Messico, ecco il Signore degli Scuoiati

| Scoperto un tempio dove si celebrava il culto dello scuoiamento. I sacerdoti uccidevano e poi si ricoprivano delle pelli delle vittima per "rigenerarsi". Due altari sacrificali. Statue di pregevole fattura

+ Miei preferiti

Gli archeologi hanno scoperto il primo tempio conosciuto dell'importante divinità preispanica chiamata il “Signore privato di pelle”, che è rappresentato da un cadavere umano scuoiato. Il Signore Scuoiato, o Xipe Tótec, era legato alla fertilità, ai cicli agricoli e alla guerra. Uno scavo alle rovine indiane di Popoloca, conosciute come Ndachjian--Tehuacán nello stato di Puebla, Messico centrale, ha consentito il ritrovamento di due teschi e un busto di antiche statue della divinità. Un'équipe dell'Istituto Nazionale di Antropologia e Storia ha trovato anche due altari sacrificali, che sarebbero stati usati come parte del cerimoniale in cui i sacerdoti scuoiavano le loro vittime prima di coprirsi con la loro pelle  come segno di rigenerazione.

Queste occasioni erano una parte importante dell'antica cultura messicana ed erano conosciute come Tlacaxipexipehualiztli, che nella lingua náhuatl significa “indossare la pelle degli scuoiati".

La disposizione del sito e la scoperta delle sculture corrisponde alla descrizione delle cerimonie nelle fonti documentarie, che suggeriscono che le vittime sono prima uccise su un altare e poi scuoiate sull’altro. Su una scultura, una mano destra in più che pende all'indietro dal braccio sinistro del busto simboleggia la pelle della vittima che era rimasta appesa dopo lo scuoiamento rituale.

“La scultura è un pezzo molto bello", ha detto l'archeologo Noemí Castillo Tejero dell'Istituto Nazionale di Antropologia e Storia in un comunicato stampa. "È alto circa 80 centimetri e ha un buco nello stomaco che, secondo le fonti, è stato usato per mettere una pietra verde per le cerimonie".

Ogni cranio è alto circa 70 centimetri e pesa circa 200 chilogrammi.

La scultura era stata distrutta come parte di un rituale e pensano e altre parti potrebbero emergere in futuri scavi nel sito, utilizzato tra il 1000 e il 1260 d.C. prima che i Popolocas fossero conquistati dagli Aztechi.

Un tunnel nascosto potrebbe portare a Mayan, l'ingresso nel mondo sotterraneo, l'ingresso agli inferi’. Finora il team ha scoperto una struttura di circa 12,5 metri di lunghezza e 3,5 metri di altezza. Le sculture appena scoperte saranno studiate e messe in mostra al museo Ndachjian-Tehuacán.

 
Sudamerica
Nazionale colombiano giustiziato dai narcos: 'colpevole' di autogol
Nazionale colombiano giustiziato dai narcos:
Sono passati 25 anni dall'omicidio di Andrès Escobar, 18enne difensore della Nazionale Colombiana. Ai mondiali del '94 fece un autogol durante la partita con gli USA. Fu ucciso da un narcos. Il 2 luglio il giorno della memoria
Caraibi, ancora un turista USA morto
Caraibi, ancora un turista USA morto
E' la nona vittima di strane malattie o malori improvvisi in 13 mesi. I familiari di Joseph Allen, 55 anni, uno sportivo in buona salute, vogliono sapere di cosa è morto. Trovato senza vita in un resort
Blackout in Sudamerica: 50 milioni di persone al buio
Blackout in Sudamerica: 50 milioni di persone al buio
Fra i paesi più colpiti l’Argentina e l’Uruguay, oltre ad alcune zone di altri paesi vicini. Il guasto, ancora da chiarire, è al sistema di interconnessione. La società fornitrice assicura: nel giro di poche ore torneremo alla normalità
Profughi venezuelani più numerosi dei siriani
Profughi venezuelani più numerosi dei siriani
Drammatica denuncia OAS, appello ad affrontare la crisi umanitaria nel Paese distrutto dal regime di Maduro e dai suoi alleati
Venezuela: inflazione al 37700x100. E Maduro stampa banconote da 50000 bolivar: carta straccia
Venezuela: inflazione al 37700x100. E Maduro stampa banconote da 50000 bolivar: carta straccia
Inflazione spaventosa, il regime stampa fogli di carta senza valore mentre i consumi di carne e latte scendono ai minimi storici. L'unica attività in progresso è la repressione: arrestato generale ed ex ministro
Il cimitero dell''aero-terrorismo'
Il cimitero dell
Chavez aveva finanziato una linea aerea tra Venezuela. Ira e Siria. Ora gli aerei della flotta giacciono in un cimitero nello stato brasiliano di Vargas
4 milioni di venezuelani in fuga
4 milioni di venezuelani in fuga
È stata definita una delle crisi umanitarie più grandi nella storia del Sudamerica. La maggior parte si dirige verso Colombia e Perù, ma diversi paesi iniziano a rendere più difficile l’ingresso
Il Brasile di Bolsonaro, tra pesticidi e omofobia
Il Brasile di Bolsonaro, tra pesticidi e omofobia
Dall'esagerata deforestazione dell’Amazzonia all’abuso dei pesticidi, dai soprusi verso le minoranze alla sottomissione nei confronti delle lobby internazionali: la popolarità del presidente in carica da gennaio sta rapidamente calando
Parlamentari in carcere, vivi o morti?
Parlamentari in carcere, vivi o morti?
Appello al regime di Maduro della famiglia del vice di Guaidò, Edgar Zambrano, in carcere dall'8 maggio. "Violati i diritti costituzionali, non sappiamo più nulla di lui". Ma i grillini italiani restano "neutrali". In cella 17 parlamentari
così muoiono i bimbi di Caracas'>Debito con l'Italia
così muoiono i bimbi di Caracas
Debito con lcosì muoiono i bimbi di Caracas' class='article_img2'>
La storia di Erick malato di cancro, morto nell'attesa di un trapianto negli ospedali italiani in base a un accordo del 2010. C'è un debito di 10,7 milioni di euro e i piccoli malati, privi di farmaci e cure, si spengono uno dopo l'altro