Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi

| Un caso di cronaca particolarmente brutale ha scatenato le proteste in tutto il Paese, anche per la pubblicazione del corpo smembrato della vittima su un magazine locale

+ Miei preferiti
Il Messico è sotto shock per un raccapricciante caso di violenza che supera l’immaginazione: Erik Francisco Robledo, 46 anni, è accusato di aver ucciso e smembrato la moglie, Ingrid Escamilla Vargas, una ragazza di 25 anni.

L’uomo, tossicodipendente e alcolizzato residente a Città del Messico, ha confessato alla polizia di aver ucciso la giovane moglie al culmine di un litigio sulle sue continue ubriachezze. In preda alla furia, si sarebbe accanito sul corpo della moglie gettando alcuni organi in un canale di drenaggio non distante dalla loro abitazione. Una versione confermata dalla polizia, che avrebbe trovato alcuni dei macabri resti nel punto indicato.

Il caso, riportato dai media locali addirittura con la pubblicazione di foto orribili del corpo devastato della giovane e dell’uomo ancora coperto di sangue, ha scatenato le proteste, con migliaia di persone scese in piazza per chiedere pene più severe contro la violenza domestica.

Nel tentativo di placare le reazioni, il sindaco di Città del Messico ha annunciato che i procuratori sono intenzionati a chiedere il massimo della pena per l’omicida, aggiungendo che l’uccisione è avvenuta in un appartamento a nord della città durante lo scorso fine settimana.

Robledo ha raccontato ai poliziotti di essere stato minacciato di morte dalla moglie: quando lei ha provato a colpirlo, ha afferrato un lungo coltello da cucina e gliel’ha piantato in gola, uccidendola. Secondo la confessione, avrebbe strappato la pelle dal viso della vittima asportandole poi l’intestino, gli occhi e altri organi, gettando alcuni dei resti in un canale di drenaggio nel tentativo di far sparire le prove. Ha poi chiamato l’ex moglie raccontando di aver ucciso Escamilla: la donna ha avvisato la polizia, che ha fatto irruzione nell’appartamento trovando il corpo della donna orribilmente mutilato all’interno di una stanza piena di sangue. 

Poche ore dopo è scoppiata una furiosa polemica per la pubblicazione di una foto del corpo della vittima apparsa sulla copertina di “Pasala”, un magazine locale: l’ufficio del procuratore di Città del Messico ha annunciato un’inchiesta interna su sei funzionari pubblici per rintracciare chi ha fatto trapelare le immagini, probabilmente dietro compenso in denaro.

In Messico, le marce di protesta contro la violenza sulle donne si sono intensificate negli ultimi mesi, con i dimostranti che sono arrivati ad appiccare il fuoco a diversi edifici governativi. Secondo i dati ufficiali nel 2018, l’anno con il più alto numero di omicidi di donne degli ultimi tre decenni, ci sono state in media 10 vittime al giorno, e più del 40% sono state uccise da mariti, compagni e fidanzati.

Ma l’omicidio di Escamilla Vargas è diventato uno spettacolo di brutalità particolarmente orribile anche per un Paese abituato alla violenza. Secondo “Milenio Television”, pochi mesi fa la vittima aveva presentato una denuncia per maltrattamenti e violenza domestica contro il marito, ma poi l’ha ritirata.

Galleria fotografica
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi - immagine 1
Sudamerica
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il caso di una bambina di 7 anni rapita, violentata e uccisa riaccende le proteste per quella che il presidente Obrador definisce una vera piaga sociale: 1.006 casi di femminicidio nel solo 2019
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Scoperto dalla polizia messicana e analizzato a fondo dalle forze dell’ordine statunitensi, è lungo più di 1.300 metri e dotato di tutto ciò che serve
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
Il governatore Witzel, su preciso mandato del presidente Bolsonaro, ha dichiarato guerra alle favelas: 1.810 persone uccise lo scorso anno
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga
Il lato debole di Hulk
Il lato debole di Hulk
Le vicende amorose del campione brasiliano tengono banco nei gossip di tutto il mondo: ha mollato la compagna per fidanzarsi con la nipote di lei, molto più giovane