L’ex presidente del Perù tenta il suicidio

| Si è sparato al collo mentre la polizia tentava di arrestarlo: è ricoverato in condizioni critiche. Insieme ad altri ex leader sudamericani è accusato di aver ricevuto tangenti dalla Odebrecht

+ Miei preferiti
L’ex presidente peruviano Alan García, 69 anni, è ricoverato in gravissime condizioni presso l’ospedale “Casimiro Ulloa” di Lima: ha tentato il suicidio sparandosi un colpo di pistola al collo. La notizia, diffusa dai media di tutto il mondo, è stata rivelata da Erasmo Reyna, il suo avvocato: “L’ex presidente ha tentato di uccidersi”. Il ministro della salute Zulema Tomas ha confermato alla stampa che Garcíaè in condizioni “molto critiche” e le sue ferite sono “di grave entità”. L’ex presidente, a quanto si apprende, è stato rianimato per tre volte dallo staff medico che sta tentando di straparlo alla morte.

García, membro dell’Alleanza Popolare Rivoluzionaria Americana, ha ricoperto la carica di presidente del Perù dal 1985 al 1990 e dal 2006 al 2011, è da tempo sotto inchiesta con l’accusa di corruzione, il suo nome compare all’interno di grande scandalo che ha travolto diversi ex leader latinoamericani. 

Fonti vicine all’indagine avevano emesso un ordine di arresto, ma all’arrivo della polizia l’ex presidente si è chiuso ina stanza e ha fatto fuoco contro se stesso.

Garcíaè accusato di aver ricevuto tangenti nel corso del suo secondo mandato da una delle più grandi imprese di costruzioni dell’America Latina - la società brasiliana “Odebrecht” - durante la costruzione di un treno elettrico della metropolitana di Lima.

Nel suo tweet più recente, postato solo ieri, Garcíaha ribadito che a suo carico non esiste “nessuno straccio di prova”, accusando i pubblici ministeri peruviani di “speculazione”. Nel novembre dello scorso anno aveva chiesto asilo politico presso l’ambasciata uruguaiana dopo che un giudice gli aveva vietato di lasciare il paese per 18 mesi, ma un mese dopo il governo uruguaiano ha respinto la richiesta.

La Odebrecht è accusata di aver distribuito quasi 800 milioni di dollari in tangenti tra il 2001 e il 2016 per ottenere dai governi contratti per la costruzione di strade, ponti, dighe e autostrade. Secondo quanto emerso dall’inchiesta, i funzionari del colosso avrebbero spedito denaro contante ai politici di una dozzina di paesi tra cui Perù, Messico, Venezuela, Colombia, Argentina e Mozambico. Lo scandalo della corruzione, uno dei più grandi della storia moderna, è già costato caro a Pedro Pablo Kuczynski, il presidente peruviano, dimessosi un giorno prima che il congresso votasse il suo impeachment. L’Ecuador ha deciso di sospendere il vicepresidente Jorge Glas, nel 2017 condannato a sei anni di carcere per aver ricevuto 13,5 milioni di dollari di tangenti. E l’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva sta scontando una condanna a 12 anni di reclusione per corruzione e riciclaggio, incluso il presunto permesso assegnato alla Odebrecht in cambio di una lussuosa casa per le vacanze.

Sudamerica
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo