Modello Siria: truppe russe in Venezuela

| L'ambasciatore di Putin: "Addestriamo i militari a fronteggiare le minacce Usa e a potenziare le armi". I primi cento soldati russi a marzo, altri ne arriveranno. Trump: "Lasciate il Paese". Rivolta in carcere: 29 morti

+ Miei preferiti

Le truppe russe che sono arrivate in Venezuela a marzo stanno addestrando l’esercito nazionale di Maduro ad affrontare “le minacce militari degli Stati Uniti”, ha detto l'ambasciatore russo in Venezuela Vladimir Zaiomski. "Il governo venezuelano è in stato di allarme dall'inizio dell'anno, mentre gli Stati Uniti continuano a minacciare di usare la forza contro il Venezuela. In tali condizioni, devono essere sicuri che le armi in loro possesso siano in buone condizioni di funzionamento", ha detto Zaiomski in un'intervista con l'AFP a Mosca. "I nostri specialisti sono lì per addestrare i nostri colleghi venezuelani a tenere a disposizione le loro attrezzature militari e, allo stesso tempo, insegnare loro il modo migliore per usarle", ha aggiunto.

E’ di fatto la replica del "modello siriano” che la Russia vuole adottare in Venezuela. La Russia, alleata di Nicolás Maduro, ha inviato un centinaio di soldati nel paese a marzo, nel pieno di una grande crisi politica da quando Juan Guaidó ha prestato giuramento come presidente responsabile del Venezuela, riconosciuto da più di 50 nazioni, compresi gli Stati Uniti.  

La crisi ha provocato un nuovo confronto tra Mosca e Washington, che si accusano a vicenda di destabilizzare il Venezuela. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha esortato la Russia a lasciare il paese, mentre Mosca ha accusato gli Stati Uniti di voler compiere un colpo di stato a scapito del diritto internazionale.

RIVOLTA IN CARCERE: 29 MORTI

La tensione si trasferisce anche nelle carcere sovraffollate del Paese. 

E' di almeno 30 morti il bilancio di una rivolta scoppiata nel carcere di Acarigua, nella zona occidentale di Caracas. Secondo quanto riferito dall'Ong "Observatorio Venezolano de Prisiones", la rivolta, alla quale sono seguiti pesanti scontri tra detenuti e polizia, sarebbe stata scatenata dalla morte di un detenuto un giorno fa. Durante gli scontri, sottolinea l'ong, sono rimasti feriti anche altri 7 detenuti e 18 agenti di polizia. I dati sono ancora in aggiornamento da parte delle man mano che procedono le indagini sull’operato del Comando Generale di Polizia di Acarigua, che fa parte del comune di Páez. Finora nessuna autorità ha offerto pubblicamente maggiori dettagli sul caso.

Sudamerica
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare