Messico: punito il sindaco dalle promesse facili

| Durante la campagna elettorale, Jorge Luis Escandón Hernández aveva promesso nuove strade e investimenti, ma una volta eletto non ha fatto nulla. La folla lo ha prelevato dal suo ufficio, legato ad un pick up e trascinato per le strade

+ Miei preferiti
I 17.267 abitanti di Las Margaritas, città del Chapas, in Messico, di promesse elettorali ne hanno sentite abbastanza. Alle ultime elezioni comunali, avevano dato la loro fiducia a Jorge Luis Escandón Hernández, alla guida di “Es contigo”, una lista locale. Era l’unico fra i candidati ad aver promesso pubblicamente la realizzazione di nuove strade e infrastrutture, per dare alla cittadina una svolta che mancava ormai da troppo tempo. Ma visto che tutto il mondo è paese, il primo cittadino non aveva mantenuto nulla di quanto urlato durante la campagna elettorale.

Con l’idea forse della massima di Mao “colpirne uno per educarne cento”, i cittadini hanno deciso di punire il sindaco Hernández. Una piccola folla si è prima radunata sotto il municipio, dove è iniziata una sonora protesta, quindi un piccolo gruppo di manifestanti è riuscito a entrare all’interno dell’edificio fino ad individuare il sindaco, tranquillamente seduto nel suo studio. Jorge Luis Escandón Hernández, come riportato da numerosi media locali e da alcuni video realizzati con gli smartphone e diffusi in rete, è stato picchiato e portato all’esterno, dove dopo averlo concesso alla folla per qualche minuto, è stato legato ai polsi e trascinato per alcuni metri sull’asfalto legato ad un pick-up.

A salvarlo ci ha pensato la polizia, che ha interrotto la macabra sfilata per le vie di Las Margaritas disperdendo la folla con la forza: una ventina di persone hanno dovuto ricorrere alle cure ospedaliere e altre 11 sono state arrestate per sequestro di persona e lesioni. Il sindaco è stato ricoverato con numerose ferite, anche se a quanto riferito dal procuratore del Chiapas non sarebbe in pericolo di vita.

Non è la prima volta, riporta la “BBC”, che Hernández è vittima delle proteste, sempre per via di promesse elettorali mai mantenute: qualche mese fa, alcuni cittadini inferociti avevano distrutto e imbrattato con insulti il suo ufficio.

Galleria fotografica
Messico: punito il sindaco dalle promesse facili - immagine 1
Messico: punito il sindaco dalle promesse facili - immagine 2
Sudamerica
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare