Maduro nella morsa di Trump: embargo totale

| Da lunedì il regime di Caracas non può più effettuare operazioni commerciali e vendere petrolio, esentati solo gli aiuti umanitari. Colpo finale alla disastrata economia

+ Miei preferiti

“Nicolas Maduro non è un buon patriota venezuelano”. Ha scritto il presidente Donald Trump, annunciando che gli Stati Uniti amplieranno sanzioni contro il Venezuela che ora comportano un embargo economico totale. Congelati i beni del governo e delle entità associate e vietate tutte le transazioni economiche, a meno che non siano espressamente esentate. Le esenzioni comprendono gli affari ufficiali del governo federale e le transazioni relative alla fornitura di aiuti umanitari. L'ordine esecutivo segna un'escalation finale rispetto alle già espansive misure statunitensi contro il governo venezuelano dall'inizio della caotica crisi politica ed economica del paese all'inizio di quest’anno. In una lettera al Congresso che delinea l'azione lunedì sera, Trump ha detto: "Ho stabilito che è necessario bloccare la proprietà del governo del Venezuela alla luce della continua usurpazione del potere da parte del regime illegittimo Nicolas Maduro, così come le violazioni dei diritti umani del regime, l'arresto arbitrario e la detenzione di cittadini venezuelani, la limitazione della libera stampa e i continui tentativi di minare il presidente ad interim Juan Guaido del Venezuela e l'Assemblea Nazionale Venezuelana democraticamente eletta".

Le turbolenze politiche del Venezuela derivano dalle elezioni presidenziali dell'anno scorso, in cui Maduro si è assicurata un altro mandato di sei anni in un processo elettorale considerato una farsa. Il leader dell'opposizione Juan Guaido si è dichiarato presidente ad interim all'inizio di quest'anno.

Mentre diverse nazioni - tra cui la Cina e la Russia - hanno sostenuto Maduro sulla scia delle elezioni, Trump ha sostenuto Guaido, assieme ad altri 50 Paesi.

"Nel suo ruolo di unica legittima branca di governo debitamente eletta dal popolo venezuelano, l'Assemblea Nazionale ha invocato la costituzione del paese per dichiarare illegittimo Nicolas Maduro, e l'ufficio della presidenza quindi vacante. Il popolo venezuelano si è coraggiosamente espresso contro Maduro e il suo regime e ha chiesto la libertà e lo stato di diritto", ha detto Trump all'inizio di quest'anno in una dichiarazione che riconosce Guaido come presidente ad interim.

Le sanzioni statunitensi già in vigore sulla compagnia petrolifera nazionale venezuelana hanno contribuito ad accelerare il crollo della produzione petrolifera del paese ma sino ad ora il regime era riuscito ad evitare il blocco totale.

Sudamerica
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole