Narcos sequestrano e uccidono
i profughi

| La tragedia di un padre guatemalteco con un bimbo di 10 anni. Rapiti in Messico, i narcos hanno chiesto il riscatto ai loro parenti in USA. Ma hanno ucciso il padre e ferito il bimbo

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien
Padre e figli profughi guatemaltechi diretti negli USA sono stati aggrediti e rapiti nello Stato di Veracruz in Messico, il padre è morto è il piccolo è gravissimo. L’ennesima tragedia legata all’immigrazione ha commosso (una parte) degli americani. Quando è stato trovato, il bambino di 10 anni era vivo per miracolo, con un profondo taglio nel collo. Le foto della CNN lo strano accanto al padre che ancora gli circonda le spalle con un braccio, come per proteggerlo. Secondo il presidente della Commissione statale per i diritti umani di Morelos Raúl Hernández, Cristian e suo padre Rudy, 37 anni, sono partiti dal Guatemala il 28 maggio. Erano in viaggio anche lo zio di Cristian e il cugino adolescente. Un piccolo gruppo: due fratelli che viaggiano insieme, ognuno con un figlio. Avevano assunto un contrabbandiere in Guatemala che li avrebbe portati fino agli Stati Uniti, ma il contrabbandiere li ha abbandonati in Messico dove sono stati rapiti da membri del cartello della droga Los Zetas. Avrebbero chiamato i parenti delle loro vittime negli Stati Uniti, chiedendo un riscatto di 12.000 dollari. La famiglia è stata in grado di inviare solo 8.000 dollari, ma non ha ricevuto risposta dai rapitori.
Pochi giorni dopo, il 6 luglio, Cristian e suo padre sono stati trovati sdraiati sul ciglio di una strada sterrata nello stato di Morelos, lasciati a morire. La gola dell'uomo era stata tagliata, ma suo figlio respirava ancora. Le autorità hanno poi detto che lo zio e il cugino sono riusciti a fuggire, e ora sono sotto la cura delle autorità messicane, secondo un portavoce dell'Ufficio del Governatore di Morelos.
Cristian è stato portato in un ospedale della città di Cuatla, dove riceve cure psicologiche, oltre che cure mediche”, ha detto il Ministero degli Esteri guatemalteco.
I migranti che attraversano il Messico sono abitualmente vittime di crimini che vanno dal furto e dall'estorsione allo stupro e all'omicidio. Nel 2010, i corpi di 72 migranti, 58 uomini e 14 donne, sono stati scoperti in una fossa comune nel nord-est del Messico. Le autorità messicane hanno detto di ritenere che la maggior parte delle vittime provengano da Honduras e El Salvador, anche se alcune provengono da paesi lontani come l'Ecuador e il Brasile. La fossa comune è stata scoperta a circa 14 miglia (22 chilometri) dalla città di San Fernando nello stato di Tamaulipas, vicino al confine con il Texas.
Il viaggio in sé può essere pericoloso: All'inizio di quest'estate, una fotografa ha scattato un'immagine di Oscar Alberto Martinez e della sua bambina di 23 mesi Angie Valeria Martinez, a faccia in giù in acque torbide disseminate di erbacce vicino a Matamoros, Messico. Erano annegati il giorno prima, mentre cercavano di attraversare il Rio Grande per raggiungere il Texas.
Sudamerica
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare