Maduro, le mani sporche di sangue

| Ha ordinato ai suoi sicari dei "collectivos" di sparare sulla folla inerme e ha preferito distruggere cibo e medicinali piuttosto che soccorrere il suo popolo stremato. Pompeo e Bolton: "Giorni contati, cadrà". Condanna di Italia e Ue

+ Miei preferiti
Mike Pompeo, Segretario di Stato degli Stati Uniti, è sicuro che i giorni di Nicolas Maduro in Venezuela "sono ormai contati", in seguito ai disordini che si sono verificati sabato, con morti e centinaia di feirti, quando il regime ha bloccato gli aiuti umanitari con la violenza, uccidendo quattro persone nella Gran Sabana, compreso un 14enne, al confine con il Brasile. Condanna anche dal premier italiano Giuseppe Conte che ora auspica "libere elezioni presidenziali", idem Antonio Tajani per la Ue. L'esibizione muscolare di Maduro e dei suoi accoliti, che si sono sporcati le mani di sangue per fermare il cibo destinato al popolo affamato e i medicinali agli ospedali ormai privi di tutto, gli si ritorcerà contro. Tacciono persino i suoi alleati, eccetto Cuba. "Le previsioni sono difficili da fare, contare i giorni esatti è difficile, sarà il popolo venezuelano a garantire che Maduro dovrà dimettersi", ha detto Pompeo.
Maduro, che ha promesso ad un raduno a Caracas che non si sarebbe "mai inchinato", ha interrotto le relazioni con la vicina Colombia per aver sponsorizzato l'operazione di consegnare gli aiuti umanitari. "Sono più duro che mai, duro, in piedi, a governare la nostra patria ora e per molti anni", ha spiegato di dronte a una folla composta in maggior parte da militari. Pompeo ha accusato Maduro di avere inviato i suuoi sicari armati, con l'ordine di sparare alla folla inerme. "Speriamo che le forze armate riconquistino il loro ruolo nel proteggere i cittadini e di ucciderli". Un concetto ribadito anche dal consigliere della sicurezza Usa, John Bolton.
Pompeo ha detto che gli Stati Uniti, che insieme ad altri 54 Paesi, riconoscono Juan Guaidó come presidente ad interim, e rimane impegnato a fornire aiuti. "Abbiamo una missione particolare, per assicurare che il popolo venezuelano raggiunga la democrazia che merita e che i cubani e i russi, che hanno portato questo paese alla rovina per anni e anni, non continuino ad esercitare il loro dominio", ha detto.
Ha destato rabbia e sdegno, il blitz di Iris Valera, Ministro del Servizio Penitenziario del regime, che ha visitato il ponte internazionale di Ureña - accanto al Venezuela - mentre si cercava di far passare attraverso il paese gli aiuti umanitari, una situazione che si è trasformata in proteste, prima che polizia e d FANB iniziassero ad attaccare i manifestanti. Valera (nella foto mentre fotografa i suoi connazionali) ha ispezionato il sito con un gruppo di almeno sei uomini armati in borghese e un contingente antisommossa della Guardia Nazionale Bolivariana e con il suo telefono ha scattato foto di coloro che si trovano dalla parte della Colombia.
 
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino