L’ex presidente del Perù tenta il suicidio

| Si è sparato al collo mentre la polizia tentava di arrestarlo: è ricoverato in condizioni critiche. Insieme ad altri ex leader sudamericani è accusato di aver ricevuto tangenti dalla Odebrecht

+ Miei preferiti
L’ex presidente peruviano Alan García, 69 anni, è ricoverato in gravissime condizioni presso l’ospedale “Casimiro Ulloa” di Lima: ha tentato il suicidio sparandosi un colpo di pistola al collo. La notizia, diffusa dai media di tutto il mondo, è stata rivelata da Erasmo Reyna, il suo avvocato: “L’ex presidente ha tentato di uccidersi”. Il ministro della salute Zulema Tomas ha confermato alla stampa che Garcíaè in condizioni “molto critiche” e le sue ferite sono “di grave entità”. L’ex presidente, a quanto si apprende, è stato rianimato per tre volte dallo staff medico che sta tentando di straparlo alla morte.

García, membro dell’Alleanza Popolare Rivoluzionaria Americana, ha ricoperto la carica di presidente del Perù dal 1985 al 1990 e dal 2006 al 2011, è da tempo sotto inchiesta con l’accusa di corruzione, il suo nome compare all’interno di grande scandalo che ha travolto diversi ex leader latinoamericani. 

Fonti vicine all’indagine avevano emesso un ordine di arresto, ma all’arrivo della polizia l’ex presidente si è chiuso ina stanza e ha fatto fuoco contro se stesso.

Garcíaè accusato di aver ricevuto tangenti nel corso del suo secondo mandato da una delle più grandi imprese di costruzioni dell’America Latina - la società brasiliana “Odebrecht” - durante la costruzione di un treno elettrico della metropolitana di Lima.

Nel suo tweet più recente, postato solo ieri, Garcíaha ribadito che a suo carico non esiste “nessuno straccio di prova”, accusando i pubblici ministeri peruviani di “speculazione”. Nel novembre dello scorso anno aveva chiesto asilo politico presso l’ambasciata uruguaiana dopo che un giudice gli aveva vietato di lasciare il paese per 18 mesi, ma un mese dopo il governo uruguaiano ha respinto la richiesta.

La Odebrecht è accusata di aver distribuito quasi 800 milioni di dollari in tangenti tra il 2001 e il 2016 per ottenere dai governi contratti per la costruzione di strade, ponti, dighe e autostrade. Secondo quanto emerso dall’inchiesta, i funzionari del colosso avrebbero spedito denaro contante ai politici di una dozzina di paesi tra cui Perù, Messico, Venezuela, Colombia, Argentina e Mozambico. Lo scandalo della corruzione, uno dei più grandi della storia moderna, è già costato caro a Pedro Pablo Kuczynski, il presidente peruviano, dimessosi un giorno prima che il congresso votasse il suo impeachment. L’Ecuador ha deciso di sospendere il vicepresidente Jorge Glas, nel 2017 condannato a sei anni di carcere per aver ricevuto 13,5 milioni di dollari di tangenti. E l’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva sta scontando una condanna a 12 anni di reclusione per corruzione e riciclaggio, incluso il presunto permesso assegnato alla Odebrecht in cambio di una lussuosa casa per le vacanze.

Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino