L’Onu accusa Maduro di violenza

| Finito nelle mani dell’Alto Commissario per i Diritti Umani Michelle Bachelet, nel rapporto si ripercorre l’omicidio del capitano Rafael Acosta, torturato e ucciso come è accaduto a migliaia di altri dissidenti

+ Miei preferiti
Sui tavoli degli uffici delle Nazioni Unite, gira un rapporto sulla situazione dei diritti umani in Venezuela: un report che non si limita alle cifre, ma racconta di casi concreti. Come le orribili ferite inflitte a un capitano della marina venezuelana torturato a morte durante una campagna di repressione verso coloro che finiscono sotto la pericolosa accusa di far parte del complotto per rovesciare il presidente Nicolás Maduro.

Un rapporto che è anche fra le mani di Michelle Bachelet, alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, in cui si accusano le forze di sicurezza di Maduro di aver commesso “gravi violazioni e atti violenti” contro i dissidenti venezuelani. Maduro, si legge nel report, è invitato a sciogliere il famigerato gruppo di forze speciali accusato di un’ondata di omicidi a sfondo politico. Il documento di 16 pagine contiene anche dettagli agghiaccianti sulle tecniche che i servizi di sicurezza e di intelligence venezuelani avrebbero utilizzato per interrogare e intimidire i membri dell’opposizione politica. In decine di casi individuati dai responsabili dell’OHCHR, “donne e uomini sono stati sottoposti a una o più forme di tortura o a trattamenti o punizioni crudeli, disumani o degradanti, tra cui scosse elettriche, soffocamento con sacchetti di plastica, percosse, violenza sessuale, privazione di acqua e cibo, posizioni di stress ed esposizione a temperature estreme. Le forze di sicurezza e i servizi segreti ricorrono abitualmente a tali pratiche per ottenere informazioni e confessioni, intimidire e punire i detenuti”.

Il rapporto è anche molto critico nei confronti di FAES, un’oscura unità speciale di forze speciali sospettate di aver avuto il compito di reprimere l’opposizione verso Maduro nelle zone più povere del Venezuela. La squadra di Michelle Bachelet ha incontrato personalmente i parenti di 20 giovani uomini uccisi dalle FAES tra il giugno del 2018 e l’aprile di quest’anno. Tutti hanno descritto un modus operandi comune: agenti pesantemente armati e con passamontagna prendono d’assalto le case e separato i loro bersagli dalle loro famiglie: “Secondo i parenti, quasi tutte le vittime avevano uno o più colpi al petto”.

Il governo di Maduro ha respinto il rapporto, definendolo “distorto” in un contro-documento di 11 pagine che accusa la Bachelet di offrire “una visione selettiva e apertamente parziale” dei diritti umani in Venezuela: “Le imprecisioni, gli errori, le descontestualizzazioni e le false affermazioni sono innumerevoli”.

Il rapporto delle Nazioni Unite è arrivato dopo il caso dell’uccisione di Rafael Acosta, capitano della marina venezuelana arrestato nel corso di una retata di presunti cospiratori anti-Maduro. La moglie dell’ufficiale ha affermato che è stato torturato a morte dal controspionaggio militare, una tesi sostenuta da una copia del referto dell’autopsia pubblicata da un quotidiano filogovernativo. Secondo il giornale, i patologi hanno indicato la causa della morte come “edema cerebrale grave causato da un’insufficienza respiratoria dovuta a embolia polmonare, a sua volta dovuta a traumi multipli”.

I medici avrebbero identificato emorragie nel tratto digestivo, nel colon e nel collo di Acosta, così come un’embolia polmonare, segni sulla schiena di colpi di frusta e 16 costole rotte.

In una conferenza stampa, Delsa Solorzano, uno dei leader dell’opposizione, ha tuonato, affermando che l'autopsia toglie ogni dubbio su ciò che è successo al capitano Acosta. “Ci sono termini medici che non possiamo comprendere appieno, ma quanto basta per poter dire che lo hanno picchiato a morte”.

Le autorità venezuelane si sono mosse rapidamente per ridurre l’omicidio ad un colpo di testa di un piccolo gruppo di agenti dei servizi segreti che agiscono in modo indipendente. Il lunedì il procuratore generale Tarek Saab, intimo confidente di Maduro, ha affermato di aver ordinato l’arresto di due agenti sospettati di essere coinvolti nello “sfortunato incidente”, con l’accusa di omicidio colposo. Saab ha promesso un’indagine “obiettiva, indipendente e imparziale”, assicurando che i colpevoli avrebbero ricevuto una “punizione esemplare”. Ma secondo il rapporto delle Nazioni Unite, non accadrà nulla di tutto questo: “L’Ufficio del Procuratore Generale non ha ottemperato all’obbligo di indagare e perseguire gli autori. Le istituzioni responsabili della protezione dei diritti umani, come l’Ufficio del Procuratore Generale, i tribunali e l'Ombudsperson non sono celebri per condurre indagini rapide, efficaci, complete, complete, indipendenti, imparziali e trasparenti sulle violazioni dei diritti umani e altri reati. Così come difficilmente portano i colpevoli davanti alla giustizia e si occupano di proteggere le vittime e i testimoni”.

Galleria fotografica
L’Onu accusa Maduro di violenza - immagine 1
L’Onu accusa Maduro di violenza - immagine 2
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino