Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi

| Un caso di cronaca particolarmente brutale ha scatenato le proteste in tutto il Paese, anche per la pubblicazione del corpo smembrato della vittima su un magazine locale

+ Miei preferiti
Il Messico è sotto shock per un raccapricciante caso di violenza che supera l’immaginazione: Erik Francisco Robledo, 46 anni, è accusato di aver ucciso e smembrato la moglie, Ingrid Escamilla Vargas, una ragazza di 25 anni.

L’uomo, tossicodipendente e alcolizzato residente a Città del Messico, ha confessato alla polizia di aver ucciso la giovane moglie al culmine di un litigio sulle sue continue ubriachezze. In preda alla furia, si sarebbe accanito sul corpo della moglie gettando alcuni organi in un canale di drenaggio non distante dalla loro abitazione. Una versione confermata dalla polizia, che avrebbe trovato alcuni dei macabri resti nel punto indicato.

Il caso, riportato dai media locali addirittura con la pubblicazione di foto orribili del corpo devastato della giovane e dell’uomo ancora coperto di sangue, ha scatenato le proteste, con migliaia di persone scese in piazza per chiedere pene più severe contro la violenza domestica.

Nel tentativo di placare le reazioni, il sindaco di Città del Messico ha annunciato che i procuratori sono intenzionati a chiedere il massimo della pena per l’omicida, aggiungendo che l’uccisione è avvenuta in un appartamento a nord della città durante lo scorso fine settimana.

Robledo ha raccontato ai poliziotti di essere stato minacciato di morte dalla moglie: quando lei ha provato a colpirlo, ha afferrato un lungo coltello da cucina e gliel’ha piantato in gola, uccidendola. Secondo la confessione, avrebbe strappato la pelle dal viso della vittima asportandole poi l’intestino, gli occhi e altri organi, gettando alcuni dei resti in un canale di drenaggio nel tentativo di far sparire le prove. Ha poi chiamato l’ex moglie raccontando di aver ucciso Escamilla: la donna ha avvisato la polizia, che ha fatto irruzione nell’appartamento trovando il corpo della donna orribilmente mutilato all’interno di una stanza piena di sangue. 

Poche ore dopo è scoppiata una furiosa polemica per la pubblicazione di una foto del corpo della vittima apparsa sulla copertina di “Pasala”, un magazine locale: l’ufficio del procuratore di Città del Messico ha annunciato un’inchiesta interna su sei funzionari pubblici per rintracciare chi ha fatto trapelare le immagini, probabilmente dietro compenso in denaro.

In Messico, le marce di protesta contro la violenza sulle donne si sono intensificate negli ultimi mesi, con i dimostranti che sono arrivati ad appiccare il fuoco a diversi edifici governativi. Secondo i dati ufficiali nel 2018, l’anno con il più alto numero di omicidi di donne degli ultimi tre decenni, ci sono state in media 10 vittime al giorno, e più del 40% sono state uccise da mariti, compagni e fidanzati.

Ma l’omicidio di Escamilla Vargas è diventato uno spettacolo di brutalità particolarmente orribile anche per un Paese abituato alla violenza. Secondo “Milenio Television”, pochi mesi fa la vittima aveva presentato una denuncia per maltrattamenti e violenza domestica contro il marito, ma poi l’ha ritirata.

Galleria fotografica
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi - immagine 1
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino