Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar

| Un giovane gallese ha vinto la scommessa fatta con un amico, ma aver sniffato cocaina sulla lapide del re dei narcos gli ha procurato parecchie grane con le autorità colombiane, e non solo

+ Miei preferiti
Ufficialmente, le autorità cittadine di Medellìn non sono affatto felici dei “narcos tour” sui loghi che furono di Pablo Escobar, il temibile sovrano dei narcotrafficanti colombiani. Ma alla fine, avere un’icona pop fa comodo alle casse comunali, così tutti chiudono un occhio sul pellegrinaggio continuo e incessante di gente che arriva da ogni parte del mondo per rendere omaggio al “re della cocaina”. Ma c’è un limite a tutto, ed è quello che Steven Semmens, gallese di Swansea, 35 anni, ha superato. Era arrivato a Medellìn per fare visita alla ragazza colombiana che aveva messo incinta la scorsa estate a Ibiza, e non ha resistito alla tentazione di andare a vedere di persona la tomba di Escobar. Peccato che invece di limitarsi a scattare una foto o portare un fiore, come fanno quasi tutti, Steven ne abbia approfittato per vincere una scommessa fatta con un amico prima di partire: 200 sterline se hai il coraggio di sniffare cocaina sulla tomba di Escobar. Un giochetto da ragazzi, ha pensato Steven, che ha postato un video sul suo profilo in cui lo si vede sniffare direttamente dal marmo che copre la tomba del re del narcotraffico.

La condivisione ha fatto sì che a vederlo fossero anche le autorità colombiane, che dopo aver individuato Steven Semmens gli hanno notificato una denuncia e un decreto di espulsione immediata dal paese, con divieto di presentarsi ai confini per cinque anni. Ma non basta, perché il costo della bravata, che già così avrebbe superato di gran lunga le 200 sterline guadagnate, ha scatenato anche un’ondata di minacce di morte giunte dai social. “Sono diventato famoso di colpo e tutto questo è imbarazzante: c’è chi mi ferma per strada e mi chiede il perché, chi mi deride o mi insulta. Se dovessi perdere il lavoro per me diventerà praticamente impossibile trovarne un altro. So di aver deluso la mia famiglia e che diventerò causa di vergogna anche per i miei figli”.

Il giro dei luoghi di Medellìn che furono di “El patron” inizia in genere con “Mónaco”, l’edificio di sei piani in cui viveva la famiglia Escobar, nel 1988 bombardato dal cartello rivale di Cali, quindi la residenza “Nápoles”, anche questa utilizzata dalla famiglia e la “La Catedral”, la prigione privata e di lusso pensata e costruita da lui stesso per essere rinchiuso dopo un accordo raggiunto con il governo colombiano. Tappa d’obbligo il quartiere borghese in cui il 2 dicembre 1993 Pablo morì dopo un violento scontro a fuoco con la polizia nazionale colombiana e per finire il “Cemetario Jardines Montesacro” di Itagüí, a sud di Medellìn, dove Pablo Escobar è cresciuto e riposa accanto alle tombe dei suoi genitori e di altri parenti. O almeno ci prova.

Video
Galleria fotografica
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar - immagine 1
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar - immagine 2
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar - immagine 3
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar - immagine 4
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar - immagine 5
Nei guai per la coca sulla tomba di Escobar - immagine 6
Sudamerica
Nazionale colombiano giustiziato dai narcos: 'colpevole' di autogol
Nazionale colombiano giustiziato dai narcos:
Sono passati 25 anni dall'omicidio di Andrès Escobar, 18enne difensore della Nazionale Colombiana. Ai mondiali del '94 fece un autogol durante la partita con gli USA. Fu ucciso da un narcos. Il 2 luglio il giorno della memoria
Caraibi, ancora un turista USA morto
Caraibi, ancora un turista USA morto
E' la nona vittima di strane malattie o malori improvvisi in 13 mesi. I familiari di Joseph Allen, 55 anni, uno sportivo in buona salute, vogliono sapere di cosa è morto. Trovato senza vita in un resort
Blackout in Sudamerica: 50 milioni di persone al buio
Blackout in Sudamerica: 50 milioni di persone al buio
Fra i paesi più colpiti l’Argentina e l’Uruguay, oltre ad alcune zone di altri paesi vicini. Il guasto, ancora da chiarire, è al sistema di interconnessione. La società fornitrice assicura: nel giro di poche ore torneremo alla normalità
Profughi venezuelani più numerosi dei siriani
Profughi venezuelani più numerosi dei siriani
Drammatica denuncia OAS, appello ad affrontare la crisi umanitaria nel Paese distrutto dal regime di Maduro e dai suoi alleati
Venezuela: inflazione al 37700x100. E Maduro stampa banconote da 50000 bolivar: carta straccia
Venezuela: inflazione al 37700x100. E Maduro stampa banconote da 50000 bolivar: carta straccia
Inflazione spaventosa, il regime stampa fogli di carta senza valore mentre i consumi di carne e latte scendono ai minimi storici. L'unica attività in progresso è la repressione: arrestato generale ed ex ministro
Il cimitero dell''aero-terrorismo'
Il cimitero dell
Chavez aveva finanziato una linea aerea tra Venezuela. Ira e Siria. Ora gli aerei della flotta giacciono in un cimitero nello stato brasiliano di Vargas
4 milioni di venezuelani in fuga
4 milioni di venezuelani in fuga
È stata definita una delle crisi umanitarie più grandi nella storia del Sudamerica. La maggior parte si dirige verso Colombia e Perù, ma diversi paesi iniziano a rendere più difficile l’ingresso
Il Brasile di Bolsonaro, tra pesticidi e omofobia
Il Brasile di Bolsonaro, tra pesticidi e omofobia
Dall'esagerata deforestazione dell’Amazzonia all’abuso dei pesticidi, dai soprusi verso le minoranze alla sottomissione nei confronti delle lobby internazionali: la popolarità del presidente in carica da gennaio sta rapidamente calando
Parlamentari in carcere, vivi o morti?
Parlamentari in carcere, vivi o morti?
Appello al regime di Maduro della famiglia del vice di Guaidò, Edgar Zambrano, in carcere dall'8 maggio. "Violati i diritti costituzionali, non sappiamo più nulla di lui". Ma i grillini italiani restano "neutrali". In cella 17 parlamentari
così muoiono i bimbi di Caracas'>Debito con l'Italia
così muoiono i bimbi di Caracas
Debito con lcosì muoiono i bimbi di Caracas' class='article_img2'>
La storia di Erick malato di cancro, morto nell'attesa di un trapianto negli ospedali italiani in base a un accordo del 2010. C'è un debito di 10,7 milioni di euro e i piccoli malati, privi di farmaci e cure, si spengono uno dopo l'altro