L’ex presidente del Perù tenta il suicidio

| Si è sparato al collo mentre la polizia tentava di arrestarlo: è ricoverato in condizioni critiche. Insieme ad altri ex leader sudamericani è accusato di aver ricevuto tangenti dalla Odebrecht

+ Miei preferiti
L’ex presidente peruviano Alan García, 69 anni, è ricoverato in gravissime condizioni presso l’ospedale “Casimiro Ulloa” di Lima: ha tentato il suicidio sparandosi un colpo di pistola al collo. La notizia, diffusa dai media di tutto il mondo, è stata rivelata da Erasmo Reyna, il suo avvocato: “L’ex presidente ha tentato di uccidersi”. Il ministro della salute Zulema Tomas ha confermato alla stampa che Garcíaè in condizioni “molto critiche” e le sue ferite sono “di grave entità”. L’ex presidente, a quanto si apprende, è stato rianimato per tre volte dallo staff medico che sta tentando di straparlo alla morte.

García, membro dell’Alleanza Popolare Rivoluzionaria Americana, ha ricoperto la carica di presidente del Perù dal 1985 al 1990 e dal 2006 al 2011, è da tempo sotto inchiesta con l’accusa di corruzione, il suo nome compare all’interno di grande scandalo che ha travolto diversi ex leader latinoamericani. 

Fonti vicine all’indagine avevano emesso un ordine di arresto, ma all’arrivo della polizia l’ex presidente si è chiuso ina stanza e ha fatto fuoco contro se stesso.

Garcíaè accusato di aver ricevuto tangenti nel corso del suo secondo mandato da una delle più grandi imprese di costruzioni dell’America Latina - la società brasiliana “Odebrecht” - durante la costruzione di un treno elettrico della metropolitana di Lima.

Nel suo tweet più recente, postato solo ieri, Garcíaha ribadito che a suo carico non esiste “nessuno straccio di prova”, accusando i pubblici ministeri peruviani di “speculazione”. Nel novembre dello scorso anno aveva chiesto asilo politico presso l’ambasciata uruguaiana dopo che un giudice gli aveva vietato di lasciare il paese per 18 mesi, ma un mese dopo il governo uruguaiano ha respinto la richiesta.

La Odebrecht è accusata di aver distribuito quasi 800 milioni di dollari in tangenti tra il 2001 e il 2016 per ottenere dai governi contratti per la costruzione di strade, ponti, dighe e autostrade. Secondo quanto emerso dall’inchiesta, i funzionari del colosso avrebbero spedito denaro contante ai politici di una dozzina di paesi tra cui Perù, Messico, Venezuela, Colombia, Argentina e Mozambico. Lo scandalo della corruzione, uno dei più grandi della storia moderna, è già costato caro a Pedro Pablo Kuczynski, il presidente peruviano, dimessosi un giorno prima che il congresso votasse il suo impeachment. L’Ecuador ha deciso di sospendere il vicepresidente Jorge Glas, nel 2017 condannato a sei anni di carcere per aver ricevuto 13,5 milioni di dollari di tangenti. E l’ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva sta scontando una condanna a 12 anni di reclusione per corruzione e riciclaggio, incluso il presunto permesso assegnato alla Odebrecht in cambio di una lussuosa casa per le vacanze.

Sudamerica
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo