Maduro minaccia Guaid˛: "Ti arresteremo"

| Le auto nere della polizia politica, la Sebin, segnalate attorno alla sua casa. Minacciata la moglie. L'Italia grillina si sfila ma la Lega Ŕ contro Maduro. Con la miseria crimini in aumento. Aiuti umanitari fermi alle frontiere

+ Miei preferiti

ALBERTO C. FERRO

Nicolás Maduro ha lanciato una minaccia esplicita al giovane leader dell'opposizione che cerca di costringerlo a lasciare il potere, suggerendo che Juan Guaidó potrebbe presto essere “presto imprigionato” a causa della sua sfida. La Sebin, i suoi sgherri in divisa e auto nere, s’è già fatta vedere nella sua casa; cercavano Fabiana, sua moglie, per “interrogarla” e i vicini di casa si erano mobilitati per proteggerla. Rivolgendosi a una riunione di sostenitori lunedì sera, Maduro si è chiesto per quanto tempo Guaidó - che si è dichiarato il 23 gennaio legittimo presidente ad interim del Venezuela - sarebbe rimasto fedele al suo programma.

"Anche fino al 2025? Ha detto Maduro, riferendosi al mandato di sei anni che ha recentemente assunto per una tempesta di condanna internazionale. "O fino a quando non finisce in prigione per ordine della Corte Suprema di Giustizia”. I diplomatici occidentali hanno espresso sorpresa che, quasi due settimane dopo aver lanciato il guanto di sfida al leader in carica, Guaidó sia rimasto un uomo libero. Molti attribuirono questo fatto agli avvertimenti del suo principale sostenitore, gli Stati Uniti, secondo cui qualsiasi mossa contro di lui avrebbe avuto conseguenze. Ma la posizione dell’Italia, unica a non rinocoscerlo come prosidente ad interim tra i Paesi più importanti della Ue, rischiano di pregiudicarne ulteriormente la sicurezza. La scelta della compagnie grillina al governo con l’avvallo di un premier in ostaggio di chi lo ha messo a sedere suqeulla poltrona decisiva per il futuro dell’Italia. Solo la Lega e il vice-premier Salvini hanno scelto di sostenere il popolo del Venezuela contro un regime dittatoriale e criminale. E anche il presidente Mattarella, con un accorato discorso, ha lanciato un segnale forte e chiaro ai grillini che, per bocca di Alessandro Di Battista, hanno di fatto sostenuto le posizioni di Maduro.

Il consigliere per la sicurezza nazionale di Donald Trump, John Bolton, ha detto che la violenza o l'intimidazione di Guaidó o di altri leader dell'opposizione "rappresenterebbe un grave attacco allo stato di diritto e sarà accolto con una risposta significativa”. I media statali venezuelani hanno intensificato la loro campagna contro Guaidó e la sua crescente lista di sostenitori internazionali negli ultimi giorni, sostenendo che hanno rischiato di far precipitare il paese in guerra.

Lunedì scorso, una serie di governi europei, tra cui Gran Bretagna, Francia, Germania, Portogallo e Spagna, hanno riconosciuto Guaidó come leader legittimo del Venezuela dopo che Maduro ha respinto la loro richiesta di elezioni presidenziali. Durante un'intervista rilasciata martedì mattina sul canale statale Venezolana de Televisión, il politico del partito socialista Gerardo Sánchez ha detto che "i membri squallidi e traditori” dell'opposizione sarebbero stati trattati "come nemici della patria" se le loro azioni avessero scatenato un intervento militare straniero.

Parlando lunedì sera, Maduro si è nuovamente scagliato contro "le politiche estremiste di Donald Trump" nei confronti del Venezuela e non ha dato alcun indizio che si preparasse a farsi da parte. Maduro ha anche condannato i piani sostenuti dagli Stati Uniti di inviare convogli di aiuti umanitari ai confini occidentali e meridionali del Venezuela nel corso di questa settimana, come provocazione per umiliare il suo paese e il suo governo. Con questo spettacolo di aiuti umanitari stanno cercando di inviare un messaggio": Il Venezuela deve andare a mendicare al mondo! E il Venezuela non implorerà nulla da nessuno in questo mondo", ha detto.

Alcuni osservatori temono che i convogli di aiuti rischiano di scatenare - o addirittura di essere progettati per scatenare - un confronto con le truppe venezuelane fedeli a Maduro. Lunedì scorso, Guaidó ha esortato i militari a consentire l'aiuto nel suo paese economicamente collassato.

A Cúcuta, il più trafficato passaggio sul confine colombiano di 1.378 miglia (2.219 km) con il Venezuela, i magazzini sono stati riempiti di scatole di aiuti che hanno cominciato ad arrivare la domenica sera. Le foto condivise sui social media sabato scorso da Mark Green, responsabile di USAid, mostravano scatole di cibo in fase di preparazione per la consegna, blasonate con una bandiera americana.

“Anche se non si sa ancora - scrive il Guardian - come saranno consegnati gli aiuti al Venezuela, i funzionari colombiani a conoscenza del processo hanno detto che si tratta di un'operazione condotta da Guaidó di Caracas in coordinamento con gli operatori umanitari statunitensi e i governi regionali. Lunedì, il Canada ha promesso 40 milioni di dollari di aiuti destinati al Venezuela, mentre la settimana scorsa gli Stati Uniti hanno promesso 20 milioni di dollari”. 

IN UN MESE UCCISE 16 DONNE

Intanto le condizioni di povertà e disperazione fanno alzare i livelli di criminalità nel Paese, già preoccupanti. A Caracasa si uccide per niente, per rubare persino la borsa della spesa. Il mese di gennaio si è chiuso con 16 donne uccise, solo nella Grande Caracas, secondo quanto riportato dalla stampa. Dei casi segnalati, i motivi corrispondono a 1 morte in una sparatoria, 2 per vendetta, 5 per rapina, 2 da determinare, 1 nel quadro delle proteste del 23 gennaio scorso e 5 uccise dai loro partner.

Nello stesso periodo dello scorso anno, le statistiche avevano fatto registrare 11 donne uccise e in quattro dei casi, gli aggressori erano ex-partner delle vittime, mentre nel 2017, solo 2 casi e un totale di 17 donne che sono morte durante una rapina, vendetta tra bande rivali e altre circostanze da determinare. Secondo i dati raccolti, il femminicidio appare come il motivo con il maggior numero di casi segnalati, seguito da rapina e vendetta.

A questo proposito, Magally Huggins Castañeda, psicologa sociale e criminologa, dice che nei decenni precedenti le denunce nelle agenzie di protezione delle donne hanno registrato solo percosse, aggressioni verbali e minacce. "I casi sono stati classificati come violenza domestica, che ha colpito non solo le donne, ma anche il resto del gruppo di convivenza", ha detto. Huggins ritiene che il femminicidio si genera attualmente per due motivi: "L'angoscia delle donne di sopravvivere in un contesto socio-economico che non offre condizioni di miglioramento della qualità della vita e decide di essere indipendenti dagli uomini, e l'altro, una fuga dalla violenza della coppia e questa donna dice: 'Basta! Sono donne che decidono di lasciare la relazione, così l'uomo le cerca e le uccide. La gelosia non è più il motivo del crimine, è l'egoismo e la frustrazione di un uomo che sente di aver perso il suo senso di proprietà", ha detto la psicologa al Nacional.

Sudamerica
Venezuela, la superstrada della cocaina
Venezuela, la superstrada della cocaina
La corruzione dilagante e la complicitÓ degli alti funzionari di Maduro ha permesso ai cartelli della droga colombiani di creare un corridoio di libero passaggio attraverso il Venezuela
"Cacceremo Maduro con le armi"
"Cacceremo Maduro con le armi"
Duri addestramenti in Colombia per le migliaia di soldati e poliziotti venezuelani che hanno lasciato l'esercito corrotto di Maduro per sostenere il presidente ad interim Juan Guaid˛. "Pronti alla riscossa"
Messico, ritrovati i corpi di 45 desaparecidos
Messico, ritrovati i corpi di 45 desaparecidos
In due diverse zone, sono emersi i resti di persone scomparse, probabilmente vittime dei cartelli messicani della droga
Guaidˇ: io non ho paura
Guaidˇ: io non ho paura
Mentre Maduro tenta di raccogliere volontari che combattano gli usurpatori, il giovane presidente del Parlamento auspica un cambio di rotta dellĺEuropa: ôNon temo per me, ma che la dittatura sopravvivaö
Un esercito fedele a Guaidˇ
Un esercito fedele a Guaidˇ
Centinaia di poliziotti e militari che hanno abbandonato Maduro si stanno organizzando in una forza armata fuori dal Paese. E Mike Pence, annunciando nuovi aiuti umanitari, attacca il regime
Italiano ucciso in Messico
Italiano ucciso in Messico
Salvatore Stefano, 35 anni, Ŕ stato ucciso a CittÓ del Messico: anche lui vendeva macchinari, come gli altri tre italiani di cui non si sa pi¨ nulla da un anno
Maduro mafia, repressione e ricatti
Maduro mafia, repressione e ricatti
Timori dopo l'arresto del portavoce del presidente ad interim Juan Guaid˛, Roberto Marrero, sotto accusa per reati politici. I parlamentari fanno quadrato: "Il regime attacca l'entourage di Guaid˛, tenta l'estorsione"
Maduro pronto ad arrestare Guaid˛
Maduro pronto ad arrestare Guaid˛
L'Anc, l'assemblea in mano ai suoi sgherri, ha revocato l'immunitÓ parlamentare al presidente ad interim e ora pu˛ essere sequestrato in qualsiasi momento. Lui: "Ci proveranno". Mobilitazione non solo in Venezuela. Gli Usa: "state attenti"
Campionessa di surf folgorata in mare
Campionessa di surf folgorata in mare
Aveva 23 anni, Ŕ uscita in mare per allenarsi e allĺimprovviso il tempo si Ŕ guastato: tuoni e fulmini fra cui uno che lĺha colpita in pieno
Il Venezuela torna in piazza
Il Venezuela torna in piazza
Il 6 aprile prossimo una manifestazione nazionale pro Maduro ed una indetta da Guaid˛ che vorrebbe arrivare fino al palazzo di Miraflores