Maduro, le mani sporche di sangue

| Ha ordinato ai suoi sicari dei "collectivos" di sparare sulla folla inerme e ha preferito distruggere cibo e medicinali piuttosto che soccorrere il suo popolo stremato. Pompeo e Bolton: "Giorni contati, cadrà". Condanna di Italia e Ue

+ Miei preferiti
Mike Pompeo, Segretario di Stato degli Stati Uniti, è sicuro che i giorni di Nicolas Maduro in Venezuela "sono ormai contati", in seguito ai disordini che si sono verificati sabato, con morti e centinaia di feirti, quando il regime ha bloccato gli aiuti umanitari con la violenza, uccidendo quattro persone nella Gran Sabana, compreso un 14enne, al confine con il Brasile. Condanna anche dal premier italiano Giuseppe Conte che ora auspica "libere elezioni presidenziali", idem Antonio Tajani per la Ue. L'esibizione muscolare di Maduro e dei suoi accoliti, che si sono sporcati le mani di sangue per fermare il cibo destinato al popolo affamato e i medicinali agli ospedali ormai privi di tutto, gli si ritorcerà contro. Tacciono persino i suoi alleati, eccetto Cuba. "Le previsioni sono difficili da fare, contare i giorni esatti è difficile, sarà il popolo venezuelano a garantire che Maduro dovrà dimettersi", ha detto Pompeo.
Maduro, che ha promesso ad un raduno a Caracas che non si sarebbe "mai inchinato", ha interrotto le relazioni con la vicina Colombia per aver sponsorizzato l'operazione di consegnare gli aiuti umanitari. "Sono più duro che mai, duro, in piedi, a governare la nostra patria ora e per molti anni", ha spiegato di dronte a una folla composta in maggior parte da militari. Pompeo ha accusato Maduro di avere inviato i suuoi sicari armati, con l'ordine di sparare alla folla inerme. "Speriamo che le forze armate riconquistino il loro ruolo nel proteggere i cittadini e di ucciderli". Un concetto ribadito anche dal consigliere della sicurezza Usa, John Bolton.
Pompeo ha detto che gli Stati Uniti, che insieme ad altri 54 Paesi, riconoscono Juan Guaidó come presidente ad interim, e rimane impegnato a fornire aiuti. "Abbiamo una missione particolare, per assicurare che il popolo venezuelano raggiunga la democrazia che merita e che i cubani e i russi, che hanno portato questo paese alla rovina per anni e anni, non continuino ad esercitare il loro dominio", ha detto.
Ha destato rabbia e sdegno, il blitz di Iris Valera, Ministro del Servizio Penitenziario del regime, che ha visitato il ponte internazionale di Ureña - accanto al Venezuela - mentre si cercava di far passare attraverso il paese gli aiuti umanitari, una situazione che si è trasformata in proteste, prima che polizia e d FANB iniziassero ad attaccare i manifestanti. Valera (nella foto mentre fotografa i suoi connazionali) ha ispezionato il sito con un gruppo di almeno sei uomini armati in borghese e un contingente antisommossa della Guardia Nazionale Bolivariana e con il suo telefono ha scattato foto di coloro che si trovano dalla parte della Colombia.
 
Sudamerica
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto