Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa

| José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno

+ Miei preferiti
Le forze di sicurezza messicane hanno arrestato il presunto leader del cartello di Santa Rosa de Lima, José Antonio Yépez Ortiz, meglio conosciuto come “El Marro”. Secondo le poche notizie trapelate attraverso fonti governative, il potente boss sarebbe stato individuato nello Stato di Guanajuato: insieme a El Marro sono finite in manette altre cinque persone, mentre una donna d’affari sequestrata sarebbe stata liberata poche ore dopo.

Il ministro della Sicurezza del Messico, Alfonso Durazo, ha confermato via Twitter la cattura di Yépez Ortiz, aggiungendo che è stato fermato con un mandato di arresto per l’accusa di “crimine organizzato e furto di carburante”.

“Il Ministero della Difesa nazionale, con il sostegno del governo locale, ha messo a segno un’importante operazione di polizia - ha commentato il presidente del Messico López Obrador - diciamo no alla corruzione e all'impunità". López Obrador si è distinto fin dall’inizio per un approccio non combattivo alla criminalità organizzata, culminato nella discussa strategia chiamata “Abrazos, no balazos”, abbracci, non pallottole.

Lo scorso ottobre le autorità hanno arrestato Ovidio Guzmán, figlio di El Chapo, l’ex boss del cartello di Sinaloa, ma è stato rilasciato ore dopo, quando alcuni uomini del cartello, armati di tutto punto, hanno preso in ostaggio diversi agenti di sicurezza paralizzando il centro di Culiacán. E lo scorso marzo López Obrador è stato ampiamente criticato per aver stretto la mano - in mezzo alle restrizioni del coronavirus - alla madre di “El Chapo” durante una visita allo stato di Sinaloa.

Yépez Ortiz era ricercato da mesi: la sua famiglia e la sua cerchia erano sotto stretta sorveglianza per via di un’escalation di violenza in atto nello stato di Guanajuato, che vanta la triste media di circa 10 omicidi al giorno. Nella prima metà di quest’anno, secondo i dati del governo, si sono registrati almeno 1.691 omicidi, che lo trasformano nello Stato più letale del Messico.

Sudamerica
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria č del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidň annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, cittŕ a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’ereditŕ: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle piů ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, č rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era piů nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene č diventata la promessa elettorale di Enrique Peńa Nieto, che perň non č mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui č attivo il secondo focolaio piů esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi