Maduro trionfa alla farsa delle elezioni

| La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode

+ Miei preferiti
Nicolas Maduro esce vincitore dalle elezioni parlamentari in Venezuela, anzi, da quelle che secondo gli analisti politici internazionali sono soltanto l’ultima farsa del suo potere.

Un’astensione da record, vicina al 70%, la mancanza assoluta di osservatori internazionali e il boicottaggio dell’opposizione hanno reso inevitabile, scontata e perfino superflua la marcia trionfale del partito chavista guidato da Maduro.

Lui parla di “gigantesca vittoria”, annunciando pubblicamente “un nuovo ciclo positivo, fatto di lavoro e recupero, di sovranità e pace”, poi lancia un monito alle potenze straniere, “Nessuno interferisca con gli affari del Venezuela, sappiamo gestire i nostri problemi da soli attraverso il voto elettorale libero”.

Nelle stesse ore, il leader dell’opposizione Juan Guaidò ha annunciato l’intenzione di promuovere un referendum in cui chiedere semplicemente ai venezuelani se vogliono continuare ad essere governati da Maduro oppure no, promettendo anche di indire nuove elezioni presidenziali libere. “Non posso promettere magie, ma al contrario garantisco certezza e sicurezza: non siete soli, perché noi ci arrendiamo”.

Durissimo il commento del segretario di stato americano Mike Pompeo: “Le frodi elettorali erano ampliamente annunciate: i risultati del regime di Maduro non riflettono la volontà del popolo venezuelano. Quello che sta accadendo è una frode e una farsa”. Sullo stesso tono i commenti di Colombia ed Ecuador, che non hanno risparmiato critiche annunciando l’intenzione di non voler riconoscere l’esito del voto.

Sudamerica
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni