Maria impalata e uccisa, assassini assolti

| Aveva 16 anni, fu anche drogata. Proteste in Argentina per l'assoluzione dei tre giovani sadici. Per i giudici lei era "consenziente". Il pubblico ministero ha però diffuso gli spaventosi esiti dell'autopsia, ora è indagata

+ Miei preferiti

Lucia Perez, 16enne argentina è morta lo scorso 8 ottobre 2016: drogata, stuprata e impalata con un attrezzo sessuale, che le ha provocato spaventose lesioni iterne. La ragazza, dopo le sevizie, fu portata dai suoi aguzzini davanti all'ospedale di Mar del Plata, Buenos Aires, ormai in gravissime condizioni. 

Morì poco dopo, l’autopsia hava rivelato i terribili abusi subiti. La polizia aveva pensato a un’overdose, gli stupratori avevano lavato il sangue e rivestito la vittima come se fosse stata colta da malore. Vengono in un primo tempo arrestati il 23enne Matías Farías e il 41enne Juan Pablo Offidani mentre un terzo, Alejandro Alberto Masiel, è accusato di favoreggiamento. Avrebbe aiutato i due assassini a trasportare il corpo dell’agonizzante Maria in ospedale.

Ma il vero scandalo, che ha scosso le coscienze in Argentina e in tutto il Sudamerica, è che i tre torturatori sono stati incredibilmente assolti perche, secondo i giudici, “la vittima è stata consenziente ed era solita drogarsi”. Ma le associazioni di tutela della donna, partiti politici e movimenti d’opinione ritengono la sentenza una vergogna. Ci sono state manifestazioni e cortei di protesta in tutto il Paese contro la definizione usata dai giudici a proposito della pratiche “sado-maso”.

 “Il sesso non c’entra con questa orribile storia - spiegano le donne che si battono in nome della memoria di Maria - qui si tratta di un omicidio, condotto in modo efferato e crudele. Lasciare liberi gli assassini è un delitto contro l’umanità intera”. Il magistrato argentino Maria Isabel Sanchez, che aveva rappresentato l’accusa contro i tre aguzzini, ora è addirittura accusata di aver violato la legge per avere diffuso i risultati dell'esame autoptico e messa sotto inchiesta. Alla fine la colpevole è lei, che aveva tentato di avere giustizia per Maria, uccisa a 16 anni da tre sadici senza cuore e senz’anima.

Galleria fotografica
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 1
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 2
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 3
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 4
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 5
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 6
Maria impalata e uccisa, assassini assolti - immagine 7
Sudamerica
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”