Nazionale colombiano giustiziato dai narcos: 'colpevole' di autogol

| Sono passati 25 anni dall'omicidio di Andrès Escobar, 18enne difensore della Nazionale Colombiana. Ai mondiali del '94 fece un autogol durante la partita con gli USA. Fu ucciso da un narcos. Il 2 luglio il giorno della memoria

+ Miei preferiti

In Colombia, come tutti gli anni, ci si appresta a ricordare l’assurdo sacrificio del calciatore 18enne della Nazionale Andrés Escobar, giustiziato il 2 luglio 1994 dal cartello della droga dopo che il suo sfortunato autogol che aveva aveva distrutto il sogno di vincere la Coppa del Mondo del 1994 e sopratutto provocato una voragine delle scommesse clandestine dei narcos. Un killer gli sparò 6 volte, all’uscita di un locale notturno. A ogni colpo aveva urlato: “Goal!”.

La Colombia aveva concluso in testa al gruppo di qualificazione, battuto l'Argentina per 5-0, ed era tra le squadre favorite per la vittoria finale. Ma il difensore Andrés Escobar, nella partita decisiva per la qualificazione al turno successivo, fece autogol, gli Stati Uniti vinsero 2-1 e la Colombia fu eliminata. Il fatto provocò uno choc all’intero Paese, in quegli anni lacerato dalla guerra ai cartelli della droga. Non solo un choc sportivo. Ma il racket delle scommesse clandestine, gestito dai narco-cartelli, perse somme ingenti per l’errore di Andrès. A lui gli amici avevano suggerito di andarsene dalla Colombia, le minacce di morte erano state incessanti. Lui disse no: "Non ho nulla da rimproverami, capiranno". Cinque giorni dopo il delitto. Il trafficante Humberto Castro Muñoz, guardia del corpo dei baroni della droga che si pensava avessero perso molti soldi, fu arrestato il giorno dopo e confessò l’omicidio. Il forte difensore, una promessa, era stato giudicato ”colpevole” dell'eliminazione della sua Nazionale, fu ucciso nel parcheggio del bar Padua di Medellín. L’assassino, disse la fidanzata presente durante l’esucuzione, alla fine aveva ringraziato il calciatore;  "Grazie per l'autogoal"[1].

Il numero 2, usato in campo da Escobar, fu per qualche tempo ritirato e solo anni dopo è tornato alle spalle di altri giocatori della Nazionale. L'assassino di Escobar fu condannato a 43 anni di carcere. Con la riforma del codice penale del 2001 la pena fu ridotta a 26 anni. Nel 2005, con una sentenza giudicata controversa, fu rimesso in libertà dopo 11 anni di carcere[1]Andrés Escobar è stato sepolto nel cimitero di San Pietro, a Medellin.

Sudamerica
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne