Narcos sequestrano e uccidono
i profughi

| La tragedia di un padre guatemalteco con un bimbo di 10 anni. Rapiti in Messico, i narcos hanno chiesto il riscatto ai loro parenti in USA. Ma hanno ucciso il padre e ferito il bimbo

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien
Padre e figli profughi guatemaltechi diretti negli USA sono stati aggrediti e rapiti nello Stato di Veracruz in Messico, il padre è morto è il piccolo è gravissimo. L’ennesima tragedia legata all’immigrazione ha commosso (una parte) degli americani. Quando è stato trovato, il bambino di 10 anni era vivo per miracolo, con un profondo taglio nel collo. Le foto della CNN lo strano accanto al padre che ancora gli circonda le spalle con un braccio, come per proteggerlo. Secondo il presidente della Commissione statale per i diritti umani di Morelos Raúl Hernández, Cristian e suo padre Rudy, 37 anni, sono partiti dal Guatemala il 28 maggio. Erano in viaggio anche lo zio di Cristian e il cugino adolescente. Un piccolo gruppo: due fratelli che viaggiano insieme, ognuno con un figlio. Avevano assunto un contrabbandiere in Guatemala che li avrebbe portati fino agli Stati Uniti, ma il contrabbandiere li ha abbandonati in Messico dove sono stati rapiti da membri del cartello della droga Los Zetas. Avrebbero chiamato i parenti delle loro vittime negli Stati Uniti, chiedendo un riscatto di 12.000 dollari. La famiglia è stata in grado di inviare solo 8.000 dollari, ma non ha ricevuto risposta dai rapitori.
Pochi giorni dopo, il 6 luglio, Cristian e suo padre sono stati trovati sdraiati sul ciglio di una strada sterrata nello stato di Morelos, lasciati a morire. La gola dell'uomo era stata tagliata, ma suo figlio respirava ancora. Le autorità hanno poi detto che lo zio e il cugino sono riusciti a fuggire, e ora sono sotto la cura delle autorità messicane, secondo un portavoce dell'Ufficio del Governatore di Morelos.
Cristian è stato portato in un ospedale della città di Cuatla, dove riceve cure psicologiche, oltre che cure mediche”, ha detto il Ministero degli Esteri guatemalteco.
I migranti che attraversano il Messico sono abitualmente vittime di crimini che vanno dal furto e dall'estorsione allo stupro e all'omicidio. Nel 2010, i corpi di 72 migranti, 58 uomini e 14 donne, sono stati scoperti in una fossa comune nel nord-est del Messico. Le autorità messicane hanno detto di ritenere che la maggior parte delle vittime provengano da Honduras e El Salvador, anche se alcune provengono da paesi lontani come l'Ecuador e il Brasile. La fossa comune è stata scoperta a circa 14 miglia (22 chilometri) dalla città di San Fernando nello stato di Tamaulipas, vicino al confine con il Texas.
Il viaggio in sé può essere pericoloso: All'inizio di quest'estate, una fotografa ha scattato un'immagine di Oscar Alberto Martinez e della sua bambina di 23 mesi Angie Valeria Martinez, a faccia in giù in acque torbide disseminate di erbacce vicino a Matamoros, Messico. Erano annegati il giorno prima, mentre cercavano di attraversare il Rio Grande per raggiungere il Texas.
Sudamerica
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso