MADURO HA VINTO, MORTI
LA POLIZIA INCENDIA I CAMION

| Macabro raduno a Caracas per celebrare la "vittoria": sostenitori in camicia rossa sopra la mimetica. Le colonne bloccate con la violenza, sgherri in borghese sparano sulla folla inerme. Guaidò: "Ora ogni opzione è valida"

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

(ha collaborato C.B.)

Maduro ha vinto. Le colonne di aiuti umanitari che erano riuscite a passare i confini con Colombia e Brasile sono state in parte incendiate dalla GNB, la polizia di Maduro. Cibo e medicinali per il popolo allo stremo sono finiti in cenere, sotto lo sguardo divertito dei “Collectivos”, le squadre  di sostenitori di Maduro che sparano con armi da fuoco sulla folla. Di fronte alla solita camicia rossa, che copre la mimetica dei militari compromessi per il mancato rispetto dei diritti umani, di cui dovranno rispondere una volta caduto il regime, il presidente del governo chavista rivendica con orgoglio il successo, con una decina di morti sulla coscienza (uccisi al confine con il Brasile) e decine di feriti, alcuni anche molto gravi.

Con un ghigno soddisfatto e pieno d’odio, Maduro celebra la violenza contro il suo popolo. In questo si inserisce anche la morte per avvelenamento del portavoce di un parlamentare, a sua volta in gravi condizioni dopo avere pranzato in un ristorante di Cùcuta, la città colombiana al confine, piena zeppa di provocatori e spie del regime. Il deputato dell'Assemblea Nazionale Freddy Superlano e il suo assistente, Carlos José Salinas, sono stati colti da malore. Il primo è morto, Superlano è grave ma stabile in un centro sanitario della città. 

Una giornata che l’erede di Chavez può incorniciare come simbolo di una crudeltà inutile e disperata. Domani Guaidò rappresenterà il Venezuela nel Gruppo di Lima, mentre oggi è il giorno nel segno del lutto per i morti e per il sostanziale fallimento dell’iniziativa umanitaria, stroncata nel sangue e nella violenza di polizia e FANB. A questi punto non esclude nessuna ipotesi per abbattere il dittatore con le mani di nuovo sporche di sangue innocente, ha dato l’ordine di sparare ai suoi sgherri in borghese, con il volto coperto, armati di pistole e fucili. E’ lui che ha dato ordine di incendiare i camion, lanciare i lacrimogeni contro la folla inerme, caricare donne e bambini. Tra i morti de La Gran Sabana c'è anche un 14enne.

Oltre 60 militari, e il numero aumenta con il trascorrere delle ore, hanno abbandonato Maduro e il suo corrotto stato maggiore al loro infausto e prossimo destino. America ed Europa (con l’eccezione dell’Italia costretta dai  grillini e dal premier in ostaggio Conte a una vergognosa neutralità che indigna tutta la comunità italiana) non escludono di appoggiare un intervento anche di natura militare, una forza di peacekeeping. La vittoria di Maduro di oggi gli si ritorcerà contro: ha avuto la possibilità di far entrare pacificamente gli aiuti

(”Il cibo avariato degli yankee”, ha detto ieri con disprezzo), ha reagito con la violenza e uccisioni. Non può più tornare indietro.

Juan Guaidó, presidente ad interim del Venezuela, ha assicurato che, a causa di quanto accaduto questo sabato, proporrà alla comunità internazionale di lasciare aperte le opzioni per ottenere la restituzione della democrazia. "Gli eventi di oggi mi costringono a prendere una decisione: proporre formalmente alla comunità internazionale di avere tutte le opzioni aperte per raggiungere la liberazione di questo paese che combatte e continuerà a combattere", ha detto su Twitter. Il presidente in carica ha ribadito che si riunirà lunedì a Bogotà con gli alleati della comunità internazionale per definire le prossime azioni da seguire per il ripristino della democrazia. "Per avanzare nel nostro percorso, lunedì mi incontrerò con i nostri alleati della comunità internazionale e continueremo a coordinare le prossime azioni all'interno del paese. Le pressioni interne ed esterne sono fondamentali per la liberazione".

Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino