L’eredità di Maradona

| Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia

+ Miei preferiti
A tre mesi dalla morte di Diego Armando Maradona, il giudice di La Plata Luciana Tedesco Del Rivero chiude la prima fase sulla confusa vicenda della sua eredità, al centro di una battaglia legale fra i figli e l’avvocato Matias Morla, amministrazione e legale del “Pibe de Oro”. Pochi giorni fa, la vicenda si è arricchita dell’ennesimo capitolo, con la richiesta formale all’avvocato a parte della famiglia Maradona di presentare il contratto che lo legava al padre, l’entità dei suoi compensi e l’elenco delle mansioni che era tenuto a svolgere, lui e tutta la “cerchia” di persone che orbitavano intorno al campione, compresi la sorella e il cognato del legale.

Secondo il tribunale, i cinque legalmente riconosciuti da Maradona sono i legittimi eredi delle fortune del grande campione argentino: Diego Junior, nato dalla relazione con l’italiana Cristina Sinagra, Dalma e Gianina, nate dal matrimonio con Claudia Villafane, Jana, avuta da Valeria Sabalain e Diego Fernando, il più piccolo, frutto della relazione con Veronica Ojeda.

Ma secondo il quotidiano argentino “Ambito Financiero”, il giudice avrebbe lasciato la porta aperta a eventuali altri soggetti che potrebbero affermare di essere figli del campione, a patto di riuscire a dimostrarlo con tutti gli esami e le procedure previste per legge. Solo allora, con la ricostruzione dell’intero asse patrimoniale, il tribunale darà il via libera alla ripartizione dei beni.

Finora, a rivendicare la paternità di Maradona sono stati cinque giovani: Santiago Lara, 19enne frutto della relazione con la modella Natalia Garat, Magali Gil, Joanna e i gemelli Lu e Javielito, tutti nati da relazioni con donne cubane nel periodo trascorso da D10s sull’isola.

Una parte consistente dell’eredità di Maradona si troverebbe distribuita nelle cassette di sicurezza di quattro città, fra Argentina e gli Emirati Arabi Uniti: Beccar, Brandsen, Tigre e Dubai. All’interno dovrebbero custodire premi, riconoscimenti, regali e ricordi accumulati nella straordinaria carriera di Maradona, comprese maglie, scarpe e divise che farebbero la gioia di qualsiasi museo o collezionista. Su questa mole di oggetti, molti dal valore storico, non c’è accordo fra i figli: una parte vorrebbe creare un museo dedicato al leggendario padre, un’altra vendere tutto in un’asta.

Nei mesi scorsi, la magistratura argentina ha scoperto a Dubai l’esistenza di due misteriose casseforti e diverse auto di lusso, più alcuni conti con la firma contraffatta del dottor Luque, il neurochirurgo di Maradona, ma al momento stabilire con certezza l’ammontare dell’eredità del campione non è semplice, anche perché D10s possedeva diversi immobili all’estero che necessitano di rogatorie internazionali. Secondo una stima – per molti prudenziale, per altri eccessiva – si parla di 500milioni di dollari.

Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani