guzman prima di consegnare il capo del cartello all'Fbi, ha detto. Dopo aver consentito agli agenti di accedere ai dati dei telefoni criptati di Guzman e inettare nella rete gli spyware, Rodriguez è fuggito in un luogo sicuro, sotto protezione. Per la prima volta, in Tribunale, El Chapo s'è trovato di fronte chi lo ha perduto per sempre.
Galleria fotografica
La spia che ha tradito El Chapo - immagine 1
Sudamerica
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”
Cile, rapina in aeroporto da 15 milioni di dollari
Cile, rapina in aeroporto da 15 milioni di dollari
Un commando di 10 persone ha rubato milioni di dollari e di euro in contanti dopo aver fatto irruzione con un furgone blindato nell’aeroporto di Santiago del Cile
Portorico sotto shock per l’omicidio di Alexa
Portorico sotto shock per l’omicidio di Alexa
Una transgender accusata di aver utilizzato i bagni delle donne in un McDonald’s, è stata uccisa pochi minuti dopo a colpi di pistola. Il video dell’esecuzione ha girato sui social per ore prima di essere rimosso
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il caso di una bambina di 7 anni rapita, violentata e uccisa riaccende le proteste per quella che il presidente Obrador definisce una vera piaga sociale: 1.006 casi di femminicidio nel solo 2019
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Un caso di cronaca particolarmente brutale ha scatenato le proteste in tutto il Paese, anche per la pubblicazione del corpo smembrato della vittima su un magazine locale