New York, caccia al tesoro di Maduro

| Le agenzie Usa hanno individuato un finanziere argentino che avrebbe un ruolo nella gestione di un miliardo e 200 milioni sottratto al popolo venezuelano dal regime chavista. Inchiesta de El Tiempo ed El Universal

+ Miei preferiti
Sospetti ingenti movimenti di denaro e le imprese di un miliardario argentino di 44 anni, con sede a New York, sono la nuova traccia seguita dai dipartimenti di Giustizia e Tesoro degli Stati Uniti per trovare il luogo in cui si trova la fortuna nascosta di Nicolás Maduro e per annientare le sue fonti di investimenti stranieri. Si tratta di Diego Adolfo Marynberg (nella foto di INFOBAE), di origine israeliana e identificato come Zev nel suo passaporto. Pochi conoscono il suo volto, ma il suo nome ha cominciato a circolare questa settimana, dopo che il governo Trump ha annunciato che stava preparando nuove sanzioni contro gli uomini d'affari che sarebbero stati dietro il movimento di oltre 1,2 miliardi di dollari che Maduro è riuscito a saccheggiare dalle casse venezuelane. Marynberg è una vecchia conoscenza del governo, che era sbarcato in Venezuela nel 2006 con la promessa di investire in società pubbliche o espropriato da Hugo Chavez, che ha ricevuto l'uomo d'affari in buona forma, ha detto informatori attualmente protetti dal governo degli Stati Uniti. 
Con i dividendi che afferma di aver ottenuto da quella e da altre aziende, ha acquistato costose proprietà negli Stati Uniti, tra cui un appartamento di 1.500 metri quadrati situato a sud di Central Park a New York. Dopo aver siglato la transazione, nel 2015 l'ha venduta per più di 30 milioni di dollari per trasferirsi in un'altra proprietà eccentrica nel nord di questa città, dove risiede una rispettabile comunità ebraica.
Fonti federali dicono che Marynberg e sua moglie, Elena Spolsk, professano il giudaismo. E con questo argomento hanno giustificato succose donazioni di 13,5 milioni di dollari a fondazioni che sostengono l'insediamento di ebrei a Gerusalemme Est. Il denaro proveniva da un'azienda panamense che riceveva flussi di denaro da diversi paesi, tra cui il Venezuela. 
Il quotidiano israeliano Haaretz ha sottolineato che negli ultimi 15 anni Marynberg ha fatto questo tipo di donazioni a fondazioni qualificate come pro-sioniste, che possono facilmente superare i 6 milioni di dollari e che si trovano sotto la lente d'ingrandimento delle agenzie israeliane senza raggiungere risultati concreti. E anche se i federali hanno un particolare interesse per ciò che Marynberg ha realizzato e ha fatto con il partito al potere, tengono anche traccia degli affari che ha fatto in Argentina durante il mandato di Cristina Fernández de Kirchner.  L'ipotesi è che i profitti delle attività opache di quel governo siano stati spostati per mezzo di obbligazioni, trasferite a una banca di Curaçao. È già noto che buona parte del denaro proveniva dalla vendita di obbligazioni emesse dal governo venezuelano, che circolavano attraverso Mercantil Valores Agente de Valores S.A., guidata da Diego Marynberg. E mentre l'Argentina-Israeli ha trovato molteplici investimenti legali, tra cui uno recente in un potente gruppo di comunicazione, l'attenzione delle autorità è focalizzata sull'attività di GEO Oportunitys Equity Ltda, uno dei fondi azionari più performanti dell'America Latina.  Gli utili di questo fondo hanno permesso all'Argentina di acquisire Mercantil Servicios Servicios Financieros CA, la seconda banca più importante del Venezuela, durante il mandato di Chávez.  Ma la pietra angolare del suo emporio è Adar Capital Partners, un fondo d'investimento con sede a Buenos Aires, New York e Tel Aviv, attraverso il quale opera in borsa e, tra gli altri settori, nel campo immobiliare. Anche se sembra avere tutto in ordine, in materia contabile, si ritiene che gli ufficiali dei servizi segreti dell'esercito venezuelano ricevano informazioni sulle loro attività. In realtà, il giornalista Jaime Bayly ha detto il 13 maggio che ha informazioni che dice che Marynberg avrebbe aiutato Maduro a compiere operazioni fraudolente con sterline, del valore di oltre 800 milioni di dollari e che sarebbe stato fatto tra il 2014 e il 2015. Né Maduro, che è stato coinvoltonelle recenti discussioni con Bayly, né Marynberg si sono pronunciati sulle accuse. Infatti, El Tiempo ha cercato l'argentino e ha lasciato messaggi sulle sue reti, ma non ha risposto.
Tuttavia, si prevede che nei prossimi giorni i sospetti circa i suoi affari con il Venezuela e anche con il governo di Cristina de Kirchner, che aspira ora alla vicepresidenza del suo paese, saranno affrontati modo chiaro. Il Wall Street Journal ha indicato che sono passati alcuni giorni prima che siano note nuove sanzioni contro il partito al potere. E gli Stati Uniti promettono di segnalare gli uomini d'affari che si sono prestati per milioni di operazioni di riciclaggio. Si dà per scontato che uno di questi è il barranquillero Álex Saab, il responsabile delle cosiddette scatole CLAP, con cui il governo esercita un controllo sociale sulla popolazione più povera. Due settimane fa, il Dipartimento del Tesoro ha sottolineato che questi sistemi sono stati utilizzati per una gigantesca operazione di riciclaggio a favore di Maduro.
 
Sudamerica
Messico: punito il sindaco dalle promesse facili
Messico: punito il sindaco dalle promesse facili
Durante la campagna elettorale, Jorge Luis Escandón Hernández aveva promesso nuove strade e investimenti, ma una volta eletto non ha fatto nulla. La folla lo ha prelevato dal suo ufficio, legato ad un pick up e trascinato per le strade
El Mencho, il nuovo signore della droga messicana
El Mencho, il nuovo signore della droga messicana
Dieci milioni di dollari di taglia a chi permetterà di catturare l’erede naturale di El Chapo. Un ex poliziotto che ha creato un impero con diramazioni in tutto il mondo
Messico, 2 morti sulle montagne russe
Messico, 2 morti sulle montagne russe
Un vagone della popolare Quimera è deragliato: l’attrazione del più noto parco di divertimenti di Città del Messico è stata messa sotto sequestro in attesa dei rilievi tecnici
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa
Sono stati sequestrati cinque anni fa dalla polizia che voleva fermare tre autobus diretti a Città del Messico. Di loro non si sa più nulla, e le commissioni governative sono accusate di indagini lente e malfatte
Bimba uccisa dalla polizia, esplode la protesta a Rio
Bimba uccisa dalla polizia, esplode la protesta a Rio
La piccola, 8 anni, è stata colpita da un proiettile esploso dalla polizia: centinaia di persone in piazza per protestare contro i provvedimenti sulla sicurezza voluti da governatore
Le vedove nere dei cartelli messicani
Le vedove nere dei cartelli messicani
Come il celebre ragno predatore sono belle, spietate, crudeli e assetate di sangue. C’è una nuova generazione di donne giovani che spinte dalla povertà, guidano organizzazioni criminali con polso fermo, in un mix di sesso, sangue e violenza
Muore la Kardashian di Sinaloa
Muore la Kardashian di Sinaloa
Claudia Ochoa Felix, 34enne messicana, era considerata una delle più spietate e potenti boss del narcotraffico messicano. È stata tradita da un’overdose fatale
Brasile, 4 stupri ogni ora
Brasile, 4 stupri ogni ora
Sono i drammatici risultati di un rapporto pubblicato da un’organizzazione non governativa. Preoccupa la posizione di Bolsonaro, presidente dalle posizioni misogine
Brasile: trovato morto l’italiano scomparso
Brasile: trovato morto l’italiano scomparso
Il corpo carbonizzato di Luca Romania è stato ritrovato il giorno successivo alla scomparsa, il 24 agosto. Viveva da quasi vent’anni in Brasile
Colombia: candidata sindaca bruciata viva
Colombia: candidata sindaca bruciata viva
La terribile fine di Karina Garcia Sierra, uccisa insieme alla scorta in un veicolo dato alle fiamme. Da tempo aveva ricevuto minacce e intimidazioni. Sospetti sui cartelli della droga e sui gruppi dissidenti delle Farc