Massacro in Messico: 25 morti in un bar

| Un commando ha fatto irruzione nel locale bloccando le vie d’uscita: hanno sparato e lanciato bottiglie molotov. Per la polizia si tratta della guerra fra i cartelli di Jalisco e Noreste che stanno infiammando quella parte del Paese

+ Miei preferiti
Per qualche ora, il procuratore generale dello stato di Veracruz ha tentato di non sbilanciarsi, di fronte alle cause di uno spaventoso rogo costato la vita a 25 persone che si trovavano all’interno di “El Caballo Blanco”, un bar night club di Coatzacoalcos, località di villeggiatura affacciata sulla baia di Campeche, nello stato di Veracruz. Si tentava di capire le cause dell’incendio, se fosse di natura dolosa o meno.

Poi è arrivata la terribile conferma: è stato un attacco organizzato con cura, in cui il commando ha prima bloccato le uscite del locale, per poi sparare e lanciare bottiglie molotov per propagare il fuoco. Le stime non ancora definitive parlano di 25 vittime, una quindicina di donne e almeno 10 uomini, a cui aggiungere quasi venti feriti. A raccontare le fasi dell’agguato diversi testimoni, che hanno parlato di un’azione coordinata in cui tutto era stato calcolato con cura. Resta solo da capire se si tratti di una vendetta del racket dei locali o di una resa dei conti fra bande, ma non è ancora chiaro se fra le vittime ci sia qualche nome importante.

Secondo i media messicani, la polizia sarebbe sulle tracce di un uomo uscito di galera pochi giorni fa, ma non tralasciano neanche un’altra pista, quella del proprietario del locale, finito decapitato con tanto di video a testimoniare l’esecuzione. Secondo i media, è comunque difficile che la guerra fra i cartelli di Jalisco e Noreste non c’entri nulla: sono diversi i locali dati alle fiamme negli ultimi mesi, mentre le bande imperversano sulle strade con fuoristrada blindati seminando morte.

Galleria fotografica
Massacro in Messico: 25 morti in un bar - immagine 1
Massacro in Messico: 25 morti in un bar - immagine 2
Sudamerica
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare